Igor Gorgonzola Novara: la settimana speciale di Mi Na Kim tra compleanno e ritorno a casa “Al Palaverde sono cresciuta, ora voglio fare il colpaccio”

Scritto da on feb 5th, 2014 e archiviato sotto la categoria Serie A1. Puoi seguire la discussione di questo post tramite RSS 2.0. Puoi lasciare una risposta o un trackback a questo post.

10766_554988467931337_700048056_nTre punti e una vittoria strepitosa: così la palleggiatrice azzurra Mina Kim ha festeggiato i suoi trent’anni, compiuti quest’oggi. Una torta ricevuta, a sorpresa, dalle compagne di squadra allo scoccare della mezzanotte e poi la ripresa degli allenamenti questa mattina: nel mirino c’è una trasferta importante (domenica, ore 18, al PalaVerde di Treviso, contro Conegliano) che per Mina, tutto sommato, è un vero e proprio ritorno a casa.
«In quel palazzetto ci sono cresciuta – racconta la regista azzurra, figlia del mitico Kim Ho Chul che a Treviso ha prima giocato e poi allenato – e ho sempre sognato di giocarci. Quando ero piccola, mio padre mi diceva che lì non avrei mai giocato, quello era il “tempio” della pallavolo maschile… e invece domenica toccherà a me. Sarà una bella emozione, mi sembrerà davvero di tornare a casa. Inutile dire che sogno di fare il colpaccio, sarebbe davvero fantastico».
Dall’altra parte della rete un avversario di primissimo livello: «Basta scorrere i nomi delle nostre avversarie per capire quanto sia alto il livello di Conegliano. Però conosco anche il valore della mia squadra e so che possiamo fare bene, specie se manterremo alto il rendimento in battuta, fattore decisivo per tenerle a bada visto che hanno ottimi attaccanti, e in difesa, fondamentale che ci esalta letteralmente quando gira a dovere. Come noi, Conegliano ha una panchina lunga è questa è davvero un’arma importantissima: basti vedere quanto faccia la differenza per noi».
Intanto, hai festeggiato nel migliore dei modi i tuoi trent’anni: «La vittoria su Bergamo è stata eccezionale, abbiamo giocato davvero bene, cogliendo un successo importante non solo per i punti in palio ma anche per ripartire dopo la parentesi della Coppa Italia che aveva lasciato l’amaro in bocca. Abbiamo offerto una prova di maturità, di carattere, ma questa non è una novità: se c’è una cosa che non difetta alla nostra squadra è proprio il carattere, la capacità di reagire alle difficoltà. Il nostro carattere è la nostra forza, la nostra certezza: è una base importante su cui costruire un girone di ritorno pieno di soddisfazioni».

 Ufficio stampa

ph. Stefano Fagnani

Devi essere loggato per scrivere un commento Login

Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari.
I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori. Ogni abuso sarà perseguito ai termini di legge.
Sono vietate le COPIE anche parziali delle parti scritte, di ogni parte grafica comprese le foto e i filmati

Vivovolley è una testata giornalista, registrata presso il Tribunale di Milano (n. 331 del 22/10/2014)
Online dal 2006 © Vivovolley.net - Direttore: Avv. Rossana Foglia | Per Contattare VivoVolley Clicca Qui

© 2007-2017 Powered by Francesco Langiulli | Get Sport Media