Continua il trend positivo dell’ Imoco..

Scritto da on mar 6th, 2013 e archiviato sotto la categoria Notizie, Serie A1. Puoi seguire la discussione di questo post tramite RSS 2.0. Puoi lasciare una risposta o un trackback a questo post.

IMG_8223Altra vittoria e altra festa,in un Palaverde gremito per l’ennesima impresa stagionale dell’Imoco volley Conegliano che batte 3-1 la KGS ROBUR PESARO e vola al quarto posto solitario quota 25 punti. La squadra veneta,trascinata da una Nikolova sempre più leader del gruppo (MVP con i suoi 24punti), ha domato una Pesaro molto quadrata a muro e difesa ma molto sprecona dalla linea dei 9 metri; costante la crescita delle ragazze di Marco Gaspari che sembra aver trovato un equilibrio perfetto con un gruppo giovane ma con ampi margini di miglioramento ancora. Ottima la prova della giovane Letizia Camera che ha orchestrato con lucidità e freddezza tutti i vari attacchi gialloblu; la squadra di Pistola paga invece la poca lucidità di Pino Moreno e compagne soprattutto nei momenti decisivi del set.

Le padrone di casa schierano Camera in regia con Nikolova opposta,Barazza e Calloni al centro,Fiorin e Barcellini i martelli,libero Rossetto. La KGS ROBUR PESARO risponde con la diagonale Signorile-Pino Moreno ,Gibbemeyer e Manzano al centro,Muresan  e Tirozzi in banda,libero Monica De Gennaro.

CRONACA

Inizio di gara molto equilibrato dove i piccoli break vengono immediatamente cancellati da ambedue le parti:un muro di Barazza permette a Conegliano di andare avanti alla prima sirena (8-7).Le padrone di casa sembrano avere la forza di scappare e ci provano più di una volta con Fiorin ma Pesaro si difende e, sfruttando qualche errore di Nikolova, resta aggrappata al match. Ci pensa sempre Barazza ,stavolta con un pallonetto, a portare avanti Conegliano anche alla seconda sirena tecnica (16-15). Le ragazze di Gaspari scappano definitivamente quando un attacco di Muresan si ferma in rete e coach Pistola è costretto a fermare il gioco (23-20).Un mani fuori di una grande Emy Nikolova consegna a Conegliano il primo set (25-21).

Inizio di secondo set shock per l’Imoco che, bombarda da Muresan, viene richiamata immediatamente da Gaspari (0-3). La reazione non si vede e gli attacchi di Moreno e Tirozzi portano avanti Pesaro al primo time out tecnico (3-8). Le ospiti tirano su tutto e con una strepitosa Moreno prendono il largo costringendo Gaspari a fermare nuovamente il gioco (8-14). Nikolova e Fiorin cercano di ridurre il gap ma Gibbemeyer porta avanti le ospiti anche al secondo time out (12-16). L’ace di Camera riduce nuovamente il gap e Pistola è costretto a richiamare le sue atlete (15-17). Barazza sbaglia la ricezione e il muro di Manzano fa volare Pesaro (19-22). Un muro di Fiorin fa tremare il Palaverde e Pistola corre a ripari fermando il gioco (22-23). Zanotto, entrata in battuta al posto di Nikolova, sbaglia così come Fiorin che regala il 22-25 che rimette in parità il match.

Nel terzo set l’Imoco parte ancora contratta subendo notevolmente il gioco delle ospiti e Gaspari è costretto a spendere subito un tempo (1-4). La reazione c’è con Barcellini e Fiorin che ribaltano la situazione e grazie ad un errore in battuta di Moreno volano avanti al primo time out (8-6). Nikolova e Fiorin tengono avanti Conegliano che vola avanti anche al secondo time out tecnico (16-12). Gibbemeyer  mura Calloni e riporta sotto le biancorosse (17-15) ma Pistola è costretto successivamente a fermare 2 volte il gioco per i troppi errori (21-15). Barcellini stampa Manzano e porta le gialloblu ad passo dalla chiusura (23-16). E’ la stessa atleta piemontese con un bel mani fuori a firmare il 25-17 e a portare avanti 2-1 le pantere.

Il quarto set si apre con un grande equilibrio rotto dall’errore di Nikolova che permette a Pesaro di condurre alla prima sirena obbligatoria (7-8). La trama perfetta tracciata da Letizia Camera manda in tilt le ospiti che devono fermare il gioco dopo l’ennesimo attacco vincente di Barcellini (12-10). La cattiveria di Pesaro si traduce in un break di 4-0 che ribalta la situazione e costringe stavolta Gaspari a fermare il gioco (12-14). La strigliata non sembra produrre nulla di buono e un gran muro di Muresan porta avanti Pesaro alla seconda sosta (12-16). La reazione c’è e le pantere si riportano in parità con Nikolova (16-16). Moreno prova la fuga decisiva per il tie break ma Fiorin e Barcellini tengono in scia Conegliano (20-21). Barazza fa esplodere il Palaverde con il muro della parità (21-21) ma è Nikolova a chiudere il set con un muro e un attacco di pregevole fattura. Conegliano vince 25-23 e conquista 3 punti fondamentali per la sua oramai ambiziosa classifica.

Manuel Vanzetto.

Devi essere loggato per scrivere un commento Login

Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari.
I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori. Ogni abuso sarà perseguito ai termini di legge.
Sono vietate le COPIE anche parziali delle parti scritte, di ogni parte grafica comprese le foto e i filmati

Vivovolley è una testata giornalista, registrata presso il Tribunale di Milano (n. 331 del 22/10/2014)
Online dal 2006 © Vivovolley.net - Direttore: Avv. Rossana Foglia | Per Contattare VivoVolley Clicca Qui

© 2007-2017 Powered by Francesco Langiulli | Get Sport Media