[Esclusiva] Alix Klineman:”Non ho mai voluto prendere intenzionalmente sostanze vietate. Chiedo scusa a Conegliano e ai suoi tifosi”

Scritto da on dic 22nd, 2013 e archiviato sotto la categoria Interviste, News, Senti chi parla. Puoi seguire la discussione di questo post tramite RSS 2.0. Puoi lasciare una risposta o un trackback a questo post.

alixIntervista alla schiacciatrice americana Alix Klineman dopo la sentenza in merito alla sua sospensione dall’attività agonistica per doping. La pallavolista statunitense è stata trovato positiva al controllo anti-doping per la presenza di uno steroide denominato DHEA, ingerito accidentalmente, come spiegherà Alix stessa in questa intervista. Una esperienza davvero difficile per la pallavolista che sta continuando ad allenarsi per tornare in campo a giugno al meglio delle sue possibilità. Essere associata ad un caso di doping non è una situazione facile da affrontare per una atleta, ma il fatto che la AAA ha riconosciuto che “la giocatrice non ha preso intenzionalmente gli steroidi per trarne un vantaggio sportivo” è sicuramente positivo per la Klineman, sostenuta anche da Usa Volleyball, tanto che la pena è stata ridotta da 2 anno a meno di 13 mesi. Inoltre Alix ha fatto tutto ciò che era umanamente possibile per collaborare con Usada e fornire tutte le informazioni richieste. Il raccontare quello che è successo può essere di esempio per i giovani sportivi, affinchè siano incoraggiati a controllare qualsiasi cosa prima di “essere ingerita”.

Alix, la AAA (American Arbitration Association ) ti ha sospeso per quasi 13 mesi (22 maggio 2013/9 giugno 2014) per doping. Ci racconti cosa è successo? Come mai hai preso il DHEA?

Tornata a casa dopo la stagione con Villa Cortese, stavo assumendo vitamine per carenza di ferro. Non ho mai avuto intenzione di prendere il DHEA. Non sapevo neanche di averlo preso, pensavo di aver utilizzato solo le mie normali vitamine. Sfortunatamente le vitamine di mia mamma si sono mischiate alle mie.

(NDR – Il DHEA, o deidroepiandrosterone, è un ormone prodotto dalla corticale del surrene in risposta all’ormone ipofisario. Il DHEA può essere considerato il capostipite degli ormoni steroidei, poiché l’organismo lo utilizza per produrre ormoni quali testosterone, estrogeni, progesterone e cortisolo. Il DHEA, che a sua volta è l’ormone steroideo più abbondante nel sangue, viene invece prodotto a partire dal colesterolo. Il DHEA serve alle donne in menopausa. E’ proibito per gli atleti, ma per i “non atleti” può essere utilzzato. Negli stati uniti il Dhea è presente in prodotti da banco che non necessitano di prescrizione medica e a differenza che in Italia non riportano il simbolo di divieto con la scritta doping)

Cosa hai provato dopo aver capito cosa era successo?

Ero scioccata e confusa. E’ stato davvero difficile a livello emotivo accettare quello che era successo. Non sapevo di aver preso il DHEA, quindi è stata veramente una sorpresa per me ricevere la notifica.

E ora come ti senti?

Sono ancora molto turbata. Anche se è passato tanto tempo, non posso ancora giocare e vorrei che in qualche modo il passato si potesse cancellare. E’  come una ferita aperta, soprattutto se penso a come questo ha cambiato la mia vita, a quanto mi manca giocare.

Pensi che riuscirai a dimenticare questa esperienza in futuro? Prendere accidentalmente una sostanza vietata significa comunque che sei nella stessa situazione di chi la prende per migliorare le prestazioni. Non è facile da accettare..

Penso che questa situazione sarà difficile da dimenticare. Cerco di lasciarmi tutto alle spalle, desidero solo tornare a giocare ancora. Spero che le persone possano capire che è stato un incidente e che non ho mai voluto “imbrogliare” Spero di poter uscire da questa esperienza più forte come persona e come atleta.

La cosa più importante è che la AAA ha riconosciuto che non intendevi usare questa sostanza vietata..

Si, questo è davvero molto importante per me. E’ stato davvero un incidente e sono contenta che la AAA ha riconosciuto che non è stato intenzionale e che non volevo assolutamente trarre vantaggio a livello sportivo.

NDR – Le sanzioni che si comminano per l’utilizzo di steroidi vanno dai 2 anni fino ai 8 anni e la Usada (la commissione antidoping americana) è tra le più dure ad infliggere punizioni come evidenziano i casi in passato. Quindi la sanzione può essere considerata minima.

La situazione con Conegliano?

Sono molto dispiaciuta in merito alla situazione con Conegliano. Ho firmato un contratto e avrei giocato per la squadra veneta se questa situazione non fosse capitata. Ovviamente non posso farlo. Voglio solo scusarmi veramente, veramente tanto con Conegliano e con i suoi tifosi.

Cosa stai facendo ora? Stai lavorando a livello fisico? Ti stai allenando?

Non ho mai smesso di allenarmi. Ora che sono stata sospesa, mi allenerò separatamente da qualsiasi club e dalla nazionale, ma continuerò a fare tutto quello che posso a livello fisico e mentale per essere pronta a tornare a giocare quando la mia sospensione sarà finita.

Quale è il tuo obiettivo per la prossima estate? Pensi che potrai essere al top per giocarti il posto ai Mondiali?

Il mio obiettivo per la prossima estate è di essere nel roster della nazionale. So che parto svantaggiata per non aver giocato per un anno, ma lavorerò il più duramente possibile per superare tutto ciò..

Ringrazio personalmente Alix per aver raccontato la sua esperienza, che può essere davvero esempio per tutti gli sportivi.

C.G

2 Responses for “[Esclusiva] Alix Klineman:”Non ho mai voluto prendere intenzionalmente sostanze vietate. Chiedo scusa a Conegliano e ai suoi tifosi””

  1. […] Tornata a casa dopo la stagione con Villa Cortese, stavo assumendo vitamine per carenza di ferro. Non ho mai avuto intenzione di prendere il DHEA. Non sapevo neanche di averlo preso, pensavo di aver utilizzato solo le mie normali vitamine. Sfortunatamente le vitamine di mia mamma si sono mischiate alle mie. (continua a leggere qui) […]

  2. Ziomario scrive:

    Ottima intervista Cristina!Le credo…

Devi essere loggato per scrivere un commento Login

Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari.
I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori. Ogni abuso sarà perseguito ai termini di legge.
Sono vietate le COPIE anche parziali delle parti scritte, di ogni parte grafica comprese le foto e i filmati

Vivovolley è una testata giornalista, registrata presso il Tribunale di Milano (n. 331 del 22/10/2014)
Online dal 2006 © Vivovolley.net - Direttore: Avv. Rossana Foglia | Per Contattare VivoVolley Clicca Qui

© 2007-2017 Powered by Francesco Langiulli | Get Sport Media