La Liu Jo Modena espugna il PalaBanca. Rebecchi Nordmeccanica Piacenza ko 3-1

Scritto da on gen 19th, 2014 e archiviato sotto la categoria News, Notizie, Serie A1. Puoi seguire la discussione di questo post tramite RSS 2.0. Puoi lasciare una risposta o un trackback a questo post.

30794_NpAdvHoverNello scontro al vertice tra la capolista Rebecchi Nordmeccanica Piacenza e la diretta inseguitrice Liu Jo Modena (seppur in tandem con Bergamo), meritata vittoria per 3-1 della squadra di coach Chiappafreddo.
Il derby emiliano si presentava alla vigilia ricco di spunti di interesse sia perchè la Rebecchi Nordmeccanica era chiamata al riscatto dopo i ko contro Busto Arsizio in Campionato e Zurigo in Champions League sia per misurare le effettive capacità ed ambizioni della Liu Jo. Quello che è venuto fuori dallo scontro del PalaBanca altro non è stato che la fotografia dell’attuale stato di forma e morale delle due squadre. Il 2014 resta così avaro di vittoria e punti per Piacenza, mentre dal canto suo Modena conferma il suo attuale stato di grazia e lancia messaggi ben precisi per il campionato.
Nel complesso il gioco di Piacenza ha vissuto di fiammate, troppo poco per contrastare un’avversario che dopo il primo set è stato sempre in partita con testa e gambe.

Piacenza in campo con Ferretti-Van Hecke, Leggeri-De Kruijf, Bosetti-Meijners, Sansonna (L). Per Modena starting six+1 con Rondon-Fabris, Ruseva-Heyrman, Piccinini- Rousseaux, Cardullo (L).

L’inizio di partita fa segnare un sostanziale equilibrio. Piacenza arriva al primo time out tecnico con un +3 sfruttando gli errori delle modenesi, in particolare al servizio. Il gioco delle due squadre stenta a decollare e il set sembra proseguire senza particolari sussulti. Piacenza si accontenta di mantenere il mini vantaggio acquisito (19-16) e Modena fatica a trovare la soluzione giusta per pareggiare i conti. Un bell’attacco di Fabris da posto 1, l’errore di Van Hecke e il mani out di Rousseaux infiammano improvvisamente il set (19-19). La Liu Jo Modena mette tanta paura alle avversarie con gli attacchi di Fabris che trascina le compagne alla prima palla set dell’incontro. Piacenza ne annulla quattro consecutive, ne conquista una con De Kruijf in fast e chiude con il muro di Meijners sulla fast di Heyrman (29- 27).

Nel secondo set doppio vantaggio iniziale per Piacenza, ma Modena non è la stessa del set precedente e prima pareggia poi sorpassa con Rousseaux e un delicato secondo tocco di Rondon che mette scompiglio nella difesa della Rebecchi Nordmeccanica. La Liu Jo mostra una marcia in più e con 3 punti consecutivi di Piccinini da posto quattro piazza quello che sarà l’allungo decisivo (11-14) che la Rebecchi non riuscirà più a ricucire. La squadra di coach Caprara spreca sul 18-20 la palla del -1 pasticciando a muro e regalando alle avversarie il +3. Heyrman e Rousseax a muro sulla fast di De Kruijf conquistano quattro palle set che Rousseax capitalizza al secondo tentativo dopo un attacco di Van Hecke (21-25).

L’energia del set vinto si ripercuote positivamente sulla Liu Jo anche nel terzo parziale. La squadra di Chiappafreddo sprinta 2-4, 3-5, 3-7 costringendo Caprara al time out. L’interruzione non sortisce gli effetti sperati per Piacenza. Modena merita tutto il vantaggio dell’11-15. L’errore al servizio di Piccinini e due attacchi consecutivi di Meijners riaprono il set e infiammano il PalaBanca. Chiappafreddo chiama time out e al rientro in campo bastano pochi scambi a Modena per essere di nuovo avanti di 5 punti: Rousseaux da posto quattro, Fabris con due attacchi consecutivi, Ruseva a muro sulla pipe di Meijners e ancora Rousseaux. Piacenza va in bambola e la Liu Jo vola verso il 25-19 con due punti consecutivi di Piccinini.

Nel quarto set Modena comincia con più decisione (1-3), Piacenza prova a trovare la reazione da prima della classe. Meijners capitalizza la bella difesa di Sansonna sull’attacco di Fabris che poi si fa murare da Ferretti (8-7). Sul taraflex del PalaBanca non si vede però una bella pallavolo, soprattutto al servizio. Piccinini mura De Kruijf per il 9-10. Caprara sostituisce Ferretti con Caracuta. La Rebecchi da l’impressione di poter allungare il match fino al quinto set (recupero e sorpasso dal 13-15 al 16-15), ma la Liu Jo non si scompone. Fabris in lungolinea e con un mani out, Rousseuax e Piccinini in pallonetto capovolgono nuovamente il punteggio a proprio favore (17-19). Ci provano Meijners e Van Hecke a tenere vivo il set con il nuovo pareggio (20-20). Sull’attacco out di Fabris gli arbitri vedono un tocco del muro piacentino. Leggeri e compagne protestano, lo fa anche Caprara che prende il giallo. Nell’azione successiva Rondon mura Bosetti. Il time out successivo poco serve a Piacenza. Rondon si esalta con l’ennesimo tocco di seconda che vale tre palle match. Bosetti da posto due annulla la prima, poi Maruotti mette a segno il punto della vittoria per Modena (25-22).

POST PARTITA

Samanta Fabris: “Sapevamo che Piacenza sarebbe stata piuttosto agguerrita dopo le due sconfitte consecutive. Siamo state brave a non demoralizzarci dopo il primo set perso in cui abbiamo sbagliato molto, soprattutto io. Noi siamo consapevoli delle nostre potenzialità e di quello che possiamo fare, come abbiamo dimostrato sia contro Bergamo che stasera. Sono davvero contenta per questa vittoria e per i tre punti che significano molto per la nostra classifica”.

Francesca Ferretti: “E’ difficile spiegare cosa non ha funzionato in questo match così come in questo inizio di nuovo anno. Non c’è qualcosa di particolare, sappiamo che è un problema di testa. Le nostre avversarie aspettavano la nostra prima sconfitta per colpire la nostra sicurezza di gioco. Dobbiamo trovare la forza di venire fuori da questo periodo difficile e il match di martedì contro Zurigo sarà il momento giusto non solo per ottenere la prima vittoria del 2014 ma per dare una svolta importante alla nostra stagione”.

Giuseppe Flace

Devi essere loggato per scrivere un commento Login

Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari.
I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori. Ogni abuso sarà perseguito ai termini di legge.
Sono vietate le COPIE anche parziali delle parti scritte, di ogni parte grafica comprese le foto e i filmati

Vivovolley è una testata giornalista, registrata presso il Tribunale di Milano (n. 331 del 22/10/2014)
Online dal 2006 © Vivovolley.net - Direttore: Avv. Rossana Foglia | Per Contattare VivoVolley Clicca Qui

© 2007-2017 Powered by Francesco Langiulli | Get Sport Media