Master Group Sport Volley Cup: Bergamo passa al Palaverde, è seconda. Modena sempre più su, Busto piegata da una Urbino perfetta

Scritto da on dic 15th, 2013 e archiviato sotto la categoria Campionato, Notizie, Serie A1. Puoi seguire la discussione di questo post tramite RSS 2.0. Puoi lasciare una risposta o un trackback a questo post.

img

I tre anticipi della 7^ giornata della Master Group Sport Volley Cup ridisegnano la classifica. Dietro alla Rebecchi Nordmeccanica Piacenza, che osserva il turno di riposo, sale al secondo posto la Foppapedretti Bergamo, autrice del colpaccio in casa dell’Imoco Volley Conegliano. Rossoblù a -3 dalla vetta, mentre le pantere vengono sorpassate dalla Liu Jo Modena, cui non sfugge il bottino pieno contro l’IHF Volley Frosinone (3-0). Infine splendida prestazione della Robur Tiboni Urbino, che infligge un secco 3-0 alla Unendo Yamamay Busto Arsizio e aumenta il margine sulla coda della classifica.
IMOCO VOLLEY CONEGLIANO – FOPPAPEDRETTI BERGAMO 1-3 (24-26, 19-25, 25-22, 19-25) La Foppapedretti Bergamo si regala una magnifica serata, prendendosi con gli interessi quanto sfuggitole una settimana fa contro Piacenza. Le rossoblù passano al Palaverde per 3-1, costringendo l’Imoco Volley Conegliano al secondo stop interno consecutivo in Campionato. Il successo consente alla squadra di Lavarini di staccare in classifica proprio le pantere e di insediarsi da sola al secondo posto, a tre punti dalla capolista. Ottima prova di squadra, MVP è Valentina Diouf, capace di realizzare 26 punti con il 50% offensivo, e di farsi sentire nei momenti importanti del match. A darle prezioso supporto Blagojevic (17 punti con il 55%) e i muri di Stufi e Sylla. Il coach della Foppa rende merito alle sue atlete: “Mi sono piaciuti l’atteggiamento della squadra, la cattiveria agonistica e l’impegno in difesa contro un Conegliano che ha un grande attacco. Siamo stati bravi anche muro, ora avanti così”.
Per l’Imoco Volley una battuta d’arresto che segue quella, più netta, subìta con Modena. Gli impegni di Champions League hanno indubbiamente inciso sulla brillantezza atletica delle gialloblù, ma Gaspari non cerca alibi: “Rispetto all’ultima sconfitta con Modena è andata un po’ meglio, ma ci è mancata lucidità, forse la Champions ci impedisce di preparare meglio le partite e ci lascia un po’ di stanchezza, ma non deve essere un alibi, abbiamo i mezzi per fare molto meglio sia come approccio che come lucidità e continuità. Sono arrabbiato perché la mia squadra non ha lottato al massimo, Bergamo ha giocato una gran partita, Diouf e Sylia hanno fatto benissimo, ma noi non siamo state la squadra affamata che dobbiamo essere per vincere. Non mi è piaciuto l’attacco, ho dovuto addirittura indicare alla regia di puntare su Nikolova che ha dovuto attaccare 60 palloni perché non c’erano alternative”.
La bulgara mette a terra 22 palloni, mentre Kauffeldt fa scorpacciata di muri (6). Numeri che non bastano a fermare le bergamasche, nonostante la rimonta con le unghie del terzo set, griffata dal muro di Fiorin. Nel quarto è un assolo delle ospiti, Diouf e Blagojevic dominano in attacco e aprono subito un divario incolmabile fino al 19-25.
ROBUR TIBONI URBINO – UNENDO YAMAMAY BUSTO ARSIZIO 3-0 (25-22, 27-25, 25-22) Una serata da sogno per la Robur Tiboni Urbino, che al PalaMondolce batte 3-0 la Unendo Yamamay Busto Arsizio e coglie la seconda vittoria stagionale. I tre punti allontanano il team di Micoli dall’ultima posizione e dimostrano che le feltresche sono in grado di infastidire ogni avversario, come già accaduto contro Conegliano e Modena. Un roster giovane, preso per mano da Negrini (12 punti e il 41% di realizzazione), Santini (13 punti, tra cui l’ultimo) e Carocci (53% di ricezione perfetta ed estrema reattività in difesa). Luccica al palleggio Brcic, brava a coinvolgere tutte le attaccanti, compresa l’opposta Kostic. E risplende Thibeault, canadese al primo anno in Italia ma già perfettamente calata nella parte: 14 punti, 69% offensivo e 5 muri.
Le farfalle raccolgono un’altra brutta sconfitta dopo quella di Coppa contro Conegliano. Nello 0-3 in terra marchigiana ben poco da salvare, sia dal punto di vista tecnico che in termini di approccio mentale alla gara, come sottolinea Carlo Parisi: “E’ una sconfitta che pesa come un macigno questa sera, perché viene al termine di un’altra prestazione discutibile della mia squadra. Il problema tecnico oggi è stato non essere riusciti a mettere a terra la palla, e questo ha tolto sicurezza a tutti i reparti. Anche con la battuta non siamo stati incisivi. Sono davvero amareggiato, anche per l’atteggiamento mostrato dalla squadra in campo. Dobbiamo fare qualcosa per uscire da questa situazione, perché il tempo passa e non possiamo continuare a dire che con il tempo le cose si sistemeranno, la reazione serve ora”. Arrighetti dà la carica (top scorer con 13 punti), ma le compagne non la seguono. Parisi tenta la carta Bianchini, al posto di Buijs nel terzo set, ma al terzo match point chiude Santini.
La cronaca: avvio equilibrato con le squadre che provano ad imporre il proprio gioco. La ricezione, almeno nella prima fase di gioco, funziona per entrambe così come il cambio palla. A beneficiarne sono soprattutto Leggs e Thibeault che riescono a mettere a segno punti importanti per la squadra di casa. Busto risponde con una convincente Garzaro e alcune conclusioni di Serena Ortolani ancora lontana, però, dalla sua forma migliore. La zampata è delle bustocche che al primo time out tecnico conducono 12 a 7. Ma la pausa non sortisce un buon effetto sulle ragazze di Parisi che subiscono il ritorno della Robur Tiboni, complici alcune imprecisioni. Negrini e compagne ci credono. Parisi è costretto a chiamare time out sul 22 a 20 in favore delle padrone di casa. Le centrali di coach Micoli si fanno sentire anche a muro. A farne le spese è soprattutto Ortolani che non riesce a trovare varchi. Ci prova Francesca Marcon che, con un paio di giocate, tiene viva la speranza di Busto. Ma capitan Negrini prende per mano le sue compagne e le conduce verso la vittoria del primo set 25 a 22.
Inizia il secondo set con Busto Arsizio che tenta di reagire nonostante le resistenze della Robur che si affida all’ottimo momento delle centrali. Soprattutto della Thibeault che chiama palla e attacca senza paura. Ma, ancora una volta, sono le farfalle di Parisi che tentano la fuga grazie ad una ritrovata Ortolani. Urbino resta in scia fino a quota 20 per poi approfittare di alcune disattenzioni delle avversarie e portarsi in vantaggio. Sul -2 è ancora coach Parisi ad interrompere il buon momento delle marchigiane chiamando un time out provvidenziale. Al rientro in campo Arrighetti suona la carica con 4 attacchi vincenti che rendono il finale ricco di pathos. A decretare la sconfitta della Yama sono però due gravi errori di una spenta Buijs che consegna anche il secondo set nelle mani di Urbino.
Entusiasmo alle stelle per le padrone di casa che rientrano in campo e, consapevoli della grande opportunità, provano a spingere sin dall’avvio. Per Busto non ci sono alternative se non provare a ribaltare una situazione davvero complicata. Brcic, per Urbino, non perde la calma e con sagacia gestisce al meglio tutte le sue attaccanti. Arrighetti mette in campo tutta la sua rabbia che trasforma in ottime giocate. Ma Urbino è sempre in testa, non sbaglia un colpo e con grande lucidità gestisce i ritorni delle avversarie. Si gioca alla pari, i 3 punti di vantaggio pesano nel finale, soprattutto per Busto, costretta a inchinarsi a una Robur davvero convincente. Il 25 a 22 lo firma Santini che fa esplodere gli 800 del Palamondolce e regala a tutta Urbino una nottata di festa.
LIU JO MODENA – IHF VOLLEY FROSINONE 3-0 (26-24, 25-11, 25-18) La Liu Jo Modena ci prende gusto e al Palapanini infila la terza vittoria consecutiva nella Master Group Sport Volley Cup. Netto 3-0 all’IHF Volley Frosinone e un balzo in avanti in classifica: con 14 punti in 5 partite è terza posizione. Le ciociare, reduci dal primo urrà di Campionato contro Casalmaggiore, lottano nel primo set, quindi si arrendono di schianto alla forza offensiva delle emiliane. Francesca Piccinini è eletta MVP per gli 11 punti con il 53% in attacco e per il ruolo di protagonista nel parziale di 9-0 con cui la Liu Jo si impadronisce del terzo set (da 8-9 a 17-9). Molto bene anche la coppia belga Rousseaux-Heyrman, che in due producono 29 punti e 10 muri. Gioli e Angeloni non riescono a imprimere il proprio ritmo per tutta la partita e benché coach Martinez tenti di cambiare l’inerzia della gara inserendo Percan e Bonciani, il 3-0 si concretizza presto.
Il parziale di apertura è quello che indirizza il risultato della partita. Ai due ace di Frigo risponde la serie in battuta di Heyrman. Si procede in equilibrio fino ai vantaggi: Gioli affonda a rete l’attacco, ma Angeloni fa 24-24 con un bel diagonale. Il guizzo delle padrone di casa è di Heyrman in primo tempo e Fabris in pallonetto. Il muro di Modena diviene invalicabile nel secondo parziale e conduce la IHF Volley a forzare in prima linea, con scarsi risultati. Si giunge addirittura sul 20-5 prima che Angeloni diminuisca leggermente il gap con due servizi vincenti. Nel terzo, come detto, il break giunge sull’8-9 e le ciociare non oppongono più resistenza.
Quinta vittoria su sei match di Campionato per la Liu Jo Modena, un ruolino di marcia da grande: “Sono molto contento della prestazione di squadra, è il terzo successo consecutivo e pian piano stiamo crescendo sempre più dopo la sconfitta con Novara – afferma coach Chiappafreddo -. Sono contento perché le ragazze hanno fatto davvero bene, abbiamo avuto una fase di muro-difesa di alto livello e abbiamo tenuto basse le loro percentuali in attacco. Le ragazze sono tutte molto disponibili in allenamento, stiamo trovando sempre più la nostra identità di squadra e credo che se questo processo continuerà potremo raggiungere traguardi davvero importanti”.
Domani alle 18.00 gli ultimi due match: in diretta streaming su Sportube 2 e sul sito ufficiale della Lega il confronto tra Pomì Casalmaggiore e Banca di Forlì. Attesissimo derby piemontese tra la Igor Gorgonzola Novara e l’Openjobmetis Ornavasso.
Master Group Sport Volley Cup: il programma della 7^ giornata (domenica 15 dicembre, ore 18.00) Imoco Volley Conegliano – Foppapedretti Bergamo 1-3 (24-26, 19-25, 25-22, 19-25) Robur Tiboni Urbino – Unendo Yamamay Busto Arsizio 3-0 (25-22, 27-25, 25-22) Pomì Casalmaggiore – Banca Di Forlì DIRETTA SPORTUBE 2 Igor Gorgonzola Novara – Openjobmetis Ornavasso Liu Jo Modena – Ihf Volley Frosinone 3-0 (26-24, 25-11, 25-18) Riposa: Rebecchi Nordmeccanica Piacenza
Master Group Sport Volley Cup: la classifica Rebecchi Nordmeccanica Piacenza 18, Foppapedretti Bergamo 15, Liu Jo Modena 14, Imoco Volley Conegliano 12, Openjobmetis Ornavasso 9, Unendo Yamamay Busto Arsizio 9, Igor Gorgonzola Volley Novara 7, Pomì Casalmaggiore 6, Robur Tiboni Urbino 6, Ihf Volley Frosinone 3, Banca Di Forlì 0.
Master Group Sport Volley Cup: i tabellini IMOCO VOLLEY CONEGLIANO – FOPPAPEDRETTI BERGAMO 1-3 (24-26, 19-25, 25-22, 19-25) IMOCO VOLLEY CONEGLIANO: Lloyd 1, Fiorin 13, Daminato, Kauffeldt 10, Donà, De Gennaro (L), Nikolova 22, Bechis, Barcellini 4, Tirozzi 7, Barazza 6. All. Gaspari.  FOPPAPEDRETTI BERGAMO: Klisura 1, Stufi 9, Bruno, Weiss 2, Blagojevic 17, Merlo (L), Melandri 7, Folie 1, Diouf 26, Smutna, Sylla 11. All. Lavarini.  ARBITRI: Longo, Zavater.  NOTE – Spettatori 2800, durata set: 28′, 25′, 26′, 26′; tot: 105′.
ROBUR TIBONI URBINO – UNENDO YAMAMAY BUSTO ARSIZIO 3-0 (25-22, 27-25, 25-22) ROBUR TIBONI URBINO: Carocci (L), Negrini 12, Thibeault 14, Santini 13, Casoli, Kostic 11, Brcic 1, Leggs 9. Non entrate Giombetti, Zecchin, Escobar, Guidi. All. Micoli.  UNENDO YAMAMAY BUSTO ARSIZIO: Ortolani 12, Garzaro 9, Bianchini 2, Leonardi (L), Marcon 4, Spirito, Buijs 6, Arrighetti 13, Wolosz. Non entrate Michel, Petrucci. All. Parisi.  ARBITRI: Bellini, Saltalippi.  NOTE – Spettatori 800, durata set: 27′, 31′, 27′; tot: 85′.
LIU • JO MODENA – IHF VOLLEY FROSINONE 3-0 (26-24, 25-11, 25-18)  LIU • JO MODENA: Rousseaux 19, Perinelli, Heyrman 10, Cardullo (L), Piccinini 11, Fabris 11, Crisanti 6, Rondon 2. Non entrate Prandi, Andjelic, Petrachi, Ruseva, Maruotti. All. Chiappafreddo.  IHF VOLLEY FROSINONE: Frigo 5, Percan 1, Bonciani, Vico, Astarita 4, Agostinetto, Spataro 2, Angeloni 10, Biccheri, Gioli 10, Ruzzini (L). Non entrate Kidder. All. Martinez.  ARBITRI: Zanussi, Gelati.  NOTE – Spettatori 1831, durata set: 26′, 21′, 21′; tot: 68′.
Tutti i risultati live sul sito ufficiale www.legavolleyfemminile.it 

 LVF
ph. Dario Moriella

Devi essere loggato per scrivere un commento Login

Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari.
I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori. Ogni abuso sarà perseguito ai termini di legge.
Sono vietate le COPIE anche parziali delle parti scritte, di ogni parte grafica comprese le foto e i filmati

Vivovolley è una testata giornalista, registrata presso il Tribunale di Milano (n. 331 del 22/10/2014)
Online dal 2006 © Vivovolley.net - Direttore: Avv. Rossana Foglia | Per Contattare VivoVolley Clicca Qui

© 2007-2017 Powered by Francesco Langiulli | Get Sport Media