La Pomì tarpa le ali alle farfalle..

Scritto da on nov 11th, 2013 e archiviato sotto la categoria Coppe, Notizie. Puoi seguire la discussione di questo post tramite RSS 2.0. Puoi lasciare una risposta o un trackback a questo post.

uybaPomì Casalmaggiore – Unendo Yamamay Busto Arsizio 3-1 (19-25, 25-23, 29-27, 25-23)

Coppa Italia con il botto per la Pomì Casalmaggiore con la vittoria sulla Uyba, in una gara in cui le ragazze di Beltrami hanno mostrato grinta, carattere, una buona organizzazione di gioco, brave anche a sfruttare i momenti no delle avversarie. Busto, partita bene nel primo parziale, ha avuto ghiotte occasioni per ribaltare il risultato, ma non ha saputo sfruttarle a dovere, per demeriti propri, partendo dal fatto che le padrone di casa abbiano concesso poco (leggi vantaggi terzo set).

Casalmaggiore si difende bene in ricezione permettendo a Camera di variare il gioco, spingendo con Stevanovic al centro e trovando l’ottima vena di Lipicer e Zago, mattatrice in prima linea. Dopo una partenza di gara non facile, con la Uyba che controlla il primo parziale, la Pomì prende coraggio, osa qualcosa in più, riesce a limitare gli errori nei set centrali, mettendo pressione alle avversarie. Busto non incide al servizio, il muro va spesso a farfalle, in prima linea non sempre funziona la connessione alzatore/centro e non sempre i cambi sono arrivati al momento giusto (Ortolani forse in ritardo, da valutare se la scelta di cambiare Garzaro possa effettivamente servire); esulando dal gioco, troviamo una squadra che non riesce a uscire dai momenti difficili.

“Beh… Tu stai giocando. E pensi che tutto stia andando bene. Poi una cosa va storta. Un’altra. E un’altra. Tu provi a reagire, ma più cerchi di lottare, e più sprofondi. Finché non riesci più a muoverti. Non riesci a respirare, perché sei sopraffatto. Come nelle sabbie mobili”. Questa citazione dal film “Le Riserve” potrebbe radiografare la situazione della Yama. Settimana non facile per le bustocche, Parisi dovrà essere prima di tutto un bravo psicologo, dalle interviste post partita sembra che sia chiaro cosa non va, quindi il prossimo passo, oltre a mettere in atto manovre correttive per giocare meglio, dovrà essere quello di caricare la squadra e darle una grande iniezione di fiducia.

Per la Pomì l’ input è non perdere l’entusiasmo per la vittoria, ma essere consapevoli che per vincere al PalaYamamaY servirà aggressività, coraggio, servizio che possa mettere in difficoltà la ricezione avversaria per limitarne le soluzione offensive; ovviamente ricevere bene sarà una delle priorità per il team di Beltrami, in modo che Camera possa far girare al massimo le compagne di prima linea. Servirà anche una Gennari in più in attacco (in questa gara si è apprezzato quello che si chiama lavoro sporco in seconda linea).

Matteo Perego – Foto Uyba

Devi essere loggato per scrivere un commento Login

Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari.
I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori. Ogni abuso sarà perseguito ai termini di legge.
Sono vietate le COPIE anche parziali delle parti scritte, di ogni parte grafica comprese le foto e i filmati

Vivovolley è una testata giornalista, registrata presso il Tribunale di Milano (n. 331 del 22/10/2014)
Online dal 2006 © Vivovolley.net - Direttore: Avv. Rossana Foglia | Per Contattare VivoVolley Clicca Qui

© 2007-2017 Powered by Francesco Langiulli | Get Sport Media