Liu Jo Modena: scacco alle campionesse d’Italia. La Liu Jo batte anche Piacenza a domicilio e trova la Pomì in Coppa Italia

Scritto da on gen 20th, 2014 e archiviato sotto la categoria Campionato, Serie A1. Puoi seguire la discussione di questo post tramite RSS 2.0. Puoi lasciare una risposta o un trackback a questo post.

1517669_10202597639403489_325397784_nUn primo set perso ai vantaggi poi una gara in costante crescendo ed un 3-1 che non lascia spazio a repliche. Piccinini e compagne stendono la capolista del campionato nonché formazione campionessa d’Italia, blindano il secondo posto e trovano Casalmaggiore nei quarti di Coppa Italia.
Risultato finale: REBECCHI NORDMECCANICA PIACENZA 1 LIU•JO MODENA 3
Durata dell’incontro: 1h 51min
Risultati parziali:
29-27 21-25 19-25 22-25
Primo arbitro: Sandro La Micela
Secondo arbitro: Andrea Pozzato
CRONACA DELLA PARTITA Primo set.  Sestetti ideali in campo da ambo le parti per l’avvio di match. Coach Chiappafreddo parte con Rondon in regia, Fabris opposto, Heyrman e Ruseva al centro, Rousseaux e Piccinini in posto quattro con Cardullo libero. Per Piacenza Ferretti in palleggio, Van Hecke a completare la diagonale principale, Meijners e Bosetti in banda, De Kruijf e Leggeri al centro con Sansonna libero.
Inizio equilibrato di set e di gara con le due palleggiatrici che cercano di coinvolgere nel vivo del gioco le rispettive attaccanti di punta. Bosetti e Piccinini si rispondono per il primo punto poi la capitana bianconera trova anche l’ace del 2-3. Dopo i primi scambi, però, sarà Piacenza a portarsi avanti sfruttando qualche errore offensivo di Modena e una battuta ancora non sufficientemente ficcante. E’ 12-9 al time out tecnico e i tre punti di vantaggio per le padrone di casa saranno un po’ il leit motivo di gran parte del parziale. Si arriva fino al 19-16 quando la Liu•Jo stringe le proprie maglie difensive e produce un parziale che riporta il set in equilibrio costringendo Caprara al time-out. Van Hecke trova il cambio palla al rientro in campo e Ferretti un muro che riporta sopra di due la propria squadra, ma le bianconere hanno stretto la morsa, ricuciono e passano 22-23 con l’attacco punto di Rousseaux. Arriva anche al set point la Liu•Jo, per tre volte Piacenza risponde e a coach Chiappafreddo non basta nemmeno l’esordio di Paggi schierata in battuta al posto di Ruseva in un finale pieno di sostituzioni tattiche. Al quarto tentativo Rousseaux ha la possibilità di chiudere su un pallone che danza sopra il nastro. Il suo attacco, però, termina di pochissimo out sul fondo campo e le padrone di casa vengono scosse da questo rischio. De Kruijf riesce a regalare il set point alle sue sul servizio di Van Hecke e Piacenza chiude anche 29-27 con il muro di Meijners su Heyrman.
Secondo set. Si riparte con i medesimi sestetti nel secondo parziale e dopo il solito avvio equilibrato è Modena a prendere il comando delle operazioni sfruttando due muri di Heyrman e una maggiore efficienza in contrattacco. Rousseaux e Piccinini trascinano offensivamente la squadra sul 10-12 del primo time out tecnico, mentre dall’altra parte sono soprattutto De Kruijf e Van Hecke a regalare punti alla propria squadra. Mantiene un cambio palla regolare Modena e Caprara prova a scuotere la propria squadra chiamando il proprio primo stop discrezionale sul 13-16. Nella seconda parte del set iniziano anche i cambi tattici, soprattutto per la battuta. Le padrone di casa ci provano con Bramborova per De Kruijf, la Liu•Jo risponde con Maruotti per Ruseva. Si arriva comunque con le solite tre lunghezze al 20-23 quando Rousseaux stampa un muro a uno su De Kruijf che fino ad ora era stata impeccabile in fast. Quattro set il point, il primo annullato da Van Hecke, il secondo concretizzato proprio da Rousseaux con un attacco che apre le mani al muro avversario.
Terzo set. Ancora sestetti confermati e questa volta la Liu•Jo inserisce le marce alte da subito. Il primo vantaggio è sull’attacco out di Meijners per il 2-3 poi Modena allunga fino al 3-7 che induce Caprara a fermare subito il gioco. Sono ancora le bianconere a sfruttare un altro errore di Meijners, poi sostituita da Vindevoghel per qualche minuto, al rientro in campo e il divario si dilata fino al 4-11. Sembra replicarsi l’andamento dell’amichevole di una decina di giorni fa al PalaPanini, ma questo è il big match del campionato e le campionesse d’Italia in carica nonché attuali capoclassifica non possono prescindere da una reazione che prontamente arriva. Sul 14-15 si arriva ad un passo dal materializzarsi dell’aggancio, ma Van Hecke, sempre fastidiosa in battuta, batte fuori e per Modena è una grande iniezione di fiducia. Una devastante Rousseaux allunga ancora sul 14-17 poi tutto il sestetto ben orchestrato da Rondon alza il proprio livello e riprende il largo. Devastante nel finale di set Francesca Piccinini con quattro punti consecutivi, inframezzati da un cambio palla di Van Hecke, che portano Modena avanti per 2 set a 1 con il 19-25 finale.
Quarto set. Vuole andare a chiudere la contesa Modena ed è subito 0-2 in avvio di quarto parziale. L’equilibrio, però, regnerà sovrano in un avvio caratterizzato da una buona varietà di situazioni che favoriscono prima l’una e poi l’altra squadra. Piccinini e compagne si trovano sul 5-7 con il muro di Ruseva, ma al cambio palla va in servizio Van Hecke e Piacenza torna avanti 8-7. Time out per Chiappafreddo e battuta in rete della belga per l’8-8 al rientro in campo. Grandi emozioni in questo set che più volte sembra prendere un indirizzo, ma prontamente torna immediatamente in completo equilibrio. All’ennesimo pari sul 20-20 si infiamma il match con un attacco di Fabris che gli arbitri giudicano toccato dal muro nonostante le proteste dei padroni di casa. Si va anche sul 20-22 e poi arriva l’attacco out di Bosetti ancora una volta contestatissimo con la richiesta di un tocco del muro. E’ il momento decisivo che Modena sfrutta alla grande. A mandare in festa tutto il pubblico di fede modenese e lo staff tecnico è Maruotti, subentrata nel finale per Rousseaux, che trova il mani fuori del 22-25 finale.
La schiacciatrice Ilaria Maruotti, autrice del punto che ha chiuso il match: “Speravo di chiudere su questa situazione ed infatti ho chiamato con più convinzione la palla a Giulia, alla fine mi ha premiata. Nel primo set ci sono state fasi più di studio, poi noi abbiamo fatto abbastanza errori in battuta, ma siamo state brave a recuperare. Alla fine, forse, l’abbiamo un po’ pagata. L’accoppiamento con Casalmaggiore in Coppa Italia? La classifica ci interessava poco, alla fine chi tocca tocca, ma ora tocca solo giocare e vincere”.
Il libero Paola Cardullo, ancora autore di una grande partita: “Abbiamo giocato un primo set di approccio, noi siamo sempre un po’ diesel a partire. Abbiamo iniziato guardando l’avversario, poi abbiamo iniziato anche a giocare e si è visto. Sicuramente loro hanno disputato una buona partita, ma noi siamo state forse più brave di loro nei momenti importanti e nella gestione dell’errore. Questa partita era importante più che per il secondo posto in classifica, per l’accoppiamento ai quarti di finale di Coppa Italia. E’ una grandissima soddisfazione concludere così il girone d’andata, ma ancora più importante è essere arrivati secondi in ottica Coppa Italia. Bene così”.
La schiacciatrice Helene Rousseaux: “Penso che abbiamo giocato una buona partita, con alti e bassi. Non è stato un buon inizio, ma la squadra ha lottato su ogni pallone e sapevamo benissimo cosa dovevamo fare avendo fatto tanto video nel corso della settimana. Sapevamo che Piacenza era in una posizione difficile e noi siamo riusciti a sfruttare le occasioni avute, sono soddisfatta della partita che abbiamo disputato. La Coppa Italia? Sono contenta dell’accoppiamento con Casalmaggiore, è quello che personalmente speravo e credo sia così anche per le mie compagne”.
Il coach Mauro Chiappafreddo: “Sono molto contento di questa vittoria, è un successo del gruppo perché tutte le ragazze chiamate in causa nelle varie situazioni hanno risposto alla grande facendo il loro dovere. Abbiamo sconfitto la capolista del campionato in casa propria e questo è di per sé un ottimo risultato, abbiamo fatto molto bene in muro-difesa esprimendoci in maniera costante nell’arco dell’intera gara. Ora affronteremo Casalmaggiore in Coppa Italia con la consapevolezza che ricomincia tutto da capo e che dovremo guadagnarci ancora un’altra vittoria”.
PROSSIMO APPUNTAMENTO: domenica 26 gennaio, alle ore 18 presso il Pala Farina di Viadana andata dei quarti di finale di Coppa Italia fra Pomì Casalmaggiore e Liu•Jo Modena.

 Ufficio stampa

ph. Maurizio Ferro

Devi essere loggato per scrivere un commento Login

Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari.
I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori. Ogni abuso sarà perseguito ai termini di legge.
Sono vietate le COPIE anche parziali delle parti scritte, di ogni parte grafica comprese le foto e i filmati

Vivovolley è una testata giornalista, registrata presso il Tribunale di Milano (n. 331 del 22/10/2014)
Online dal 2006 © Vivovolley.net - Direttore: Avv. Rossana Foglia | Per Contattare VivoVolley Clicca Qui

© 2007-2017 Powered by Francesco Langiulli | Get Sport Media