Grand Champions maschile – Gli azzurri cadono ancora al quinto

Scritto da on nov 22nd, 2013 e archiviato sotto la categoria Nazionale, Notizie. Puoi seguire la discussione di questo post tramite RSS 2.0. Puoi lasciare una risposta o un trackback a questo post.

1454916_293717967419952_2052336325_n

Nuova sconfitta al tie-break per gli azzurri di Mauro Berruto, superati per 3-2 dagli Stati Uniti, dopo essere stati in vantaggio per 2-1. L’Italia scesa in campo con una formazione nuovamente rivoluzionata, ha giocato un match di qualità, perduto dopo aver dato a lungo la sensazione di poterlo fare suo. Come ha sottolineato il ct italiano: “E’ stata una partita lunga che dopo due ore e dieci minuti si è conclusa con le squadre che hanno messo a segno lo stesso numero di punti”. Una considerazione che racconta chiaramente come gli azzurri abbiamo giocato alla pari con una squadra decisamente più esperta e compatta, rispetto a loro. Forse la differenza in alcuni frangenti determinanti l’ha fatta proprio l’esperienza dei nordamericani, alcuni dei quali erano nella formazione che ha vinto l’oro a Pechino. L’Italia ha iniziato bene, ma il suo gioco si è bloccato sul 14-12, nel primo parziale, gli Usa hanno rimontato e si sono portati sull’1-0. Reazione azzurra immediata grazie alla bella prova di Lanza (nell’occasione davvero bravo con uno score finale di 22 punti, il migliore tra i tricolori e il 52% in ricezione) e di un concreto Vettori.  Gli azzurri hanno raggiunto il pari. Nel terzo alternanza di vantaggi, qualche piccola crepa in ricezione e in attacco. L’ingresso di Zaytsev è servito per dare nuovo smalto e diverse soluzioni alla squadra guidata in regia da Travica. Con merito l’Italia ha chiuso 25-22 e dato la sensazione di poter portare a casa una vittoria importante. Invece nel quarto, nonostante un errore di formazione abbia tolto due punti agli Usa, l’Italia ha perso un po’ in continuità nel cambio-palla. Con uno sprazzo di gran gioco firmato Jiri Kovar si è portata sul 18-15, ma non ha mantenuto il vantaggio. Gli Stati Uniti hanno guadagnato il tie-break chiudendo 28-26. Set finale giocato punto a punto con Travica e C. avanti sino all’ 11-10, poi il sorpasso americano il 15-13 finale. Berruto ha schierato una squadra supergiovane con il 27nne Travica nelle vesti di veterano in regia, sulla sua diagonale inizialmente Vettori, poi Zaytsev, Lanza e Kovar a ricevere, insieme al libero Rossini, Beretta e Piano al centro. La vittoria al tie-break permette agli Usa di raggiungere l’Italia a cinque punti in classifica, sopravanzandola per numero di vittorie. Domani alle 11.10 italiane la sfida tra azzurri e Giappone, domenica il gran finale con il Brasile.
ITALIA-STATI UNITI 2-3 (21-25 25-20 25-22 26-28 13-15) ITALIA: Kovar 15, Piano 10, Vettori 13, Lanza 22, Beretta 6, Travica 2, Rossini (L), Dolfo,  Birarelli, Zaytsev 15. Ne:  Baranowicz, Sabbi. All. Berruto. STATI UNITI: Lee 13, Anderson 27, Rooney 6, Holt 13, Christenson 6, Priddy 9, E. Shoji (L), Menzel 3, K. Shoji,  Clark 8. Ne: Troy, Tavana, All. Speraw. ARBITRI: Wang (Chn) e Tano (Jpn) Durata set: 24, 24, 26, 36, 16 Italia: bs 15, a 7, mv 11, e 9. Stati Uniti: bs 20, a 6, mv 12, e 7.

Le interviste: Berruto  Vettori  Piano  Kovar 

FIPAV

Devi essere loggato per scrivere un commento Login

Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari.
I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori. Ogni abuso sarà perseguito ai termini di legge.
Sono vietate le COPIE anche parziali delle parti scritte, di ogni parte grafica comprese le foto e i filmati

Vivovolley è una testata giornalista, registrata presso il Tribunale di Milano (n. 331 del 22/10/2014)
Online dal 2006 © Vivovolley.net - Direttore: Avv. Rossana Foglia | Per Contattare VivoVolley Clicca Qui

© 2007-2017 Powered by Francesco Langiulli | Get Sport Media