Liu Jo Modena: Coppa Italia, obiettivo centrato. Si va a Treviso

Scritto da on gen 30th, 2014 e archiviato sotto la categoria Serie A1. Puoi seguire la discussione di questo post tramite RSS 2.0. Puoi lasciare una risposta o un trackback a questo post.

1454544_10202403379067102_183433649_nPiccinini e compagne si aggiudicano subito il primo set che serviva per la qualificazione alla Final Four, poi spazio alle più giovani che non tradiscono e portano a casa con il punteggio finale di 3-1 la partita. Ottima prova di tutte con Andjelic che si guadagna il premio di MVP.
Risultato finale:
LIU•JO MODENA 3
POMI’ CASALMAGGIORE 1
Durata dell’incontro: 1h 43min
Risultati parziali:
25-18 21-25 25-22 25-23
Primo arbitro: Mauro Goitre Secondo arbitro: Marco Braico
Spettatori: 1030
CRONACA DELLA PARTITA Primo set. Si parte con la formazione base per coach Chiappafreddo che schiera Rondon al palleggio, Fabris opposta, Rousseaux e capitan Piccinini in banda, Ruseva ed Heyrman al centro con Cardullo libero. Per Casalmaggiore, invece, c’è Camera in regia con Zago opposta, Lipicer e Gennari in posto quattro, Stevanovic e Aguirre al centro con Quiligotti, e non Sirressi, libero.
Grande equilibrio in avvio di gara con la Pomì che si porta avanti 3-1 grazie ad un paio di muri. Dall’altra parte, però, risponde Heyrman con tre muri consecutivi a sua volta che portano la Liu•Jo sul 5-3. E’ un inizio di gara soft per le padrone di casa che sbagliano qualcosa di troppo in attacco ed in battuta tenendo a contatto l’avversario. E’ la sola Lipicer, di fatto, a mettere per terra il pallone con regolarità per la Pomì e si arriva così 12-10 al time out tecnico. Sul 13-13 si consuma il riaggancio e serve un muro di Ruseva per riportare avanti Modena di due lunghezze sul 17-15. Time out per coach Beltrami e fast di Stevanovic per il 17-16 al rientro in campo. Un altro muro della centrale bulgara, però, regala il 19-16 e obbliga il tecnico ospite al secondo stop discrezionale. Ha preso il ritmo giusto la Liu•Jo che poi con l’ingresso in battuta di Maruotti per Ruseva regala la possibilità a Fabris di realizzare muro e attacco del 22-17. Si chiude qui, di fatto, il set e la partita con la stessa croata che realizzerà in pipe il 25-18 che vale la qualificazione alle Final Four in programma il 22-23 febbraio a Treviso.
Secondo set. Con la qualificazione nel cassetto coach Chiappafreddo regala spazio alle sue giovani. In campo vanno Maruotti, Perinelli, Prandi, Petrachi, Andjelic e Paola Paggi, mentre l’unica giocatrice del sestetto titolare confermata è Ruseva. Si riparte in grande equilibrio, dunque, con Lipicer a fare sempre la differenza per le ospiti, mentre da parte modenese sono Maruotti ed Andjelic a prendere in mano la maggior parte del peso offensivo. Quando anche Gennari per la Pomì trova qualche sbocco importante la formazione casalasca si porta avanti di un paio di lunghezze e guiderà 9-12 al time out tecnico. C’è chiaramente maggior feeling in campo e maggior esperienza tra le fila avversarie. Le giovani bianconere devono sopperire anche alla mancanza di meccanismi rodati in un contesto così importante, ma regalano una bellissima reazione dopo il 12-19 per le avversarie. Punto dopo punto la Liu•Jo rosicchia lo svantaggio arrivando fino al 21-24, ma sul contrattacco che può valere il meno due arriva il muro che chiude il parziale a favore della Pomì.
Terzo set. Si riparte con i medesimi sestetti del parziale precedente e si riparte punto a punto, con Perinelli, ancora Andjelic e Paola Paggi ad essere le più concrete in attacco. 7-7 il punteggio prima del cambio palla ospite e di due muri consecutivi che regalano tre lunghezze di vantaggio che poi permangono anche al time out tecnico sul 9-12. Un primo tempo di Ruseva, l’attacco di Andjelic e l’errore di Lipicer riportano la gara in parità al ritorno in campo e il segnale è di quelli positivi perché Modena ha trovato ritmo e passa anche avanti con la propria opposta croata. Sul 15-13 coach Beltrami è costretto a fermare il gioco dopo aver anche inserito Bacchi per Zago. Il muro di Paggi porta anche la Liu•Jo sul 17-14, poi tre errori rimettono per l’ennesimo volta il parziale in bilico, ma le bianconere allungano nuovamente con la fast di Paggi e la pipe out di Bacchi. La panchina di Casalmaggiore deve giocarsi il secondo stop discrezionale, ma il parziale sembra incanalarsi quando due lunghe azioni si chiudono a favore di Modena e il punteggio va sul 23-19. Nulla di fatto, però, perché Lipicer di esperienza realizza il 23-20 e Perinelli trova il muro avversario. Time out per coach Chiappafreddo e al rientro in campo Prandi si appoggia ad Andjelic che non tradisce e realizza i due punti necessari a chiudere il parziale.
Quarto set. Ancora avanti con i medesimi sestetti e buon impatto di Ruseva con un muro e un primo tempo in avvio.  Si esalta in difesa anche la giovanissima Petrachi e quando in attacco suona la carica ancora Andjelic, la Liu•Jo prova  a scattare avanti di un paio di lunghezze. E’ 12-10 al time out tecnico e poi diventa anche 13-10 col primo tempo di Ruseva. Prova a rispondere con Stevanovic la Pomì, ma per Modena torna su alti livelli offensivi anche Maruotti. Trovano anche l’apporto di Bacchi le ospiti e sul primo tempo out di Ruseva si consuma il riaggancio a 19. Time out per coach Chiappafreddo e la stessa bulgara si fa perdonare al ritorno in campo con un perentorio muro su Gennari. Arriva anche il 21-19 con l’ace di Perinelli e a seguito il secondo stop discrezionale di coach Beltrami. Modena, tuttavia, arriva a giocarsi diversi set point che Casalmaggiore riesce ad annullare, ma sul 24-23 l’attacco out di Lipicer regala la grande gioia alle giovani bianconere del successo.
La gioia della MVP dell’incontro, Danijela Andjelic: “Sono contenta, ancora non posso crederci. Vinto il primo set e qualificate per le Final Four siamo entrate noi che di solito non giochiamo e volevamo fare il massimo. Sono orgogliosa di quello che siamo riuscite a fare. Volevamo tanto vincere la partita e non lasciare loro il successo per questo sono molto contenta. La semifinale con Bergamo? Non ho paura di nessuno, lavoriamo tanto e abbiamo brave ragazze ed un bravo staff. Penso che abbiamo le possibilità di vincere anche questa partita”.
La palleggiatrice Vittoria Prandi: “Siamo molto contente di questa vittoria e soprattutto siamo riuscite a passare in semifinale di Coppa Italia che per noi è un traguardo importantissimo. Poi abbiamo avuto spazio anche noi giovani e abbiamo potuto mostrare il nostro meglio per arrivare a vincere la partita. In queste settimane ci alleneremo come sempre abbiamo fatto per raggiungere un traguardo importante”.
Il coach Mauro Chiappafreddo: “Abbiamo vinto il primo set e poi la squadra non ha mollato, anzi, ha lottato pallone su pallone per arrivare a questo risultato. Sono entrate anche diverse giovani in campo, ma hanno dimostrato di aver le doti per giocarsela contro tutte le avversarie. Sicuramente abbiamo raggiunto ottimo traguardo e sono molto contento per tutta la società, i tifosi e soprattutto per noi che tutti i giorni lavoriamo. Andjelic MVP? E’ alla prima esperienza in Italia, è una ragazza splendida, ha tanta voglia di fare e di dimostrare tutte le doti che ha”.
PROSSIMO APPUNTAMENTO: domenica 2 febbraio, alle ore 18 presso il PalaPanini di Modena dodicesima giornata di Master Group Sport Volley Cup Serie A1 fra Liu•Jo Modena e Openjobmetis Ornavasso.

 Ufficio stampa

ph. Maurizio Ferro

Devi essere loggato per scrivere un commento Login

Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari.
I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori. Ogni abuso sarà perseguito ai termini di legge.
Sono vietate le COPIE anche parziali delle parti scritte, di ogni parte grafica comprese le foto e i filmati

Vivovolley è una testata giornalista, registrata presso il Tribunale di Milano (n. 331 del 22/10/2014)
Online dal 2006 © Vivovolley.net - Direttore: Avv. Rossana Foglia | Per Contattare VivoVolley Clicca Qui

© 2007-2017 Powered by Francesco Langiulli | Get Sport Media