IL DERBY SI TINGE D’AZZURRO, ABBATTUTA ORNAVASSO

Scritto da on dic 16th, 2013 e archiviato sotto la categoria Notizie, Serie A1. Puoi seguire la discussione di questo post tramite RSS 2.0. Puoi lasciare una risposta o un trackback a questo post.

Novara-Orna_451Al Centro del Terdoppio (ex Sporting Village) le novaresi archiviano la pratica derby con un netto 3 a 0. Quinto  posto conquistato e nulla da fare per le api di Ornavasso che hanno subito l’aggressività azzurra non riuscendo così ad esprimere il proprio gioco.

LA PARTITA - Al fischio d’inizio si scatena la festa tra gli spalti: la CuRvA bEcK’s (tifoseria di Ornavasso) auto-ironizza sulle voci circolanti nel web esponendo lo striscione “A Ornavasso non c’è una lira??? Ma se c’habbbiamo la Moneta”; dalla parte opposta i party cannon del Baluardo Novara tinteggiano gli spalti di bianco e azzurro.

Si comincia. Pedullà schiera l’ormai noto sestetto con Casillo e Milos centrali, capitan Rosso e Lombardo schiacciatrici, Kim al palleggo, Vanzurova opposto e Paris libero. L’Openjobmetis scende con Chirichella e Tasca al centro, Ikic e Loda bande, Signorile in regia, Muresan a chiudere la diagonale e Ghilardi libero.

L’equilibrio domina la prima frazione di gioco: Rosso e Vanzurova spaccano il muro giallonero; mentre Signorile si affida con continuità all’opposta rumena (9-9). Al primo tempo tecnico le api cuciono un piccolo margine di due lunghezze che le accompagnerà fino al 19-21. Quando Ikic in pipe conquista il primo di due set-point l’orgoglio azzurro si accende ed un contro break di 4-0 archivia il primo parziale (26-24).

L’incontro ricomincia con lunghi scambi e le due formazioni non lasciano cadere alcun pallone senza averci provato (5-6).  Chirichella lavora bene a muro ed ingrana anche in attacco (7-8). La Igor rimane concentrata ed il servizio di Lombardo scardina la ricezione avversaria (15-11). Bellano chiede la pausa anticipata ma Novara chiude in volata proprio per un’incomprensione tra Signorile e Tasca (25-19).

Quando l’inerzia sembra volgere a favore delle zanzare, Muresan e compagne riaprono il match con una partenza fast (1-6). Vanzurova non perde la testa e grazie ad alcune ricezioni imprecise della Openjobmetis rosicchia il gap (10-12). Un ace su Ikic sancisce la parità ed ancora una volta il servizio vincente di Alberti lascia al palo una Ornavasso sempre più in difficoltà (22-18). La solita trascinatrice Vanzurova con un mani-out metterà fine al derby piemontese (25-20).

La Igor parte in affanno, lasciando la possibilità alle avversarie di gestire la prima parte della partita. Successivamente a testa alta non si fa intimidire e con il duo Vanzurova-Rosso riesce ad indurre le giallonere all’errore. Da sottolineare la buona fase in copertura di Paris e l’efficacia dai nove metri di Alberti. In generale una buona prova corale, soprattutto per l’aggressività e la calma mostrata in campo. Prossimo incontro fra due settimane, in casa, contro la capolista Piacenza.

Ghilardi e compagne non hanno espresso un gioco convincente e dalle percentuali in attacco si può supporre che qualcosa non è andato. Un peccato in particolare per Ikic e Loda che avrebbero potuto dare maggior apporto alla squadra. Si potrebbe pensare che le ragazze avessero altro per la testa ma Bellano non si nasconde e se ne assume totalmente la responsabilità. Sicuramente questa non è l’Ornavasso che si è apprezzata nelle scorse giornate di campionato e certamente a partire dalla prossima partita tornerà a pungere. Un augurio è che le ragazze possano ritrovare la serenità per pensare solamente al lavoro di squadra senza dover partecipare a conferenze circa i mancati stipendi.

INTERVISTE POST-PARTITA:

Ghilardi: «Durante il primo set abbiamo commesso errori grossolani e successivamente ci siamo demoralizzate. In questo match non siamo riuscite a giocare da Ornavasso, c’è qualcosa che non è andato. Sicuramente il primo set ha influito e ci siamo demoralizzate, poi abbiamo sbagliato anche quello che solitamente ci vien bene. Ripartiremo da questa sconfitta anche perché ci sta perdere, ma non in questo modo. Dobbiamo ritrovare l’ordine e la tranquillità e solo tornando in palestra si può tornare a vincere.»

Rosso: «Penso che sia stato determinante il primo set. Noi abbiamo faticato a carburare all’inizio ma riamo riuscite a rimanere lucide anche quando inseguivamo Ornavasso. Dopo aver vinto il primo set abbiamo tirato un gran sospiro di sollievo e poi abbian fatto una buona gara soprattutto a livello mentale. Abbiamo mostrato grande maturità anche nel terzo set. Ora ci godiamo quello che sta accadendo fino a domani poi si ritornerà al lavoro per la sfida contro Piacenza.»

Bellano: «Sapevamo di dover incontrare una squadra ben organizzata e ci aspettavamo un possibile cambio di marcia da parte di Novara. Ci aspettavamo di fare più noi ed invece non abbiamo mostrato la giusta qualità e per questo me ne assumo la responsabilità. Sono molto arrabbiato perché ci sta perdere ma non prendere schiaffoni, non è da Ornavasso. Analizzerò questa partita per poter migliorare l’allenamento in settimana ed evitare che si verifichi nuovamente una prestazione del genere.»

Pedullà: «Siamo quinti e godiamoci questo quinto posto anche perché la settimana prossima riposeremo. Abbiamo vinto giocando una brutta partita e prendendo le parole di Massimo (Bellano, ndr) abbiamo dato schiaffoni in questa occasione, figuriamoci quando faremo una bella partita. Abbiamo lavorato bene sulla traiettoria e Sara (Paris, ndr) ha fatto un buon lavoro di copertura. Da domani si penserà alla sfida con Piacenza fra due settimane e noi vorremmo essere la prima squadra a far punti contro di loro.»

***

IGOR GORGONZOLA NOVARA – OPENJOBMETIS ORNAVASSO 3-0 (26-24, 25-19, 25-20)

IGOR GORGONZOLA NOVARA: Casillo 7, Paris (L), Rosso 17, Tokarska, Kim 1, Lombardo 5, Manfredini, Milos 3, Vanzurova 24, Alberti 1, Mollers. Non entrate Harms. All. Pedullà.
OPENJOBMETIS ORNAVASSO: Moneta 1, Senkova 1, Ghilardi (L), Ikic 5, Tasca 4, Muresan 13, Signorile, Chirichella 10, Loda 5. Non entrate Zanin, Pisani, Montano Lucumi, Gloder. All. Bellano.
ARBITRI: Goitre, Balboni.
NOTE – Spettatori 3000, durata set: 31′, 25′, 31′; tot: 87′.

di Mara Giurgola – foto Fabio Cucchetti

Devi essere loggato per scrivere un commento Login

Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari.
I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori. Ogni abuso sarà perseguito ai termini di legge.
Sono vietate le COPIE anche parziali delle parti scritte, di ogni parte grafica comprese le foto e i filmati

Vivovolley è una testata giornalista, registrata presso il Tribunale di Milano (n. 331 del 22/10/2014)
Online dal 2006 © Vivovolley.net - Direttore: Avv. Rossana Foglia | Per Contattare VivoVolley Clicca Qui

© 2007-2017 Powered by Francesco Langiulli | Get Sport Media