Ferretti lancia Piacenza e la Foppa si perde…

Scritto da on mag 1st, 2013 e archiviato sotto la categoria Notizie, Serie A1. Puoi seguire la discussione di questo post tramite RSS 2.0. Puoi lasciare una risposta o un trackback a questo post.

E’ la Rebecchi Nordmeccanica Piacenza la prima finalista del campionato 2012/2013: nulla da fare per la Foppa “dei miracoli” (sfortunata anche per aver person Merlo per infortunio nel terzo set) contro una squadra che ha tenuto costantemente in pugno la partita. Aggressiva sin dall’ inizio, Piacenza detta il ritmo del gioco, è ben organizzata in campo, punge in battuta, attentissima nella correlazione muro-difesa (14 muri contro i 7 orobici), una Ferretti in grande spolvero che smista il gioco con fantasia innescando tutti i terminali offensivi, con la sola Meijners piuttosto sottotono in prima linea (ma che piazza ben 4 muri).  Dal canto suo Bergamo non riesce a cambiare l’inerzia della partita, sia ad inizio del secondo e terzo parziale prova a tentare di staccare le piacentine, ma il tutto rimane incompiuto, l’attacco è troppo discontinuo e poco efficacie per tentare solo di portare via un set alla squadra di Caprara. Interessanti i colpi con lo stacco ad un piede di Crimes (chissà perchè visti solo in questa gara se la memoria non inganna), Di Iulio l’ unica che graffia con costanza, per il resto regia incolore, difesa sottotono, poco ordine in campo, ma soprattutto Bergamo che non combatte, che non trova le energie ed il carattere per uscire da gara 2 “da Foppa”..

In conclusione, grande stagione per le rossoblu, aspettative ben sopra ciò che si ci poteva aspettare ad inizio anno, uscita di scena a testa alta, ma con rammarico (a nostro avviso) sia per gara 1 che gara 2. Il marchio Foppa non si discute, con qualche “aggiustamento” (cambio regia, un centro ed una banda) il prossimo anno potrà essere ancora più competitiva pur con un budget “limitato”. Piacenza gioca bene, nulla da dire, quando decide di farlo, completa in tutti i reparti (pur mancando di un cambio effettivo per Turlea), guidata da un signor tecnico che ha dato un nuovo volto e una nuova amalgama ad una squadra “ricca” di campionesse. Gara 1 e gara 2 hanno mostrato il bello ed il brutto della Rebecchi Nordmeccanica, ma anche l’ esperienza e il carattere proprie di una grande squadra che può puntare in alto.

Cristina Gatti

4 Responses for “Ferretti lancia Piacenza e la Foppa si perde…”

  1. serpe scrive:

    Ma scusa eh !! Qualche”Aggiustamento”" ????? Un palleggio,una banda e un centro ???? Solo ??? Bergamo per me ha fatto sin troppo !! Che si voleva andare in finale ??? E magari vincerla. A Bergamo siete proprio incorreggibili !!!!!!!!1 Secondo me ti ci vogliono 4 giocatori . Se vuoi ti faccio mercato io !! Ti dico??

  2. Ziomario scrive:

    Mah…dopo gara 2 a Torino ho percepito un fastidio da parte di qualche mammasantissima dirigenziale orobico verso la panchina!!
    Ma dai con un roaster da salvezza sono arrivati a giocarsi l’entrata in finale!
    Complimenti per aver scelto Tecnico e Staff di ottime speranze e giovanotte di gran qualità.Un anno molto positivo e che stiano calmini tutti. .
    Un consiglio….forse meno Dirigenti e piu Giocatori!!

  3. serpe scrive:

    Un mercato elegante e discreto senza spaccare troppo le scatole,come invece son soliti fare quelli che si credono forti e a cui tutto e’ dovuto. Carnaghi chiude, e allora Folie,Bosetti e volendo Garzaro. Chieri andra’ a cantare con Giaveno,e allora Gennari,Bechis e soprattutto Fabris.prima che i soliti odiosi avvoltoi si servano.. Io penserei pure alla Rasic. . Mi terrei DiIulio,Merlo,Dijouf e il palleggio tedesco con la sua riserva tedesca………,!!!!!! Il resto per me non e’ da Bergamo. Lavarini in panca previo colloquio per chiarirsi idee e finalita’.

  4. Ziomario scrive:

    Si davvero ci sono libere delle giovani(Fabbris;Gennari,Bosetti C,Folie, Bechis,ecc,ecc) e non solo che hanno talento e con buone esperienze che consentirebbero ,non solo a Bergamo, di fare un ottimo mercato.

Devi essere loggato per scrivere un commento Login

Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari.
I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori. Ogni abuso sarà perseguito ai termini di legge.
Sono vietate le COPIE anche parziali delle parti scritte, di ogni parte grafica comprese le foto e i filmati

Vivovolley è una testata giornalista, registrata presso il Tribunale di Milano (n. 331 del 22/10/2014)
Online dal 2006 © Vivovolley.net - Direttore: Avv. Rossana Foglia | Per Contattare VivoVolley Clicca Qui

© 2007-2017 Powered by Francesco Langiulli | Get Sport Media