Final Six World League: l’Italia parte forte, 3-1 alla Bulgaria

Scritto da on lug 19th, 2013 e archiviato sotto la categoria Comunicati Stampa, Nazionale. Puoi seguire la discussione di questo post tramite RSS 2.0. Puoi lasciare una risposta o un trackback a questo post.

 

ITALIA-BULGARIA  3-1 (25-18, 18-25, 25-22, 26-24)   

 

ITALIA: Birarelli 17, Zaytsev 19, Parodi 8, Beretta 7, Travica 2, Savani 12, Giovi (L). Piano, Lanza. Ne. Rossini (L), Vettori, Falaschi. All.Berruto

 

BULGARIA: Gotsev 7, Sokolov 27, Skrimov 11, Yosifov 8, Bratoev G. 3, Aleksiev 6, Salparov (L).  Dimitrov, Milushev. Ne: Samunev, Bratoev V.,  Penchev. All. Placì

 

Arbitri: Espicalsky (BRA), Cespedes (DOM)

 

Spettatori: 1800 Durata set: 23’, 23’, 29’, 29’   

 

Italia: bs 15 a 2 mv 10 et  24

 

Bulgaria: bs 15 a 7 mv 13 et 27

 

Mar del Plata. Buona la prima per l’Italia che nella gara d’esordio di questa Final Six in Argentina si regala una vittoria da 3 punti, 3-1 (25-18, 18-25, 25-22, 26-24) alla Bulgaria, che le consente di compiere un importante passo in avanti verso le semifinali. L’Italia grazie al successo odierno torna alla vittoria nella prima gara di una Fase Finale di World League a distanza di nove anni. Era dal 2004, infatti, anno in cui gli azzurri ebbero la meglio sulla nazionale di Serbia e Montenegro, che non centrava un successo, invertendo dunque un trend negativo che l’aveva vista sempre sconfitta proprio nella prima partita delle tre precedenti edizioni alle quali si era qualificata (2006, 2010, 2011).

 

Quella odierna è stata indubbiamente la vittoria del carattere e della grinta, ottenuta soprattutto grazie alla capacità di venire fuori nei momenti chiave di un match che dopo un primo set vinto alla grande sembrava essersi incanalato sui binari giusti. La Bulgaria però ha saputo reagire e rimettere in parità la gara nel secondo. Momento decisivo che probabilmente ha cambiato l’andamento del match è stato, nel terzo set, il parziale di cinque punti che Savani e compagni hanno saputo ottenere quando sotto, 20-15, hanno dapprima impattato la situazione sul 20-20 per poi aggiudicarsi il set 25-22 alla seconda opportunità reagendo alla grande in quello che sembrava essere la fase di massima difficoltà.

 

Il leitmotiv della gara non è cambiato nel quarto con la Bulgaria che a tratti sembrava controllare la situazione fino a portarsi avanti sul 20-19. L’Italia però, ottenuta la parità grazie a una decisione presa con l’ausilio del challenge system, ha lottato su ogni palla e al secondo match ball, grazie a un attacco di Savani murato fuori si è aggiudicata una gara importantissima.

 

Berruto ha scelto l’ormai collaudata formazione di partenza con la diagonale Travica-Zaytsev, Birarelli e Beretta centrali, Parodi e Savani coppia di schiacciatori e Giovi come libero.

 

Dall’altra parte della rete Placì ha schierato la stessa squadra che nel primo match aveva avuto ragione dell’Argentina: Bratoev G. in palleggio, Sokolov opposto, Skrimov e Aleksiev schiacciatori, Gotsev e Yosifov centrali, Salparov libero.    

 

Ora il pensiero però è già rivolto alla seconda gara contro l’Argentina (20 locali, l’1 in Italia diretta Rai Sport 1). Nell’altra partita di giornata il Canada ha vinto in rimonta contro la Russia 3-2 dopo esser stato in svantaggio 2-0. Per i nordamericani, si tratta della prima partecipazione alla Fase Finale della World League.

 

Savani: “Noi vinciamo sempre il primo molto bene, ricordo anche l’esordio di due anni fa quando partimmo benissimo, ma alla fine ci arrendemmo 3-1 all’Argentina. In quel momento a dir la verità ho avuto qualche incubo. Invece siamo stati bravi, abbiamo dimostrato un grande carattere che ci ha permesso di reagire in un momento difficile. Probabilmente la Bulgaria non ha giocato bene come ieri, ma è stato anche merito nostro  e siamo chiaramente molto soddisfatti perchè questo risultato ci dà fiducia per il futuro”

 

Birarelli: “Siamo soddisfatti, il risultato è quello che conta in certe occasioni. Sono tre punti d’oro anche perché era la prima partita, ma sappiamo che possiamo sempre fare meglio e ognuno di noi deve capire bene cosa può dare in più per migliorare continuamente”.

 

Giovi: “Siamo partiti bene, tre punti che danno morale. Vinto il primo set forse ci siamo rilassati un po’ troppo, ma siamo riusciti a reagire. Cosa che ci era già capitata quest’anno; speriamo di continuare così”.

 

Travica: “E’ una vittoria del carattere sì, ma è una delle tante che abbiamo conquistato  quest’anno. Credo sia importante anche evidenziare il grande primo set disputato, credo che sia il migliore in assoluto di questa stagione. Questo significa che stiamo crescendo e migliorando così come è giusto evidenziare la grande reazione che abbiamo avuto nel terzo parziale, in tornei come questo avere certe caratteristiche può aiutare. Sappiamo di poter migliorare, ma siamo assolutamente soddisfatti di ciò che abbiamo fatto.”

 

Berruto: “La partita era cominciata molto bene con una grandissima qualità in tutti i fondamentali, poi però abbiamo perso lucidità in uno dei nostri punti di forza che è l’attacco. Avevo espressamente richiesto ai ragazzi di focalizzare proprio quell’aspetto. Dovevamo tornare ad attaccare come avevamo fatto nel primo set e non credo sia un caso che la partita si sia chiusa proprio con una palla molto difficile di Savani che ha fatto mani e fuori dalla parte opposta del campo. È sicuramente una partita importantissima per la classifica e per l’obiettivo di conquistare le semifinali. Con l’Argentina sarà difficilissima, ma lo sappiamo e noi sappiamo dove vogliamo arrivare”.

 

Zaytsev: “Una partita ripresa per i capelli oserei dire. Vinto il primo, nel terzo e quarto siamo stati praticamente sempre sotto, ma abbiamo ribaltato la situazione nel momento opportuno. Direi che il nostro è stato un ‘rimontone’ e siamo contenti di aver portato a casa tre punti pesanti. Siamo partiti con la voglia di fare bene e forse l’emozione dell’esordio ci ha un po’ penalizzato. Voglio dire che proprio il voler dimostrare qualcosa è stata un’arma a doppio taglio, i nostri alti e bassi forse si spiegano in questo modo, ma siamo riusciti a compensare questo aspetto con un grandissimo carattere”.                  

 

Calendario: 17/7 Pool E: Brasile-Russia 2-3 (17-25, 25-23, 25-22, 19-25, 11-25) Pool D: Argentina-Bulgaria 1-3 (26-28, 23-25, 25-20, 23-25).

 

18/7: Pool E: Russia-Canada 2-3 (25-20, 25-21, 23-25, 21-25, 11-15). Riposa Brasile

 

Pool D: Bulgaria-Italia 1-3. Riposa Argentina

 

Classifiche:

 

Pool E: Russia 3, Canada 2, Brasile 1

 

Pool D: Italia 3, Bulgaria 3, Argentina 0

 

19/7: Pool E: Canada-Brasile ore 16.30 locali (21.30 in Italia); Pool D: Italia-Argentina ore 20 locali (1 in Italia)

 

Ufficio stampa FIPAV

 

Devi essere loggato per scrivere un commento Login

Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari.
I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori. Ogni abuso sarà perseguito ai termini di legge.
Sono vietate le COPIE anche parziali delle parti scritte, di ogni parte grafica comprese le foto e i filmati

Vivovolley è una testata giornalista, registrata presso il Tribunale di Milano (n. 331 del 22/10/2014)
Online dal 2006 © Vivovolley.net - Direttore: Avv. Rossana Foglia | Per Contattare VivoVolley Clicca Qui

© 2007-2017 Powered by Francesco Langiulli | Get Sport Media