Volksbank Sudtirol Bolzano: a Pavia grande prova di carattere e prezioso punto conquistato in rimonta. Finisce 3-2 per le padrone di casa

Scritto da on nov 25th, 2013 e archiviato sotto la categoria Campionato, Serie A2. Puoi seguire la discussione di questo post tramite RSS 2.0. Puoi lasciare una risposta o un trackback a questo post.

mcneal_in_attacco_2

 Nella quarta giornata di A2 il Volksbank Südtirol Neruda sfodera il carattere e la grinta mostrata nelle prime due giornate, uscendo dal PalaRavizza tra gli applausi sinceri dello sportivo pubblico pavese ma soprattutto con punto preziosissimo ai fini della classifica.
La Riso Scotti Pavia invece, senza dubbio una delle squadre più forti ed esperte del campionato, mastica amaro per essersi trovata avanti di due set e avere anche avuto una palla match nel quarto parziale, ma d’altronde una vittoria da 3 punti non avrebbe reso merito al grande cuore delle ragazze di coach Bonafede.
Il tecnico altoatesino da parte sua, oltre ad essere soddisfatto della prestazione delle proprie ragazze, ha vinto la sua personale scommessa di spostare Porzio fuorimano e di mettere McNeal in banda, per contrastare più efficacemente la disposizione tattica della squadra di casa. Ma ecco la cronaca.
Primo set. Fabio Bonafede cambia le carte in tavola rispetto al solito sestetto base schierando Porzio opposta all’alzatrice Cumino e spostando McNeal di banda in diagonale con Papa, al centro la coppia Menghi-Gentili e Medaglioni (reduce da tre giorni di febbre) libero. Pavia risponde con la formazione annunciata: Masino in regia e Frackowiak opposto, Moretti e Renkema in banda, Devetag e Giuliodori al centro, Celeste Poma libero. Il primo parziale vede uscire meglio dai blocchi le pavesi (8-4), ma Bolzano non molla e dopo il 12-10 riesce ad agguantare la parità sul 13-13. Qualche errore di troppo delle ospiti e le battute efficaci di Renkema mandano in fuga Pavia (16-13), che allunga (21-17) fino al 25-20 che chiude il primo set. Malgrado lo scarto però l’impressione netta è che sarà battaglia su ogni palla.
Secondo set. Infatti il Volksbank Südtirol rientra in campo con grande carattere mettendo a segno un paio di break (2-4, 3-5). Pavia impatta sul 7-7, Papa in attacco e Menghi a muro rilanciano le altoatesine (8-11 su ace Cumino) ma la Riso Scotti non molla, risale la china e sorpassa (16-15) grazie anche a qualche ingenuità ospite. Giuliodori attacca per il +2 (21-19), il 23-20 lo firma Devetag, un muro McNeal e un fallo Masino riportano sotto Bolzano (23-22), ancora McNeal a muro annulla la prima palla set (24-23) di Pavia, che però alla seconda chiude con un attacco di Devetag.
Terzo set. 2-0 e match finito? Neanche per sogno. Le ragazze di coach Bonafede hanno grinta da vendere e schiumando rabbia si fiondano sul 3-6 con due attacchi McNeal e un muro Menghi. Le due squadre non si schiodano dai tre punti di scarto (4-7, 5-8, 7-10, 9-12 con due punti di fila firmati Papa), poi Bolzano allunga grazie ad fallo di posizione di Pavia e un attacco McNeal al termine di una lunga azione (9-14). Pavia non ci sta e piazza un mini-break (11-14), al quale risponde ancora la californiana del Volksbank Südtirol (11-15). Sul 12-16 però Bolzano si blocca e dall’altra parte si scatena letteralmente Frackowiak che mette giù quattro attacchi e un muro: 16-16. Da questo momento si viaggia a braccetto (17-17, 18-18) poi Renkema riporta avanti Pavia (20-19). Sul PalaRavizza aleggiano i fantasmi ma hanno vita breve: a scacciarli con due lucidi attacchi è Noemi Porzio (20-22), Papa continua a battere bene e arrivano un muro Gentili e un attacco out dell’opposto polacco (20-24), che poi annulla la prima palla set ma il parziale si chiude con una battuta out di Masino.
Quarto set. Stavolta è Pavia a tornare in campo schiumando rabbia e trascinata ancora da Frackowiak (3 punti) schizza sul 5-2. La Riso Scotti mantiene i tre punti di scarto (6-3, 8-5, 10-7 con doppia botta e risposta tra Menghi e Moretti) e anzi li incrementa (13-8, 14-9). Bolzano non ci sta e si rifà sotto (14-12), ma Pavia ristabilisce le distanze (18-13). Papa firma il break point del -3 (18-15) e altri due punti che mantengono invariato lo scarto (20-17). Sul 23-20 firmato Moretti il finale sembra già scritto, ma non è così: attacco out Frackowiak (23-21), attacco Menghi (23-22) e poi Papa corona la rimonta (23-23). Giuliodori a muro si procura la palla match, vanificata da un errore in battuta della neo-entrata Ginevra Poma. Poi Menghi firma l’ace che manda Bolzano alla palla set, trasformata in oro da uno straordinario muro di Papa su Giuliodori in fast. È il primo, meritatissimo, tie-break in A2 del Volksbank Südtirol Neruda.
Quinto set. Stavolta la rabbia di Pavia si può tagliare col coltello. Frackowiak firma il 21° punto personale, Bolzano incassa tre errori e un muro ed è subito 5-0. Per l’ennesima volta però le altoatesine risalgono la china e dal 7-2, trascinate da Menghi (muro e attacco), si issano sul 7-6, hanno anche la palla del pari ma Pavia mura per l’8-6 al cambio di campo. Sul 9-8 Pavia mette a segno la fuga decisiva (11-8), Bolzano regge fino al 12-10 e poi si arrende uscendo a testa altissima dal campo.
Ecco l’analisi a caldo di Fabio Bonafede, coach del Volksbank Südtirol: “Devo elogiare tutte le mie ragazze per la straordinaria prestazione offerta qui a Pavia,  contro una grande squadra senza punti deboli e con una giocatrice polacca fortissima. Dopo un primo set perso per qualche errore di troppo in battuta, potevamo farcela nel secondo ma nel finale un paio di episodi storti mi hanno fatto pensare per un attimo alla malasorte. Però sarebbe stata una beffa uscire a mani vuote da questo palazzetto, e infatti le ragazze ci hanno creduto e sono state bravissime a rimettere in piedi nel quarto set una partita che sembrava persa. Porzio opposto? Non è la prima volta che rischio, noi allenatori talvolta dobbiamo farlo. Brave le ragazze a rispettare le consegne e giocare bene anche in situazioni tattiche diverse. Questo punto vale oro perché significa che siamo vivi. Il gruppo c’è, ha un’enorme capacità di lottare e gli applausi ricevuti qui stasera ne sono la prova”.
RISO SCOTTI PAVIA – VOLKSBANK SÜDTIROL NERUDA BZ 3-2 (25-20, 25-23, 21-25, 24-26, 15-10) (110-104) RISO SCOTTI PAVIA: Masino 3, Frackowiak 27, Moretti 15, Renkema 12, Devetag 15, Giuliodori 9,  C. Poma (L), Di Bonifacio, G. Poma. N.e. Hodzic, Nicolini, La Rosa. All. Rosario Braia. VOLKSBANK SÜDTIROL NERUDA BZ: Cumino 2, Porzio 15, McNeal 17, Papa 21, Menghi 14, Gentili 5, Medaglioni (L), Waldthaler, Bertolini. N.e. Giora, Favretto, Ceron. All. Fabio Bonafede. ARBITRI: Eliana Cappelletti (Ancona) e Ugo Feriozzi (Ascoli Piceno). DURATA SET: 26’, 28’, 25’, 32’, 14’. Riso Scotti Pavia: muri 12, ace 4, battute sbagliate 14, errori 16. Volksbank Südtirol Neruda BZ: muri 13, ace 7, battute sbagliate 11, errori 16.
Nella foto di Thomas Benelli: Sara Menghi in attacco Nella foto di Riccardo Giuliani: coach Fabio Bonafede Ufficio stampa

Devi essere loggato per scrivere un commento Login

Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari.
I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori. Ogni abuso sarà perseguito ai termini di legge.
Sono vietate le COPIE anche parziali delle parti scritte, di ogni parte grafica comprese le foto e i filmati

Vivovolley è una testata giornalista, registrata presso il Tribunale di Milano (n. 331 del 22/10/2014)
Online dal 2006 © Vivovolley.net - Direttore: Avv. Rossana Foglia | Per Contattare VivoVolley Clicca Qui

© 2007-2017 Powered by Francesco Langiulli | Get Sport Media