EuroVolley2013: gli Azzurri a Copenhagen, Vettori si racconta prima della sfida con la Bulgaria

Scritto da on set 26th, 2013 e archiviato sotto la categoria Nazionale. Puoi seguire la discussione di questo post tramite RSS 2.0. Puoi lasciare una risposta o un trackback a questo post.

3706

Copenhagen. La Nazionale italiana e’ arrivata nella capitale danese dove sabato sara’ impegnata nelle semifinali della 28esima edizione dei Campionati Europei. Alle ore 18 (diretta RaiSport1) gli Azzurri affronteranno la Bulgaria, squadra che nei quarti di finale ha eliminato la Germania. Nel recente passato le due squadre si sono trovate l’una di fronte all’altra in match che valevano una medaglia di bronzo (Londra 2012, Final Six di World League del luglio scorso) con i ragazzi di Berruto che sono riusciti a spuntarla in entrambe le occasioni. Sabato invece la posta in palio sarà l’accesso alla finale in programma domenica alle ore 18 nel Parken Stadium, stadio di calcio che per l’occasione sarà trasformato in una gigantesca arena. Chi ha già affrontato la Bulgaria da protagonista è Luca Vettori (per lui 29 punti a Mar del Plata nel luglio scorso) che dopo le ottime prestazioni contro Olanda e Finlandia si sente pronto per questa nuova importantissima sfida: “Se penso a quella gara che ci ha regalato una medaglia di bronzo mi vengono i brividi. Fu una partita magnifica; entrai in campo spensierato e con un po’ di spavalderia, quel bronzo però è già parte del passato e ora siamo qui impegnati in una sfida altrettanto importante e affascinante. Mi piacerebbe ripetermi ed essere utile alla squadra come lo sono stato fino ad ora”. Vettori continua parlando della fase a eliminazione diretta che lo ha visto protagonista: “Chiaramente sono felice per ciò che sono riuscito a fare, soprattutto ieri quando non ho avuto una buona partenza. Ad un certo punto, però, mi sono detto che il mio compito non è solo quello di realizzare punti, ma anche quello di essere utile alla squadra, così mi sono impegnato in fase difensiva, ho fatto un paio di buoni recuperi e da lì in poi, aiutato naturalmente da Travica che mi ha coinvolto con regolarità, ho cominciato a mettere giù palloni con una buona continuità”. Il giovane opposto parmigiano analizza poi il momento della squadra e dà la ricetta su come affrontare i bulgari: “Siamo coscienti del fatto che non stiamo giocando una pallavolo perfetta, ma siamo riusciti a trovare la quadratura del cerchio grazie a un grande collettivo che ha compensato alcune nostre lacune soprattutto nella fase del contrattacco; sappiamo che dovremo fare meglio in battuta per metterli in difficoltà, ma in gare come quella di sabato non esistono ricette particolari se non la voglia di raggiungere un grande obiettivo. Per quanto mi riguarda vorrei sempre uscire dal campo stremato e senza rimpianti. Poi domenica sapremo se sarà bastato; questo Europeo può rappresentare un buon finale di stagione internazionale e un nuovo inizio per me”. Per l’Italia si tratta della tredicesima volta tra le prime quattro al mondo (ultima semifinale due anni fa contro la Polonia). La formazione vincitrice dell’Europeo 2013 si guadagnerà il diritto a disputare la Grand Champions Cup (Kyoto e Tokyo, Giappone, 19-24 novembre). Le prime due classificate staccheranno il pass per i Campionati del Mondo 2014 (Polonia). PRECEDENTI - In totale sono 78 i match giocati tra le due squadre. L’Italia vanta 41 vittorie e 37 sconfitte. Ultime sfide: l’esordio in Final Six di World League e la finale 3°-4° posto della stessa manifestazione disputata nel luglio scorso. IMPIANTO DI GIOCOLa fase Finale sarà ospitata dal Parken Stadium di Copenhagen, stadio di calcio della capitale. Per l’occasione l’impianto, abitualmente scoperto, avrà un tetto del peso di circa 550 tonnellate. L’altezza (dal campo di gioco al tetto) sarà di circa 38 metri rispetto agli almeno 12 metri e mezzo richiesti dalla Cev. Per ricoprire il manto erboso saranno necessari 11mila mq di pannellatura. Metà della struttura sarà riservata al campo da gioco mentre l’altra metà sarà una gigantesca Fan Zone dove i tifosi provenienti da più 30 Paesi potranno assistere ad uno spettacolo unico nel suo genere. VIDEO CHALLENGE SYSTEMIl Video Challenge System verrà utilizzato nelle semifinali e finali della rassegna continentale. Potrà essere richiesto esclusivamente dal capitano dopo 5 secondi la fine dell’azione. Entrambe le squadre avranno a disposizione una richiesta per set. Se dopo la richiesta l’arbitro darà ragione alla squadra richiedente questa manterrà invariato il numero di chiamate a disposizione, in caso contrario diminuiranno a zero. Anche il primo arbitro ha diritto a richiedere il video challenge system in caso sia indeciso. Il video challenge system potrà essere richiesto in questi casi: palla dentro o fuori; tocco delle aste; invasione; invasione di piede; invasione di seconda linea; fallo di piede in battuta. TV – Le ultime quattro gare in programma di questa 28esima edizione dei Campionati Europei saranno trasmesse in diretta su RaiSport1. PROGRAMMA SEMIFINALI E FINALISemifinali: Sabato (Copenhagen): Serbia- Russia  (ore 15); Sabato (Copenhagen): Italia-Bulgaria (ore 18). Finali Domenica (Copenhagen) 3°-4° posto (ore 15); Domenica (Copenhagen) 1°-2° posto (ore 18).

L’intervista a Luca Vettori

FIPAV

Devi essere loggato per scrivere un commento Login

Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari.
I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori. Ogni abuso sarà perseguito ai termini di legge.
Sono vietate le COPIE anche parziali delle parti scritte, di ogni parte grafica comprese le foto e i filmati

Vivovolley è una testata giornalista, registrata presso il Tribunale di Milano (n. 331 del 22/10/2014)
Online dal 2006 © Vivovolley.net - Direttore: Avv. Rossana Foglia | Per Contattare VivoVolley Clicca Qui

© 2007-2017 Powered by Francesco Langiulli | Get Sport Media