Igor Gorgonzola Novara: l’andata dei quarti di Coppa Italia sorride alla Foppa. Pedullà “Non è finita”

Scritto da on gen 27th, 2014 e archiviato sotto la categoria Serie A1. Puoi seguire la discussione di questo post tramite RSS 2.0. Puoi lasciare una risposta o un trackback a questo post.

1510859_533200850110099_910620306_nLa Foppapedretti Bergamo di Stefano Lavarini espugna lo Sporting nell’andata dei quarti di finale di Coppa Italia al termine di una partita combattuta e riaperta dalle azzurre dopo un avvio di gara difficile. Pedullà propone dall’inizio lo stesso sestetto vincente contro Casalmaggiore, con Vanzurova opposta a Kim, Rosso e Lombardo in banda, Milos e Tokarska al centro e Paris libero. Orobiche schierate da Lavarini con Diouf opposta a Weiss, Blagojevic e Sylla in banda, Folie e Stufi al centro e Merlo libero.
Parte forte la Foppa, che sul 2-2 nel primo set trova un parziale di 7-0 sul turno in battuta di Blagojevic, che costringe Pedullà a chiamare entrambi i timeout a sua disposizione. Tokarska firma il 3-9 ma Bergamo riparte con Diouf e scappa 7-16 mentre Pedullà cambia la diagonale con Mollers in regia e Murphy opposta. Sul 10-20, Murphy conquista la battuta e riapre il set propiziando un 7-0 con Bergamo in difficoltà (17-20). Ancora Murphy accorcia 19-22, Bergamo trova il set ball con Blagojevic (19-24) e Novara ne annulla tre (22-24) prima della battuta in rete di Milos che vale il 22-25.
Novara riparte con Murphy e Mollers titolari ma è ancora Bergamo a partire meglio, portandosi 5-10 con Stufi e Blagojevic protagoniste mentre Pedullà inserisce anche Manfredini per Lombardo. Dopo il timeout tecnico (7-12), Novara accorcia con i muri di Milos e Murphy su Diouf, per l’11-14 che spinge Lavarini a chiamare timeout. Tokarska riduce il gap, Mollers a muro e Rosso con un ace firmano il sorpasso (19-18). Ancora Tokarska (ace, 21-19), prima della reazione delle ospiti, che sorpassano aiutate dal nastro (ace Diouf per il 22-23) e chiudono 23-25 con l’errore in battuta di Manfredini.
Testa a testa il terzo parziale, con Bergamo avanti 1-3 e poi 7-8 (Diouf) prima della risposta di Murphy e di Mollers (ace) per il 10-8. Rosso “stoppa” Stufi, Murphy allunga 16-12 e Tokarska in fast, poco dopo, mantiene le distanze  sul 18-14. Lavarini chiama timeout, Milos non si ferma e Rosso, in diagonale, firma il 21-17. Milos in battuta scava il solco decisivo, chiude Tokarska a muro su Blagojevic 25-19.
La Igor, galvanizzata, parte meglio nel quarto set, con Murphy e l’errore di Sylla che valgono il 6-3 mentre Lavarini chiama subito timeout. Murphy è scatenata (11-7), Diouf accorcia 11-9 e Milos firma in primo tempo il 12-10 al primo timeout tecnico. Cresce il tasso agonistico dell’incontro, le squadre procedono testa a testa fino al 19-16 con Milos e Manfredini che firmano il break azzurro. Non basta: Bergamo rientra sul -1 con Loda e innesca un finale di set tiratissimo. Blagojevic a muro trova il match ball, Murphy sorpassa 25-24 ma è l’ultimo “spunto” del Novara: Diouf strappa il servizio e Klisura, dopo il mani-out di Blagojevic, chiude con un ace (25-27).
La gara di ritorno è in programma per mercoledì sera, a partire dalle 20.30, a Bergamo. In base al regolamento della competizione (passa la squadra che ha vinto più set dopo la doppia sfida, con eventuale golden set di spareggio in caso di parità), alla Igor serve una vittoria per 0-3 o per 1-3 con golden set supplementare, per passare il turno e conquistare la Final Four di Coppa Italia.
Rammarico in casa Igor al termine della partita: «Purtroppo siamo partite male, poi siamo rientrare in partita ma non è bastato per vincere o arrivare quantomeno al tie-break. Certo, non siamo affatto convinte che la sfida sia chiusa: c’è una partita di ritorno per provare a ribaltare la situazione. Siamo consapevoli che non sarà facile ma anche determinate a far bene e a provare, fino alla fine, a centrare la qualificazione. Certo, dovremo sbagliare molto meno e, soprattutto, avere più pazienza perché loro in difesa tengono molto».
Analisi condivisa anche da Luciano Pedullà: «Siamo partiti male, sbagliando in molti fondamentali e non possiamo permettercelo. Quando siamo cresciuti in battuta, siamo rientrati in partita ma non è bastato. Certo, va anche dato merito a Bergamo di essere, in questo momento, la seconda forza del campionato e non certo per caso. Noi ce la siamo giocata a testa alta, punto a punto, in tutti e quattro i set alla fine e questo è senz’altro positivo. Peccato per gli errori che non ci hanno concesso di vincere. Qualificazione? Non è chiuso niente, noi andiamo a Bergamo con la serenità di chi ha giocato alla pari con il proprio avversario e, proprio per questo, può ribaltare la situazione. Il rammarico più grande è che non siamo ancora consapevoli dei nostri mezzi: è quello che ci manca nei momenti decisivi delle sfide alle grandi squadre».
Così Jelena Blagojevic, capitano della Foppa: «Siamo venute qui per vincere, era molto importante per noi, che siamo una squadra giovane, ottenere un risultato positivo e prendere fiducia. Abbiamo aggredito molto la partita perché sapevamo che sarebbe stato importante partire bene e tenere in mano la partita fin dalle prime battute. Il ritorno? Non cambia nulla la vittoria dell’andata, dobbiamo solo pensare a giocare bene e a vincere».
Chiosa per Stefano Lavarini, tecnico delle orobiche: «Dobbiamo dimenticare subito questo risultato positivo, perché la doppia sfida è tutt’altro che chiusa. Conosciamo il valore di Novara e sappiamo che ci attende un’altra battaglia, una sfida da interpretare nel migliore dei modi per ottenere un risultato positivo e la conseguente qualificazione. La chiave della partita? Gli episodi, alla fine tutti i set vinti sono stati tirati e in alcuni casi ci hanno aiutato gli errori di Novara, come le battute sbagliate sul set-ball nel primo e nel secondo parziale».
IGOR VOLLEY NOVARA – FOPPAPEDRETTI BERGAMO 1-3 (22-25, 23-25, 25-19, 25-27)
Igor Volley Novara: Casillo ne, Paris (L), Rosso 7, Tokarska 12, Kim, Lombardo 1, Manfredini 4, Milos 13, Vanzurova 1, Alberti, Mollers 6, Murphy 15. All. Pedullà.
Foppapedretti Bergamo: Klisura 1, Stufi 5, Bruno, Loda, Weiss 1, Blagojevic 11, Merlo (L), Melanrdi 2, Folie 8, Diouf 28, Smutna 1, Sylla 8. All. Lavarini.

 Ufficio stampa

ph. Stefano Fagnani

Devi essere loggato per scrivere un commento Login

Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari.
I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori. Ogni abuso sarà perseguito ai termini di legge.
Sono vietate le COPIE anche parziali delle parti scritte, di ogni parte grafica comprese le foto e i filmati

Vivovolley è una testata giornalista, registrata presso il Tribunale di Milano (n. 331 del 22/10/2014)
Online dal 2006 © Vivovolley.net - Direttore: Avv. Rossana Foglia | Per Contattare VivoVolley Clicca Qui

© 2007-2017 Powered by Francesco Langiulli | Get Sport Media