Savino del Bene Scandicci: Super Taborelli trascina la squadra alla vittoria

Scritto da on dic 23rd, 2013 e archiviato sotto la categoria Campionato, Serie A2. Puoi seguire la discussione di questo post tramite RSS 2.0. Puoi lasciare una risposta o un trackback a questo post.

1377811334

Obiettivo Risarcimento Vicenza – Savino del Bene Scandicci 1-3 (25- 23, 20 – 25, 17 – 25, 15 – 25) Obiettivo Risarcimento Vicenza: Borriero, Fiori ne, Lanzini (l), Peretto 7, Milocco 11, Andreeva 6, Baggi 5, Pastorello 1, Sestini 9, Fronza 10, Ghisellini 2, Cialfi. All. Rosetto – Ass. Cisotto Savino Del Bene Scandicci: Strobbe 10, Bacciottini ne, Rania 7, De Fonzo 17, Fanzini ne, Mazzini 1, Lussana (l), Agresti, Chojnacka 13, Fiore ne, Taborelli 25, Lapi. All. Botti – Ass. Korytova 1° Arbitro CAPPELLETTI ELIANA 2° Arbitro ROSSETTI ANDREA
Ora è Natale. La Savino Del Bene Scandicci con un roster composto da atlete che sanno lottare e soffrire, passa a Vicenza regalando ai tanti appassionati di volley fiorentino un sereno 25 dicembre lasciando alle spalle l’inaspettato poker di sconfitte subito nelle ultime partite. Ma vincere contro Vicenza non è stato facile. Infatti partenza ancora con tanta paura per la Savino Del Bene che fin dai primi scambi sembra più in difficoltà a mettere la palla a terra delle avversarie. Vicenza è anche più preciso in difesa e ricezione. Le padrone di casa si portano al time-out tecnico sul punteggio di 12 a 9. Immediatamente scrollata la paura, scende in campo la vera Savino Del Bene. Mazzini trova una super Taborelli e tutta la squadra sembra tornata quella ammirata fino al derby contro San Casciano. Si gioca punto a punto, scambi interminabili con Vicenza più freddo a chiudere con più esperienza gli scambi. Strobbe mette a terra il 17 pari, una scossa che dà ancora più grinta alla fiorentine. Si va a braccetto fino al 22 a 22. Poi ancora una volta le palle pesanti diventano difficili da mettere giù, come spesso accade nei finali di set lottati punto a punto, e le padrone di casa ringraziano chiudendo 25 a 23. Bella Savino Del Bene ma non basta.
Il sestetto iniziale (De Fonzo al posto di Lapi, quest’ultima non al meglio) non ha demeritato, dimostrando tanto carattere ma anche difficoltà a far punti. Si riprende con un altro spirito, il capitano De Fonzo non avrà uno score altissimo come in Serie B1 ma dà sicuramente tanta esperienza e tranquillità in più a una squadra che ha bisogno di lucidità oltre che di adrenalina. Ed è col carattere, con tanta determinazione e raziocinio che le ospiti si aggiudicano senza difficoltà il secondo parziale grazie anche a una “super-Tabo”: la ragazzina-terribile che sta crescendo partita dopo partita.
Terzo set con le fiorentine avanti nel punteggio e nel gioco prima del break di tre punti che consente a Vicenza di impattare sul 10 a 10. Ma questa volta Scandicci si è sbloccata, la palla alzate da Mazzini diventa finalmente leggera per le attaccanti che senza nessuna difficoltà riescono a riempire il carniere con punti importanti e tecnicamente difficili. Questa è la Savino Del Bene, questa è la squadra di Botti. Fiorentine che iniziano con ‘incoscienza’ anche il quarto set, ovvero aggredendo. Bene in battuta, benissimo Lussana in ricezione. Con questo cocktail difficile perdere e Vicenza puo’ solo arrendersi con il punteggio di 15 a 25. Bene la Savino Del Bene, superba Taborelli.
“Abbiamo iniziato male, eravamo contratti e tesi. Poi perso il primo set ho rivisto la vera Savino Del Bene – commenta il ds Massimo Toccafondi – giocando una bellissima pallavolo. Peccato aver perso contro Reggio e Sala Consilina. Siamo giovani, dobbiamo crescere anche in continuità. Ma basta pensare al passato ci aspetta un turno casalingo contro una squadra che sta andando benissimo e con tanto entusiasmo frutto di un ottima classifica. Sicuramente se giochiamo così – conclude il direttore sportivo – la partita contro Rovigo è aperta a qualsiasi risultato”. Ufficio stampa

Ph.  Savino del Bene Volley

Devi essere loggato per scrivere un commento Login

Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari.
I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori. Ogni abuso sarà perseguito ai termini di legge.
Sono vietate le COPIE anche parziali delle parti scritte, di ogni parte grafica comprese le foto e i filmati

Vivovolley è una testata giornalista, registrata presso il Tribunale di Milano (n. 331 del 22/10/2014)
Online dal 2006 © Vivovolley.net - Direttore: Avv. Rossana Foglia | Per Contattare VivoVolley Clicca Qui

© 2007-2017 Powered by Francesco Langiulli | Get Sport Media