Prova di forza per Piacenza contro una Imoco di carattere..

Scritto da on mag 6th, 2013 e archiviato sotto la categoria Notizie, Serie A1. Puoi seguire la discussione di questo post tramite RSS 2.0. Puoi lasciare una risposta o un trackback a questo post.

IMG_1399Inizia a Treviso la finale scudetto con una cornice di pubblico mozzafiato: al Palaverde, nuovo record stagionale con 5500 spettatori, l’Imoco volley Conegliano si deve inchinare alla Rebecchi Nordmeccanica Piacenza che espugna il parque trevigiano e fa sua gara 1 portandosi avanti 1-0 nella serie. Le pantere di Marco Gaspari imprimono il loro ritmo nei primi due set ma non riescono a dare il colpo decisivo del ko ad una Rebecchi che deve ringraziare Meijners (MVP e autentico rullo compressore con 25punti finali) che a suon di bordate riesce a raddrizzare e far sua la partita. Gara molto combattuta a muro (17 a 14 per Piacenza) ma decisa anche dai 6 ace a 0 per le ragazze di Caprara che ribaltano la partita grazie anche ai 26punti della giovane Bosetti e ai muri di Leggeri. Martedì si ritorna in campo a Piacenza dove si prospetta un’altra lunga battaglia.

Le padrone di casa schierano la formazione tipo che vede Camera in regia con Nikolova opposta, Calloni e Barazza al centro, Fiorin e Barcellini in banda, Rossetto il libero. La Rebecchi Nordmeccanica Piacenza  risponde con la diagonale Ferretti -Turlea, capitan Leggeri e Guiggi in centro, Meijners e Bosetti i martelli, il libero è Sansonna.

L’emozione un po si fa sentire in casa Imoco nei primissimi palloni ma subito la grinta di Calloni e i le bordate di Nikolova e Fiorin riportano in parità la gara che permane fino all’ace di Meijners che manda avanti le ospiti al primo time out tecnico (7-8).I muri di Barazza tengono in alto Conegliano e dopo un invasione di Bosetti Caprara è costretto a fermare il gioco (12-9). Le ragazze di Marco Gaspari mettono il turbo con gli attacchi della solita Nikolova infiammando i tantissimi tifosi oggi accorsi e Caprara è costretto nuovamente a fermare il gioco (15-10). Ci pensa Fiorin con un mano fuori a mandare Conegliano avanti anche al secondo time out tecnico (16-11). Un break di 3-0 a favore di Piacenza riapre il set e Gaspari è costretto a richiamare le sue ragazze (16-14). Conegliano ritorna a volare con la sua capitana Calloni (19-15) ma sono gli attacchi di Bosetti a tenere in scia Piacenza costringendo nuovamente Gaspari a fermare il gioco (22-19). Ricomposti i tasselli il punto decisivo arriva da Nikolova (5 nel set con 62%) che fa esplodere il Palaverde e porta sull’1-0 il match (25-22).

Nel secondo set è sempre Conegliano ad imporre il suo ritmo e Caprara è subito costretto a fermare il gioco (6-4). Al rientro le ospiti,un po in confusione, commettono un fallo di posizione e vengono poi punite da Barcellini che manda le gialloblu avanti alla prima sirena (8-5). Fuori una spenta Turlea per Secolo ma la musica non cambia. Ferretti sbaglia tanto e Caprara toglie anche lei per la giovane Radenkovic (13-7). Rossetto non fa cadere un pallone e con Nikolova Conegliano fa il vuoto mettendo una seria ipoteca anche a questo set con Piacenza annichilita (16-8). La reazione non c’è e Caprara è costretto nuovamente a fermare il gioco (19-11). Ennesimo muro di Calloni su Guiggi che esce per far posto a Nicolini: le ospiti ritrovano un minimo di orgoglio e ricominciano a lottare costringendo stavolta Gaspari a spezzare il break (20-14). La paura un po si fa sentire in casa veneta e i due muri consecutivi di Nicolini costringono ancora il coach delle padrone di casa a fermare il gioco (20-16). Il muro di Nikolova su Meijners fa riesplodere il Palaverde (23-17) ma l’ace di Bosetti riavvicina le ospiti (24-21). La giovane schiacciatrice di Piacenza pretende troppo e regala il 25-21 in battuta che porta avanti 2-0 Conegliano nel conto dei set.

Nel terzo set le padrone di casa partono contratte e vengono travolte dalla voglia di Piacenza di riaprire la gara:coach Gaspari è costretto a richiamare subito le sue ragazze (1-4). Meijners continua a martellare portando le ospiti avanti al primo stop obbligatorio (4-8). L’orgoglio di Conegliano e di chi non molla mai riaprono la gara con le difese di una stratosferica Carla Rossetto e concluse dalla coppia Fiorin-Barcellini (9-10). Meijners e Bosetti stoppano la rincorsa delle gialloblu e portano avanti  Piacenza anche al secondo stop obbligatorio (13-16). Il  muro di Bosetti su Barcellini costringe Gaspari a fermare il gioco (14-19). Fuori Camera per Agostinetto ma il muro di Leggeri e gli attacchi di Turlea fanno volare Piacenza (15-23) . La romena chiude agevolmente un set stradominato (60% in attacco di squadra) con il pallone del 25-15 e riapre la gara.

Nel quarto set le padrone di casa ripartono a testa alta e lottando punto su punto contro una Rebecchi guidata ancora da Meijners: l’errore in battuta della giovane Camera da il primo vantaggio alle ospiti (7-8). Nikolova riesce a riacciuffare Piacenza (12-12) ma un break di 4-1 firmato Bosetti-Guiggi fa volare avanti le biancorosse anche alla seconda sosta tecnica (13-16). Meijners continua a forzare in battuta e, dopo l’ace su Fiorin, Gaspari è costretto a fermare il gioco (13-18). Il Palaverde è ammutolito e Conegliano sembra non averne più: il muro di Bosetti su Calloni fa intravedere il tie break (14-21). Gaspari,oramai rassegnato dell’esito del set, fa rifiatare Camera per Agostinetto e Piacenza chiude velocemente con il muro di Turlea su Fiorin che vale il 25-16 e tie-break.

Nel quinto e decisivo set partenza super ancora di Piacenza con i muri di Bosetti e Leggeri ma le pantere non demordono e cercano di restare in scia con gli attacchi di Calloni e Barcellini. Un punto contestatissimo di Meijners e un muro di Guiggi fanno scappare le ospiti costringendo Gaspari a fermare il gioco (4-7). Una fast di Guiggi manda al cambio di campo le due squadre (5-8) e la battuta pungente ancora di Meijners costringe nuovamente Gaspari a fermare il gioco (5-10). Fiorin prova un sussulto per riaprire la gara ma il muro di Piacenza è invalicabile che con Bosetti trova il 7-13. Ed è ancora la giovane schiacciatrice azzurra che traccia la strada per la vittoria che viene scritta dal muro di Turlea su Fiorin che fissa il risultato sul 8-15 per la Rebecchi Nordmeccanica Piacenza. La squadra di Caprara espugna così il Palaverde portando sull’1-0 la serie scudetto.

Prova di forza per le ragazze di Caprara che riescono a girare la gara giocando come sono capaci, martellando da ogni parte del campo, ritrovando smalto ma soprattutto la cattiveria agonistica. Conegliano è subito aggressiva, sfrutta gli errori e il nervosismo avversario, ma quando Piacenza decide di mettersi a giocare, c’è poca storia per le pantere, che lottano comunque fino alla fine. Ogni finale è una gara a sè. Sia Piacenza che Conegliano dovranno resettare tutto, ripartire da 0-0 e mettere in mostra la miglior pallavolo possibile ne modo più continuo possibile. Nota di colore: un PalaVerde gremito. bello vedere quanto la pallavolo dal vivo chiami sempre a sè tanto pubblico.

Manule Vanzetto

2 Responses for “Prova di forza per Piacenza contro una Imoco di carattere..”

  1. Ziomario scrive:

    Molto bello vedere un isola felice come Conegliano e anche come Piacenza !
    Non è finita! sarebbe un grave errore pensarlo. La Fiorin band deve convicersi che non sono state asfaltate e che con un po di esperienza in piu non si sarebbero spaventate di essere avanti 2 – 0.
    La Ferretti Group deve memorizzare i primi due set persi perche potrebbero non essere gli unici.Attenzione! Quelle si spaventano una volta sola!
    Comunque gran fegato e grande concentrazione per riemergere da due set in cui subivano per riemergere tirando fuori 3 set prepotenti.
    Bel giochino la Pallavolo

  2. Ziomario scrive:

    Per chi tifo? Per Ferretti e Fiorin! Ovvio!

Devi essere loggato per scrivere un commento Login

Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari.
I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori. Ogni abuso sarà perseguito ai termini di legge.
Sono vietate le COPIE anche parziali delle parti scritte, di ogni parte grafica comprese le foto e i filmati

Vivovolley è una testata giornalista, registrata presso il Tribunale di Milano (n. 331 del 22/10/2014)
Online dal 2006 © Vivovolley.net - Direttore: Avv. Rossana Foglia | Per Contattare VivoVolley Clicca Qui

© 2007-2017 Powered by Francesco Langiulli | Get Sport Media