Volksbank Sudtirol Bolzano: ancora una volta con Vicenza è tie-break amaro, dal 2-0 al 2-3

Scritto da on dic 27th, 2013 e archiviato sotto la categoria Campionato, Serie A2. Puoi seguire la discussione di questo post tramite RSS 2.0. Puoi lasciare una risposta o un trackback a questo post.

1441368_10202895356333210_538342578_n

Tie-break doveva essere e tie-break è stato. Malgrado il Volksbank Südtirol Neruda fosse avanti due set a zero, l’Obiettivo Risarcimento Vicenza è riuscito non solo a ricucire lo strappo aggiudicandosi due parziali ai vantaggi, ma ha poi dilagato nel quinto set con le bolzanine ormai calate mentalmente. E così, dopo i 5 tie-break della scorsa stagione su sei sfide di B1 (Coppa, campionato e playoff), ecco servito l’ennesimo quinto set che fa il paio con gara 2 dei playoff promozione, quando a Breganze il Neruda non riuscì a sfruttare il doppio vantaggio di set. Onore quindi a Vicenza, che ci ha creduto fino al termine; per Bolzano rimane la convinzione di avere dato ancora una volta il massimo, e di avere ceduto solo nel tie-break, quando l’aspetto mentale è stato decisamente dalla parte delle ospiti. Top scorer del match ancora una volta è Valeria Papa con la bellezza di 29 punti, ma anche 9 errori punto e 7 muri al passivo, seguita da Noemi Porzio con 26. Per Vicenza invece ben cinque giocatrici in doppia cifra, con Milocco in testa (16) e Fronza eccellente con il 47% di positività. Pressoché identiche le percentuali in ricezione e attacco, a testimonianza del sostanziale equilibrio della partita, tranne appunto il quinto set. Ottimo l’arbitraggio della coppia bolognese. Ma ecco la cronaca.
Primo set. Senza Ceron e con Waldthaler ancora inserita in lista come secondo libero per problemi alla spalla, coach Fabio Bonafede ripropone la formazione delle ultime settimane con Cumino in palleggio e Bertolini opposto, Papa-Porzio di mano, Menghi-Gentili  in posto 3, Medaglioni libero. Dall’altra parte Rossetto schiera a sorpresa la giovane Cialfi in regia e Andreeva opposto, Fronza e Sestini al centro, Milocco e Baggi in posto 4, Lanzini libero.
Di fronte ad un pubblico da record stagionale (circa 900 persone), è Vicenza a uscire meglio dai blocchi (1-3 con muro Sestini), Menghi mura per il -1 (6-7) mentre il sorpasso (11-10) arriva con un muro Papa. La stessa Papa poi scava il solco al servizio con due ace di fila (15-11), Milocco mura per il -2 di Vicenza (16-14), le squadre mantengono la distanza fino al 21-19 quando ancora su un micidiale turno di servizio di Papa arriva l’ace che vale la palla set (24-19) poi capitalizzata da Bertolini.
Secondo set. L’inizio è fulminante per Bolzano: con Menghi al servizio (un ace) scappa sul 4-0. Ma Vicenza non si scompone, recupera (4-3 con muro Baggi) e poi va a condurre 5-6 con Sestini. Nel frattempo Rossetto ha sostituito Cialfi con Ghisellini e Andreeva con Peretto. Ancora con Papa in battuta il Volksbank Südtirol infila un filotto importante volando sul 10-6, due errori bolzanini riportano sotto Vicenza (13-11), poi una serie di strepitose difese di Medaglioni e due errori ospiti rilanciano le padrone di casa (16-11). Vicenza però non molla e ricuce lo strappo con la sua arma migliore, il muro: 17-17. Bolzano reagisce subito e con Papa e Bertolini riprende il largo (22-17), Vicenza si riavvicina (22-20), Bertolini attacca senza paura la palla che vale il 24-21, chiude Papa da seconda linea.
Terzo set. Rossetto ridisegna la squadra mettendo Ghisellini in palleggio e Peretto opposto, che si dimostrerà molto più efficace della titolare bulgara. Stavolta è battaglia punto a punto fin dall’inizio, con Vicenza che resta avanti fino al 7-8 e Bolzano che sorpassa e sembra prendere il largo dopo un muro Gentili (15-11). Due errori e due attacchi vicentini però colmano subito lo scarto (15-15), con Porzio e Milocco che si alternano nel tabellino degli attacchi vincenti. Sestini mura per il + 2 (21-23), Peretto fa invasione (23-23), ancora Milocco procura la palla set annullata da Porzio, Rossetto effettua il doppio cambio ed è proprio Andreeva su servizio Cialfi a mettere giù il 24-25; chiude Baggi.
Quarto set. L’inizio è promettente per il Volksbank Südtirol (3-0), ma le ospiti trascinate da Peretto risalgono subito la china (6-6). Bolzano allunga (12-9), due muri ospiti ristabiliscono la parità (12-12), malgrado i troppi errori in attacco le altoatesine rimangono avanti fino al 20-19, poi Vicenza sorpassa (20-21) su errore Papa, Porzio firma il controsorpasso (22-21) e anche la palla del 23-23, Peretto procura la palla set (23-24) annullata da Bertolini, quindi Milocco e Menghi, poi Andreeva mura per il 25-26, chiude Fronza con un muro su Papa.
Quinto set. L’inerzia del match a questo punto sembra dalla parte delle vicentine. Bolzano sbaglia due battute di fila e lascia scappare le ospiti (5-8 al cambio campo), sul 7-11 si spegne la luce nel campo di casa mentre Vicenza, con due ricostruzioni di Peretto e l’ultimo attacco di Milocco, raggiunge il suo obiettivo.
Coach Fabio Bonafede è comprensibilmente amareggiato per aver perso ancora una volta con Vicenza sciupando un doppio vantaggio: “Se ogni volta con Vicenza finisce al quinto set, evidentemente non è più un caso. Le mie ragazze hanno lottato come sempre, a noi però manca ancora l’atleta risolutivo, il leader che mette giù i punti decisivi. Loro hanno anche più cambi di noi e credo che a gennaio dovremo tornare sul mercato per trovare un rinforzo”.
Dall’altra parte Delio Rossetto è logicamente soddisfatto: “Bolzano è squadra che attacca quasi esclusivamente da posto 4, e inizialmente ho preferito la Cialfi perché cercavo più garanzie a muro. Poi ho dovuto cambiare modulo e alla fine, oltre alla maggiore freschezza mentale che abbiamo avuto nel tie-break forse anche perché Bolzano ha rivisto i fantasmi della gara playoff, credo che la differenza l’abbia fatta la nostra maggiore varietà di soluzioni e la tenuta muro-difesa, che ci ha permesso di ricostruire tantissimi palloni”.
VOLKSBANK SÜDTIROL NERUDA BZ – OBIETTIVO RISARCIMENTO VI 2-3 (25-20, 25-21, 24-26, 25-27, 7-15) (106-109) VOLKSBANK SÜDTIROL NERUDA BZ: Cumino 3, Bertolini 8, Papa 29, Porzio 26, Menghi 12, Gentili 8, Medaglioni (L), Fogagnolo. N.e. Waldthaler, Giora, Favretto. All. Fabio Bonafede. OBIETTIVO RISARCIMENTO VI: Cialfi, Andreeva 4, Milocco 16, Baggi 14, Sestini 15, Fronza 11,  Lanzini (L), Ghisellini 1, Peretto 13. N.e. Pastorello, Fiori. All. Delio Rossetto. ARBITRI: Fabrizio Lolli (Bologna) e Gianfranco Piperata (Bologna). DURATA SET: 25’, 29’, 29’, 30, 13’ (2h06’). NOTE: 900 spettatori Volksbank Südtirol Neruda BZ: muri 4, ace 7, battute sbagliate 11, errori 24, ricezione 76% (33%), attacco 35%. Obiettivo Risarcimento VI: muri 13, ace 1, battute sbagliate 6, errori 13, ricezione 75% (27%), attacco 33%. Ufficio stampa

ph. Riccardo Giuliani

Devi essere loggato per scrivere un commento Login

Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari.
I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori. Ogni abuso sarà perseguito ai termini di legge.
Sono vietate le COPIE anche parziali delle parti scritte, di ogni parte grafica comprese le foto e i filmati

Vivovolley è una testata giornalista, registrata presso il Tribunale di Milano (n. 331 del 22/10/2014)
Online dal 2006 © Vivovolley.net - Direttore: Avv. Rossana Foglia | Per Contattare VivoVolley Clicca Qui

© 2007-2017 Powered by Francesco Langiulli | Get Sport Media