Igor Gorgonzola Novara: 2100 spettatori per l’esordio casalingo, allo Sporting esulta Conegliano

Scritto da on ott 28th, 2013 e archiviato sotto la categoria Campionato, Serie A1. Puoi seguire la discussione di questo post tramite RSS 2.0. Puoi lasciare una risposta o un trackback a questo post.

Emilia-Nikolova1Nello spettacolo di un palasport tinto d’azzurro da oltre 2100 tifosi, la Igor perde 0-3 contro la corazzata Conegliano, formazione vice campione d’Italia in carica, al termine di una partita combattuta in cui, nei momenti decisivi, a far la differenza è la maggior esperienza delle venete. Azzurre prive di Tokarska (infortunatasi alla caviglia in allenamento) e schierate da Colombo con Vanzurova opposta a Kim, capitan Rosso e Lombardo in banda, Milos e Casillo al centro e Paris libero. Tra le convocate, come già successo a Bergamo, anche la centrale della formazione di B2, Giulia Gogna. Ospiti in campo con Nikolova opposta a Lloyd, Barcellini e Tirozzi in banda, Calloni e Barazza al centro e De Gennaro libero.

Combattuto l’avvio di gara, con le ospiti che firmano il primo strappo con Calloni (3-5), cui risponde subito la Igor con Casillo (muro) e Lombardo (attacco) per il 6-6. Un muro della schiacciatrice siciliana vale il break (8-6) e dopo il timeout chiamato da Gaspari Conegliano impatta e sorpassa al timeout tecnico (11-12). Il turno in battuta di Barazza indirizza il set: la centrale gialloblù forza in battuta, la ricezione azzurra ne risente e Conegliano scappa 12-20 nonostante i due timeout chiesti da Colombo. Vanzurova è l’ultima ad arrendersi (16-22), Tirozzi conquista la palla del set (17-24) chiuso poi da un errore azzurro.

Si riparte con Novara subito avanti, trascinata da Rosso, ma dal 7-4 si passa all’8-10 grazie al buon turno in battuta di Lloyd. Colombo chiama timeout ma non spezza il ritmo di Conegliano, che allunga ulteriormente 14-18 con Tirozzi scatenata, dopo che un fallo di Lloyd (14-15) aveva riportato sotto le azzurre. Sul 15-20, un problema al pc del refertista comporta la sospensione della partita per una decina di minuti, al rientro in campo è Tirozzi, in battuta, a siglare il “break” decisivo, fino al 17-24. Colombo prova anche a cambiare diagonale, Harms entra in partita con un ace, poi Nikolova chiude il set.

Sullo slancio del set precedente, Conegliano parte forte con Nikolova (3-5). Novara replica con Vanzurova, a segno in attacco per il 6-8, mentre Gaspari offre spazio anche a Bechis e Tirozzi allunga 7-11. Milos tiene in scia Novara, Kauffelt stoppa Vanzurova e le speranze di rimonta azzurre (8-14), il resto lo fa il turno in battuta di Nikolova (9-18) e sul 13-24 un errore in attacco di Vanzurova chiude la contesa.

Il premio MVP “Malizia” per la migliore in campo è stato assegnato dalla stampa a Raffaella Calloni, premiata con un cofanetto della linea femminile “griffata” Malizia.

IGOR GORGONZOLA NOVARA – IMOCO CONEGLIANO 0-3 (17-25, 18-25, 13-25)

Novara: Casillo 4, Paris (L), Rosso 6, Kim, Lombardo 7, Harms 1, Manfredini, Milos 2, Vanzurova 11, Alberti, Gogna ne, Mollers. All. Colombo.

Conegliano: Lloyd 2, Fiorin ne, Daminato (L) ne, Kauffeldt 2, Donà 1, De Gennaro (L), Calloni 13, Nikolova 14, Bechis 2, Barcellini 11, Tirozzi 12, Barazza 4. All. Gaspari.

Ufficio stampa

Devi essere loggato per scrivere un commento Login

Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari.
I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori. Ogni abuso sarà perseguito ai termini di legge.
Sono vietate le COPIE anche parziali delle parti scritte, di ogni parte grafica comprese le foto e i filmati

Vivovolley è una testata giornalista, registrata presso il Tribunale di Milano (n. 331 del 22/10/2014)
Online dal 2006 © Vivovolley.net - Direttore: Avv. Rossana Foglia | Per Contattare VivoVolley Clicca Qui

© 2007-2017 Powered by Francesco Langiulli | Get Sport Media