Marchio Foppa.. Ed è semifinale..

Scritto da on apr 24th, 2013 e archiviato sotto la categoria Notizie, Serie A1. Puoi seguire la discussione di questo post tramite RSS 2.0. Puoi lasciare una risposta o un trackback a questo post.

Bergamo-Piacenza_163Il marchio Foppapedretti colpisce ancora. A farne le spese la Duck Farm Chieri Torino che nel quarto set ha “paura” di vincere, subisce la rimonta della squadra orobica che si gioca il tutto per tutto al tie break. Sicuramente le piemontesi con Piccinini avrebbero gestito diversamente la serie, forse non saremmo qui a incastrare un altro pezzo di un mosaico colorato di rossoblu. Ma nello sport tutto succede. E, alla luce dei problemi economici avuti e tutt’ora in corso, il Chieri Torino esce a testa alta, con le ragazze che possono gridare a gran voce: “Sono orgogliosa di me”.. Le soluzioni offensive delle piemontesi non sono tante, Bechis smista bene il gioco, ma dall’altra parte della rete c’è qualcosa di più di un semplice gruppo. Cuore, carattere, grinta, discesa agli inferi e salita in paradiso. Ho letto di ogni oggi sui quotidiani e nel web, ma la realtà delle cose è una sola: Foppapedretti è come un marchio impresso nella pelle, quando arrivi a Bergamo te lo autoimprimi, volente o nolente. Forse perchè quando sei in campo alzi lo sguardo e vedi appese al muro del Pala Norda tutte le vittorie conquistate in decenni di storia sportiva, forse perchè se ti guardi intorno scopri sempre di più un pubblico che ha fame quanto la società e a perdere non ci sta, che ti osanna ma pure ti fischia; forse perchè quando guardi le compagne leggi negli occhi la stessa cosa: “Dimostriamo chi siamo”.. Insieme a tutto questo ci sono sconfitte, problemi, come nelle migliori famiglie, ci sono atteggiamenti non sempre apprezzati, il sapere vendere la propria mercanzia meglio di quella che è veramente, ma anche questo fa parte del gioco..

Una squadra creata con un budget limitato rispetto ad altri “squadroni”, la scelta di fare il passo per la gamba che si ha e non vendere illusioni lasciando a piedi atlete e staff (ovviamente da questo punto di vista Bergamo non è la sola, tanto di cappello a tutte le società che mantengono fede ai contratti), ma soprattutto la capacità di scegliere le atlete/staff che fanno al “caso Foppa”, non sempre ci si azzecca, ma il fiuto c’è, costantemente. Certo, ci sono anche gli aspetti negativi, troppa burocazia, poca apertura verso il tifo ed il pubblico, un marketing che non sfrutta le potenzialità del nom e quell’ uscire dalle righe, che in fondo, la Foppapedretti si può permettere. Vero è che, alla fine, in campo queste cose non contano. Conta il marchio di fabbrica.  La Foppapedretti non è un libro che inizi e finisci, a tappe o tutto di un fiato. E’ una storia infinita a episodi. Le semifinali play off sono il culmine di una stagione in cui, se a inizio anno si fosse parlato di F4 di Coppa Italia e semifinali play off, in pochi ci avrebbero creduto e in tanti messo subito la firma. Un episodio che narra una stagione iniziata bene, poi calata, in cui probabilmente si è visto il reale valore tecnico della squadra. Ma per vincere non conta solo questo, perchè ..”la differenza tra il normale e lo straordinario, è quel piccolo “extra”..

Piacenza ha tutte le carte in regola per arrivare in finale, sarà dura per Bergamo, anche giocando senza aver più nulla da perdere. “Chi vivrà, vedrà” come si suol dire, ma  la realtà è che Bergamo il suo scudetto lo ha già vinto.

Cristina Gatti

Devi essere loggato per scrivere un commento Login

Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari.
I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori. Ogni abuso sarà perseguito ai termini di legge.
Sono vietate le COPIE anche parziali delle parti scritte, di ogni parte grafica comprese le foto e i filmati

Vivovolley è una testata giornalista, registrata presso il Tribunale di Milano (n. 331 del 22/10/2014)
Online dal 2006 © Vivovolley.net - Direttore: Avv. Rossana Foglia | Per Contattare VivoVolley Clicca Qui

© 2007-2017 Powered by Francesco Langiulli | Get Sport Media