Metalleghe Sanitars Montichiari: ottavi di Coppa, 3-0 a Bolzano

Scritto da on nov 10th, 2013 e archiviato sotto la categoria Serie A2. Puoi seguire la discussione di questo post tramite RSS 2.0. Puoi lasciare una risposta o un trackback a questo post.

download

VOLKSBANK SÜDTIROL NERUDA BZ         0 METALLEGHE SANITARS MONTICHIARI   3 (22-25, 17-25, 27-29) VOLKSBANK SÜDTIROL NERUDA BZ: Cumino 3, McNeal 11, Papa 16, Gentili 1, Porzio 8, Menghi 8, Bertolini, Ceron 4, Fogagnolo n.e., Giora, Waldthaler 2. Lib: Medaglioni, Favretto All. Bonafede. METALLEGHE SANITARS MONTICHIARI: Dalia 3, Rebora 1, Zanotto 13, Alberti 10, Saccomani 13, Musti De Gennaro 1, Milani 1, Kajalina n.e., Serena 15. Lib: Portalupi, Zampedri. All: Barbieri, Scatoli. Arbitri: Lolli e Licchelli. Note: Durata dei singoli set: 25’, 25’, 36’. Bolzano: 8 battute punto e 14 errori, 53% in ricezione e 5 errori, 31% in attacco e   7 errori, 8  muri. Montichiari: 2 battute punto e 6  errori, 50% in ricezione e 8 errori, 36% in attacco e  1 errori, 18 muri.
Partita eccezionale quella andata in scena questa sera al Palaresia di Bolzano tra la VolksBank Sudtirol e laMetalleghe Sanitars Montichiari valida per l’andata degli ottavi di finale di Coppa Italia. Le bresciane, dopo aver spadroneggiato per i primi due set, si trovano in difficoltà nel terzo quando Sara Alberti è costretta ad uscire per un infortunio alla caviglia: sotto di 9 punti, il resto del gruppo non demorde e compie un recupero eccezionale, portando a casa la vittoria grazie a tanto, tantissimo cuore.
Bolzano schiera Cumino al palleggio e Mc Neal in posto due, Papa e Porzio schiacciatrici, Ceron e Menghi centrali, Medaglioni libero. Sestetto inedito per Montichiari, che parte con Dalia in regia e Zanotto opposto, Serena e Saccomani bande, Alberti e Rebora centrali e Portalupi libero. In panchina Musti De Gennaro, tenuta a riposo. Nel primo set le locali battono benissimo, mettendo a dura prova la ricezione monteclarense: il tabellone segna 7-2, e solo un errore di Papa dai nove metri permette il cambio palla. Le biancorosse si rimboccano allora le maniche e grazie ad un buon attacco riescono a portarsi ad un passo, e al primo time out è 12-10. Bolzano comanda fino al 16-14, ma con Saccomani e Zanotto la Metalleghe Sanitars recupera, ed è 16 pari. Coach Bonafede allora chiede il tempo, e si prosegue sul filo dell’equilibrio fino al 22-22: qui Serena e Saccomani picchiano fortissimo, e con un attacco out di Papa il set si chiude a favore del Montichiari.
Nel secondo set Bolzano ricarica le batterie e torna a farsi sentire con i pallonetti di McNeal e con le battute al salto di Papa: è 4-1 ma, a differenza del parziale precedente, la Metalleghe Sanitars mostra gli artigli fin da subito e grazie alle difese di Portalupi riesce a portarsi subito sul 6-6: i muri di Dalia e Alberti, poi, segnano l’allungo bresciano. Per Montichiari è 13-9, ma con Papa in battuta e McNeal in attacco la Volksbank macina punti su punti fino ad arrivare al 16-16: Saccomani, Zanotto e Alberti (strepitosa con 4 muri punto in questo set sugli 8 totali del gruppo), allora, ci mettono le mani, e le ospiti tornano a fare la voce grossa fino al 25-17 finale.
Si torna in campo, e di nuovo l’avvio per la Metalleghe Sanitars non è dei migliori con Bolzano che vola subito sul 8-0: coach Barbieri inserisce allora Musti De Gennaro per Rebora, ma le locali continuano a infierire sulle biancorosse. Sul 10-3, poi, infortunio alla caviglia di Alberti: al suo posto entra Milani. In seria difficoltà Montichiari lotta e dà il massimo, mettendo in cassaforte un punto dopo l’altro: da 21-12 le bresciane si portano sul 21-21. Con Serena c’è il sorpasso biancorosso, ma Bolzano recupera e si torna a lottare fino al 27-27: con un attacco out di McNeal e un muro di Saccomani, però, è un fantastico Montichiari a trionfare.
“Che partita è stata? Di cuore – commenta Ludovica Dalia a fine match -. Nei primi due set tutto tranquillo: abbiamo iniziato un po’ a rilento ma in trasferta è normale, dobbiamo migliorare l’approccio alla gara quando non siamo tra le mura amiche del PalaGeorge. Siamo migliorate a muro, in difesa e al servizio, e abbiamo vinto senza soffrire troppo. Nel terzo set siamo di nuovo partite male, il solito calo di tensione, ma abbiamo giocato peggio dei parziali precedenti; sul 10-3, poi, si è fatta male Sara: non sembrerebbe nulla di grave, forse una distorsione,vedremo nei prossimi giorni. In ogni caso, quando tutto sembrava perduto, ecco la nostra rimonta: brave tutte, soprattutto Milani, dato che eravamo due palleggiatrici sulla stessa linea, ma lei era concentratissima e ha dato il suo contributo. Bene Serena in attacco, bene Saccomani in battuta, bene tutte: ha avuto la meglio chi ci ha messo più cuore, ci ha avuto più pazienza, chi voleva vincere a tutti i costi: il tabellone segnava 3-0 per noi, ed è stato giusto così”.
“Nei primi due set abbiamo faticato, ma ci siamo comportate benissimo sul finale – dichiara poi Leo Barbieri -. Nella mia carriera pensavo di aver visto di tutto, poi ecco il terzo set. Complimenti alle ragazze, le uniche in tutto il Palaresia a credere in questa rimonta. Io? Pensavo già alla formazione da schierare nel quarto set. Peccato per Alberti, si stava comportando benissimo. Tutte le ragazze hanno lottato e sofferto, dando il massimo sia in attacco che in difesa. Dobbiamo ricordarci di questo set, farne tesoro per il futuro: questo incredibile recupero ci farà crescere. Ora pensiamo a sabato: alle 20.30, al PalaGeorge, si giocherà infatti il ritorno”.

Ufficio stampa

Devi essere loggato per scrivere un commento Login

Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari.
I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori. Ogni abuso sarà perseguito ai termini di legge.
Sono vietate le COPIE anche parziali delle parti scritte, di ogni parte grafica comprese le foto e i filmati

Vivovolley è una testata giornalista, registrata presso il Tribunale di Milano (n. 331 del 22/10/2014)
Online dal 2006 © Vivovolley.net - Direttore: Avv. Rossana Foglia | Per Contattare VivoVolley Clicca Qui

© 2007-2017 Powered by Francesco Langiulli | Get Sport Media