Master Group Sport Volley Cup: Piacenza fa la voce grossa e ottiene il decimo successo consecutivo, Conegliano e Modena rispondono. Per Casalmaggiore punti importanti

Scritto da on mar 10th, 2014 e archiviato sotto la categoria Campionato, Notizie, Serie A1, Serie A2. Puoi seguire la discussione di questo post tramite RSS 2.0. Puoi lasciare una risposta o un trackback a questo post.

1796549_10202841833108179_640611187_nLa 17^ giornata di Regular Season della Master Group Sport Volley Cup fa segnare il successo della capolista Rebecchi Nordmeccanica Piacenza contro la Foppapedretti Bergamo (il terzo in stagione dopo quello ottenuto all’andata e dopo la vittoria nella finale di Coppa Italia). Consolida il secondo posto l’Imoco Volley Conegliano, che passa in tre set contro la Banca di Forlì, ancora ultima in classifica. La Liu Jo Modena, vincente in tre set sul campo della Robur Tiboni Urbivo, è al quarto posto, a una sola lunghezza da Bergamo. Importante, per la classifica, anche il successo della Pomì Casalmaggiore sulla IHF Volley Frosinone.
REBECCHI NORDMECCANICA PIACENZA – FOPPAPEDRETTI BERGAMO 3-1 (25-19, 23-25, 25-21, 27-25) Al PalaBanca di Piacenza, di fronte a più di 3600 spettatori,  Rebecchi Nordmeccanica e Foppapedretti Bergamo mandano in scena il remake della finale di Coppa Italia del 23 febbraio scorso. Ancora una volta, ad avere la meglio, è la formazione di Giovanni Caprara, che sfrutta al meglio le proprie doti tecniche e dimostra di avere quel briciolo di esperienza in più necessaria per conquistare i punti che contano. Con questo successo, le padrone di casa ottengono la decima vittoria consecutiva tra Campionato e Coppa Italia, mantenendosi saldamente al comando della Regular Season, con sei punti di vantaggio sulla prima inseguitrice.
Partenza a razzo quella di Leggeri e compagne che, pronti-via, si portano subito sul +5 (12-7). Bergamo tenta la reazione e, pallone dopo pallone, arriva a sfiorare il pareggio sul 19-18. Proprio nel momento di maggiore difficoltà, la Rebecchi Nordmeccanica riparte alla grande e chiude il parziale con disinvoltura, trascinata da un’ottima Van Hecke, autrice, a fine parziale di 7 punti.
La Rebecchi Nordmeccanica ricomincia il set sulla falsariga del precedente: subito in vantaggio, la reazione delle avversarie si dimostra questa volta più concreta ed efficace: 19-20 per la formazione ospite che corregge gli errori fatti nel primo parziale e conquista il secondo portando il match in parità.
Si riparte con Piacenza che accelera subito: 9-7. Ma Bergamo è sempre molto competitiva e pareggia a quota 12 e poi ancora a 18. Vindevoghel e Bosetti salgono in cattedra mettendo a segno giocate che si rivelano determinanti per le sorti del set.
Emozionante e ricco di colpi di scena il quarto set: prime battute all’insegna dell’equilibrio, poi la Foppapedretti cerca di prendere il largo. Ai punti di Diouf e Folie rispondono, in casa piacentina, le giocate di Bosetti e Van Hecke. Sul 18-23 Bergamo è già con la testa al tie break, mentre Piacenza riacquista il cinismo della grande squadra: Leggeri e compagne ci credono fino in fondo e, dopo aver annullato tre set point, alla seconda palla match a disposizione chiudono definitivamente i conti.
IMOCO VOLLEY CONEGLIANO – BANCA DI FORLI’ 3-0 (25-21, 25-10, 25-22) Quasi 3.000 spettatori per applaudire il terzo successo consecutivo da tre punti delle pantere dell’Imoco Volley Conegliano contro la Banca di Forlì, successo che consolida, per la squadra di Gaspari, la seconda posizione in classifica.
Novità nello starting six delle padrone di casa: al palleggio c’e’ Marta Bechis, opposto Nikolova, al centro Gibbemeyer e Kauffeldt, schiacciatrici Fiorin e Barcellini, libero De Gennaro. Per Forlì, in regia c’è Pincerato, Spelman opposta, Borgogno e Piolanti centrali, Ventura e Pinedo schiacciatrici con la consueta alternanza dei liberi Zardo e Coriani.
Partenza in sordina per le pantere, subito costrette a recuperare il -2 (1-3). Le padrone di casa si organizzano però velocemente e, ben supportate dagli attacchi di Barcellini e Fiorin, superano le romagnole sul 9-8 e allungano sul 14-11. Forlì è brava a mantenere la calma e riesce a impattare e a riportarsi in vantaggio in poco tempo (16-17). Nikolova indica la strada mettendo in scena i colpi che le riescono meglio e, per imitazione, è tutta la squadra a crescere e a riportarsi in vantaggio: 23-20, poi muro e attacco vincente ancora di Nikolova che chiude 25-21.
Monologo veneto nel secondo parziale, con Barcellini a farla da padrona in ogni angolo del taraflex: il punteggio si dilata ad ogni pallone messo a terra dalle padrone di casa, dal 10-3 iniziale fino al 25-9 che chiude il netto parziale a favore di Conegliano.
Nel terzo set Gaspari mischia le carte e inserisce Donà come schiacciatrice. E’ con l’orgoglio che Forlì cerca di rialzare la testa. Ci riesce e supera le avversarie fino all’8-11. Kauffeldt tiene le Pantere vicine, ma qualche errore di troppo complica la vita a Conegliano (13-16). Allo sprint finale è la squadra di coach Marone ad essere ancora avanti 18-19. Nel momento cruciale del match la caratura di Conegliano è chiamata in causa e risponde presente: prima Fiorin e poi Barcellini confezionano i punti del sorpasso: 21-19. Il muro finale di Kauffeldt premia le padrone di casa.
ROBUR TIBONI URBINO – LIU JO MODENA 0-3 (18-25, 21-25, 19-25) Nuovo successo per la Liu Jo Modena che, dopo la prova in crescendo messa in campo contro Conegliano, liquida in tre set la pratica Robur Tiboni Urbino  e conquista tre punti fondamentali per classifica e morale.
Solito sestetto in avvio per Chiappafreddo, con Rondon al palleggio, Fabris opposta, Rousseaux e capitan Piccinini in posto quattro, Heyrman e Ruseva al centro con Cardullo libero. Per Urbino c’è Brcic al palleggio, Kostic opposta, Santini e Negrini in banda, Thibeault e Leggs al centro con Carocci libero.
Partono col piede giusto le padrone di casa, che dimostrano di non avere nessun timore reverenziale, soprattutto con Negrini e Kostic (7-4). Heyrman ristabilisce subito i valori in campo e, ben coadiuvata da Rondon, mette a terra palloni pesanti per il sorpasso di Piccinini e compagne. Al rientro dal time out tecnico sale in cattedra Fabris, con due punti pesanti: Modena scappa a +5, ma Urbino ricuce e vanifica con due evidenti errori difensivi che costringono coach Micoli al time out sul 12-16. Si continua fino al 15-19 sancito dall’attacco di Rondon, con Modena che porta il massimo vantaggio a +5 (15-20). Le padrone di casa allungano fino al 18-25 finale a firma Fabris.
Al rientro sul taraflex Piccinini porta la gara subito sullo 0-3. Urbino ricuce quando trova Negrini in posto quattro e Kostic da prima linea. Un parziale bianconero di 3-0 fa schizzare il punteggio sul 6-10 per le ospiti. Quando Fabris mette a terra la pipe del 12-17, l’epilogo del set sembra chiaro a molti. Ma Urbino, aiutato da alcuni errori delle avversarie, ancora una volta si riporta sotto grazie a un ace di Leggs (20-21). Due punti di capitan Piccinini e la fast di Heyrman chiudono i conti sul 21-25.
Subito avanti Urbino nel terzo set (3-1), con la Liu Jo Modena che limita il gap sfruttando le proprie bande (3-6). Rondon in questo terzo parziale inizia a servire con più costanza anche Rousseaux: la belga risponde presente mettendo a terra palloni importanti in cambio palla. Proprio una sua diagonale regala l’8-12 del time out tecnico ed al rientro in campo Modena allunga ancora con il muro di Ruseva. Il muro di Heyrman ferma il punteggio sul 10-18. Micoli tenta di interrompere il gioco delle modenesi chiamando il time out, ma è un tentativo poco efficace. Modena gioca di controllo e tiene a bada i tentativi di rientro delle avversarie. E’ Ruseva a chiudere per il 19-25.
Soddisfatto del risultato l’allenatore delle modenesi Chiappafreddo: “Abbiamo raccolto un bel 3-0 dopo un periodo non positivo. Siamo stati bravi a gestire i momenti importanti, abbiamo giocato con un pizzico di spavalderia e soprattutto quella lucidità che ci ha permesso di vincere la partita. Urbino ha sbagliato poco, sono squadra che difende molto, ma tutto questo lo sapevamo e sapevamo anche che dovevamo affrontare una partita difficile, anche perché in casa loro sono molto temibili. La nostra crescita? Abbiamo cercato di alzare il contrattacco in cui ultimamente commettevamo un po’ troppi errori, stasera lo abbiamo gestito bene ed è uscita una buona partita. La trasferta di Frosinone? E’ un’occasione importante per continuare su questa strada, di lavoro, umiltà e voglia di fare”.
POMI’ CASALMAGGIORE – IHF VOLLEY FROSINONE 3-1 (28-30, 25-21, 25-23, 25-20) Dopo un inizio di set favorevole alla IHF Volley Frosinone (1-4), la gara prosegue in modo più equilibrato. Equilibrio che non si spezza nemmeno sul finire di parziale: molti, da una parte e dall’altra, i set point non realizzati. Ha la meglio Frosinone che chiude ai vantaggi, dopo un epilogo giocato sul filo di lana.
Tutta un’altra Pomì quella in campo nel secondo set. Dopo aver perso il primo parziale per un nonnulla, le ragazze di Beltrami schiacciano il piede sull’acceleratore e conquistano un discreto vantaggio (17-12), trascinate da Stevanovic. Gioli e compagne non si perdono d’animo e con una trama di gioco paziente e insidiosa, recuperano il gap fino ad agganciare la parità a 18. L’incubo del primo set, per le padrone di casa, si ripresenta. Gennari e Olivotto riprendono in fretta in mano la situazione: al servizio, la numero 3 mette a segno due ace consecutivi e prepara il campo per la palla decisiva messa a terra da Gennari.
Non cambia l’andamento del match nemmeno nel terzo parziale; tra le due squadre è sempre equilibrio con Frosinone che parte di slancio e costringe ad inseguire. Casalmaggiore aggancia le avversarie sul 6-6. Le rosa si affidano alla panchina per cercare di dare maggior peso all’attacco:  in campo scende Bacchi per Lipicer. La squadra di Martinez non subisce contraccolpi e continua la propria gara sfruttando le leve del proprio muro. Gioli e Percan mettono a segno il +2 per le ospiti (18-20), ma un errore di Gioli regala alla Pomì il set-point che Gennari trasforma nel punto del 25-23.
Per il quarto set Casalmaggiore conferma al centro Olivotto per Aguirre, Bacchi per Lipicer e Agrifoglio per Camera. I cambi sembrano dare i frutti sperati: Olivotto è devastante a muro e in attacco, Bacchi fa il proprio dovere in prima linea, Agrifoglio smista con coraggio e lucidità. Si continua all’insegna della parità, fino al break a favore delle padrone di casa, trascinate da una devastante Olivotto che regala alle proprie compagne l’allungo del 20-18 che si traduce nella conquista del match.
Raggiante, a fine gara, Imma Sirressi, MVP della partita: “Abbiamo vinto di squadra e questo è quello che conta. Per ora mi concentro unicamente sulla mia squadra nell’intento di raccogliere il meglio da qui alla fine del torneo”.
Master Group Sport Volley Cup: i risultati della 17^ giornata Igor Gorgonzola Volley Novara – Unendo Yamamay Busto Arsizio 0-3 (23-25, 22-25, 17-25) Rebecchi Nordmeccanica Piacenza – Foppapedretti Bergamo 3-1 (25-19, 23-25, 25-21, 27-25) Imoco Volley Conegliano – Banca Di Forlì 3-0 (25-21, 25-10, 25-22) Robur Tiboni Urbino – Liu Jo Modena 0-3 (18-25, 21-25, 19-25) Pomì Casalmaggiore – IHF Volley Frosinone 3-1 (28-30, 25-21, 25-23, 25-20) Riposa: Openjobmetis Ornavasso
Master Group Sport Volley Cup: la classifica Rebecchi Nordmeccanica Piacenza 42, Imoco Volley Conegliano 36, Foppapedretti Bergamo 32, Liu Jo Modena 31, Igor Gorgonzola Volley Novara 27, Unendo Yamamay Busto Arsizio 26, Pomì Casalmaggiore 21, Openjobmetis Ornavasso 16, Robur Tiboni Urbino 14, Ihf Volley Frosinone 6, Banca Di Forlì 4.
Master Group Sport Volley Cup: i tabellini IGOR GORGONZOLA NOVARA – UNENDO YAMAMAY BUSTO ARSIZIO 0-3 (23-25, 22-25, 17-25) IGOR GORGONZOLA NOVARA: Casillo, Paris (L), Rosso 18, Tokarska 2, Kim, Lombardo 4, Manfredini 1, Milos 5, Vanzurova 8, Alberti, Mollers 1, Murphy 8. All. Pedullà.  UNENDO YAMAMAY BUSTO ARSIZIO: Ortolani 11, Garzaro 2, Bianchini 2, Leonardi (L), Marcon 3, Buijs 15, Arrighetti 16, Wolosz 1. Non entrate Degradi, Michel, Spirito, Petrucci. All. Parisi. ARBITRI: Zavater, Cesare.  NOTE – Spettatori 3200, durata set: 29′, 31′, 24′; tot: 84′.
REBECCHI NORDMECCANICA PIACENZA – FOPPAPEDRETTI BERGAMO 3-1 (25-19, 23-25, 25-21, 27-25)  REBECCHI NORDMECCANICA PIACENZA: Leggeri 6, De Kruijf 12, Van Hecke 19, Meijners 14, Manzano, Ferretti 1, Sansonna (L), Bramborova 1, Caracuta, Bosetti 21, Vindevoghel 1. Non entrate Poggi, Valeriano. All. Caprara.  FOPPAPEDRETTI BERGAMO: Klisura, Stufi 7, Loda 21, Weiss, Blagojevic 11, Merlo (L), Melandri, Folie 12, Diouf 13, Smutna 2, Sylla 4. Non entrate Bruno. All. Lavarini.  ARBITRI: Vagni, Venturi.  NOTE – Spettatori 3600, incasso 23000, durata set: 26′, 28′, 26′, 31′; tot: 111′.
IMOCO VOLLEY CONEGLIANO – BANCA DI FORLì 3-0 (25-21, 25-10, 25-22) IMOCO VOLLEY CONEGLIANO: Gibbemeyer 9, Fiorin 14, Kauffeldt 8, Donà 6, De Gennaro (L), Nikolova 8, Bechis 3, Barcellini 12. Non entrate Lloyd, Daminato, Calloni, Tirozzi, Barazza. All. Gaspari.  BANCA DI FORLì: Ventura 10, Petrovikj 5, Spelman 7, Piolanti 4, Coriani (L), Pincerato 4, Zardo (L), Borgogno 7, Arrechea Montano 2, Pinedo. Non entrate Roani, Bezarevic, Rosso. All. Marone.  ARBITRI: Gasparro, Piluso.  NOTE – Spettatori 2900, durata set: 25′, 21′, 25′; tot: 71′.
ROBUR TIBONI URBINO – LIU • JO MODENA 0-3 (18-25, 21-25, 19-25) ROBUR TIBONI URBINO: Carocci (L), Giombetti, Zecchin, Negrini 10, Thibeault 1, Santini 8, Escobar 1, Kostic 11, Brcic 1, Leggs 9. Non entrate Casoli, Guidi. All. Micoli.  LIU • JO MODENA: Rousseaux 7, Perinelli 1, Heyrman 7, Cardullo (L), Ruseva 9, Piccinini 15, Fabris 10, Maruotti 1, Rondon 3. Non entrate Paggi, Prandi, Andjelic, Petrachi, Crisanti, Panini Sara, Poggetti Lavinia. All. Chiappafreddo.  ARBITRI: Santi, Feriozzi.  NOTE – durata set: 25′, 26′, 24′; tot: 75′.
POMì CASALMAGGIORE – IHF VOLLEY FROSINONE 3-1 (28-30, 25-21, 25-23, 25-20) POMì CASALMAGGIORE: Bacchi 6, Olivotto 9, Sirressi (L), Gennari 18, Aguirre Perdomo 11, Agrifoglio, Lipicer Samec 3, Camera, Zago 13, Stevanovic 22, Grazietti 2. Non entrate Aguero, Quiligotti. All. Beltrami.  IHF VOLLEY FROSINONE: Frigo 11, Percan 7, Kidder, Bonciani, Astarita 4, Agostinetto 1, Spataro 7, Angeloni 12, Gioli 22, Ruzzini (L). Non entrate Vico, Biccheri. All. Martinez. ARBITRI: Tanasi, Genna.  NOTE – Spettatori 833, durata set: 29′, 24′, 27′, 22′; tot: 102′.
Master Group Sport Volley Cup: il prossimo turno (domenica 16 marzo, ore 18.00) Foppapedretti Bergamo – Imoco Volley Conegliano DIRETTA SPORTUBE 2 Unendo Yamamay Busto Arsizio – Robur Tiboni Urbino DIRETTA RAI SPORT 1 SABATO 15 MARZO, ORE 20.30 Banca di Forlì – Pomì Casalmaggiore Openjobmetis Ornavasso – Igor Gorgonzola Novara IHF Volley Frosinone – Liu Jo Modena Riposa: Rebecchi Nordmeccanica Piacenza

Master Group Sport Volley Cup A2: in testa vincono Montichiari, San Casciano e Scandicci. Importante passo avanti di Vicenza. Brutto stop per Monza

Nella gara targata RAI della Master Group Sport Volley Cup A2, la Riso Scotti Pavia ottiene un importante successo al PalaIper di Monza. La formazione di Braia aggancia Rovigo al sesto posto in classifica e si porta a una sola lunghezza dal duo scandicci – Monza. Trascinatrice delle vespe Francesca Devetag, autrice di 22 punti, tre ace e otto muri. Per le padrone di casa, al secondo stop consecutivo in campionato, non bastano i 19 palloni messi a terra da Natalia Viganò (che chiude con un buon 55% in attacco).

La Metalleghe Sanitars Montichiari supera con un netto 0-3 il Volley Soverato, terza forza del campionato cadetto, e si conferma solitaria capolista della Serie A2, con un solo punto di vantaggio su San Casciano.
Le padrone di casa della Volley Soverato hanno cercato concretamente di dare una svolta al match solo nel terzo set, tentando di avvicinarsi alle biancorosse, brave a tenerle a debita distanza grazie a un’ ottima correlazione muro/difesa. “All’inizio in campo c’era tensione, ma ce lo aspettavamo dato che quello di Soverato è un campo caldissimo – commenta coach Leonardo Barbieri -. Le ragazze, precise e ordinate, sono invece state bravissime a mantenere la concentrazione alta per tutto il match, e per questo faccio loro i miei complimenti. Una buona partenza ci ha sicuramente dato una grossa mano, mentre il resto l’hanno fatto il muro e la difesa, con Portalupi che questa sera arrivava ovunque. Ripeto, però, i complimenti vanno a tutte: noi non abbiamo una finalizzatrice principale, ma tutte si alternano dando il loro contributo. La vittoria contro Soverato è sicuramente di squadra”.

Vittoria esterna da tre punti, e certezza matematica di accedere ai Play Off, per Il Bisonte San Casciano, oggi vittorioso sul campo della Volksbank Sudtirol Bolzano. Francesca Vannini schiera Vingaretti in palleggio, Koleva opposto, Bertone e Mastrodicasa centrali, Lotti e Pietrelli in banda e Parrocchiale libero. Bonafede risponde con Cumino in regia, Korobkova opposto, Papa e Porzio bande, Menghi e Gentili centrali e Medaglioni libero. Il gioco delle ospiti passa prevalentemente per le vie centrali, soprattutto nei primi due set. Nel primo parziale è però Bolzano a mostrare il gioco migliore, e lo dismostra portandosi presto in vantaggio grazie a un errore di Lotti e all’ace di Cumino (22-18). A questo punto va in scena la rimonta de Il Bisonte: due muri e due fast di Mastrodicasa certificano il pari (23-23), Bozano è in difficoltà e attacca out con Korobkova, poi è uno splendido lungolinea di Lotti a sancire il 23-25.

Più disinvolta la formazione di Vannini nel secondo parziale: San Casciano conduce con grande lucidità fin dai primissimi scambi del set. Bonafede inserisce Giora e Bertolini per Korobkova e Cumino, ma non basta per frenare l’emorragia e Mastrodicasa allunga ancora (9-16). L’ingresso di Waldthaler serve a  Bolzano per recuperare qualcosa, ma l’attacco out di Bertolini vale il 18-25. Terzo set con le ospiti che ancora una volta partono col piede giusto, trascinate da una straordinaria Bertone. L’ace di Koleva porta il punteggio sull’11-16. Sembra finita, ma non per Bolzano che recupera con Papa (18-19). Un muro di Vingaretti e uno di Lotti allargano ancora il gap (18-21), ma Bertolini sorpassa con un attacco e un muro (23-22), prima che sia capitan Menghi a riaprire la partita (25-23).Quarto parziale con San Casciano che mette subito in chiaro le proprie intenzioni: 1-8, rientra Korobkova per Bertolini e Bolzano torna a ruggire (6-9). Entra in partita anche Villani con un muro e un attacco (7-14) e finalmente le azzurrine possono controllare fino a chiudere con la stessa Villani (18-25).

Si complicano i piani salvezza della Crovegli Reggio Emilia che esce sconfitta per 3-0 sul campo della Savino del Bene Scandicci. Dopo due successi consecutivi, la squadra di Baraldi cede al termine di una gara equilibrata, ma decisa nei finali di set dalla maggior concretezza e determinazione delle ragazze di Botti. Con questo risultato, Crovegli torna all’ultimo posto della classifica, insieme a Gricignano. Coach Baraldi ripropone titolare Eliana Cirilli in diagonale a Michela Catena. Completano la formazione in campo Lancellotti-Soraia e Belfiore-Assirelli, con Giorgi libero. Botti risponde proponendo a sorpresa Chojnacka in banda al posto di capitan Rania, a far coppia con Serena Moneta.
Mazzini al palleggio, Taborelli opposto, Strobbe e Lapi al centro e Lussana libero.

Il primo set vede le formazioni in campo rincorrersi: Taborelli e Moneta da una parte, Assirelli e Catena dall’altra sono le protagoniste in attacco. Sul 12-11 per Scandicci le ospiti accelerano e ribaltano il risultato. Belfiore e compagne sembrano in grado di chiudere il set, ma le padrone di casa riprendono il controllo della situazione con Chojnacka che sbarra la strada a Assirelli (26-24). Nel secondo set la formazione di Botti gioca con più sicurezza e lo dimostra mettendo subito a segno un break importante. Le padrone di casa si portano sul 12-5, per poi subire il ritorno di Belfiore e compagne che conquistano sei punti consecutivi (12-11). Taborelli prova a rilanciare la Savino Del Bene, si gioca con equilibrio fino al 22-22, ma è ancora Moneta a decidere il set. Terzo set con Crovegli che cerca la fuga (1-4 e 4-7), ma Scandicci ha la capacità di rimanere aggrappata ad ogni scambio: la squadra di Botti impatta su sull’11 pari col muro di Moneta su Belfiore, poi si prosegue con il solito equilibrio. Non basta l’ultimo vantaggio firmato Soraia (20-21), Scandicci lancia lo sprint finale ancora una volta con maggior concretezza della Crovegli. Il primo tempo di Marylin Strobbe mette la parola fine al match.

Conquista tre punti preziosi la Puntotel Sala Consilina che, dopo coinque sconfitte consecutive, riesce ad avere la meglio sulla Beng rovigo. Con questo successo la formazione allenata da Guadalupi abbandona l’ultimo posto in classifica e si rilancia nella corsa salvezza. Gara sostanzialmente condotta dalle padrone di casa che dimostrano di poter mettere in campo un gioco più concreto, soprattutto in attacco. Preziosi i punti messi a segno da Colarusso, Kulikova e Dekani (36 in totale). non bastano, alla Beng Rovigo, i 16 punti della solita Agostinetto per arginare la formazione di casa.

Importante successo esterno per l’Obiettivo Risarcimento Vicenza che supera la Corpora Gricignano in quattro set e si allontana dalla zona calda della classifica. Coach Della Volpe sfrutta il ritorno di Nikola Senkova, che parte in diagonale con Angela Gabbiadini. L’opposto lo fa Giulia Pascucci, assistita da Elena Drozina. Al centro Repice e Giuliodori, con Carrara Libero. Delio Rossetto parte con Ghisellini al palleggio e Peretto opposto, Milocco e Baggi in banda, Fronza e Pastorello centrali e Alessia Lanzini libero. Primo set equilibrato fino al time out tecnico. Al rietro dalla pausa è Gabbiadini a caicarsi la squadra sulle spalle e a mettere a segno i punti decisivi per le sorti del set. Il gioco delle formazioni in campo passa prevalentemente per le vie centrali e Rossetto cambia inserendo la bulgara Andreeva come opposto, in sostituzione di Peretto. La mossa sembra dare i frutti sperati (6-2 con ace della neo entrata). Ancora una volta Gricignano ci prova, e si avvicina mettendo a terra quattro palloni importantissimi grazie a Drozina e Pascucci (12-11). Vicenza si scuote e trova solidità in difesa: Milocco non sbaglia e porta la gara sull’1-1. Terzo e quarto set giocati con una certa scioltezza dalle ospiti: Pastorello è in forma super Pastorello devastante (19 punti finali con il 62% in attacco), e trascina le sue al successo. Solo Senkova, tra le padrone di casa, prova a tenere a galla la propria squadra. Ma non basta.

Master Group Sport Volley Cup A2: i risultati della 17^ giornata
Saugella Team Monza-Riso Scotti Pavia 1-3 (25-20, 22-25, 20-25, 21-25)
Volley Soverato-Metalleghe Sanitars Montichiari 0-3 (18-25, 16-25, 21-25)
Volksbank Sudtirol Bolzano-Il Bisonte San Casciano 1-3 (23-25, 18-25, 25-23, 18-25)
Savino Del Bene Scandicci-Crovegli Reggio Emilia 3-0 (26-24, 25-22, 25-22)
Puntotel Sala Consilina-Beng Rovigo 3-0 (25-16, 25-22, 27-25)
Corpora Gricignano Di Aversa-Obiettivo Risarcimento Vicenza 1-3 (25-21, 19-25, 20-25, 13-25)

Master Group Sport Volley Cup A2: la classifica
Metalleghe Sanitars Montichiari 41, Il Bisonte San Casciano 40, Volley Soverato 33, Savino Del Bene Scandicci 28, Saugella Team Monza 28, Beng Rovigo 27, Riso Scotti Pavia 27, Volksbank Sudtirol Bolzano 23, Obiettivo Risarcimento Vicenza 22, Puntotel Sala Consilina 13, Corpora Gricignano Di Aversa 12, Crovegli Reggio Emilia 12.

Master Group Sport Volley Cup A2: i tabellini
SAUGELLA TEAM MONZA – RISO SCOTTI PAVIA 1-3 (25-20, 22-25, 20-25, 21-25)
SAUGELLA TEAM MONZA: Bruno 7, Viganò 19, Garavaglia 3, Balboni 3, Ravetta 8, Bonetti 6, Garbet 3, Facchinetti 7, Nomikou 2, Aricò 5, Bisconti (L). Non entrate Saveriano, Pastrenge. All. Mazzola.
RISO SCOTTI PAVIA: Masino, Nicolini 1, Renkema 14, Frackowiak 13, Poma (L), La Rosa 10, Devetag 22, Di Bonifacio 1, Moretti 12. Non entrate Hodzic, Poma, Morelli Alice. All. Braia. ARBITRI: Fretta, Pristerà.
NOTE – Spettatori 610, durata set: 25′, 29′, 28′, 27′; tot: 109′.

VOLLEY SOVERATO – METALLEGHE SANITARS MONTICHIARI 0-3 (18-25, 16-25, 21-25)
VOLLEY SOVERATO: Cacciapaglia (L), Travaglini 5, Boscacci 11, Martinuzzo 3, Rosa 10, Arimattei 5, Lavorenti, Bellapianta, De Lellis 3. Non entrate Ferraro, Burduja, Torcasio. All. Breviglieri.
METALLEGHE SANITARS MONTICHIARI: Guatelli 6, Dalia 4, Musti De Gennaro 7, Portalupi (L), Alberti 12, Saccomani 11, Gravesteijn 10, Zampedri. Non entrate Rebora, Zanotto, Milani. All. Barbieri.
ARBITRI: Saltalippi, Oranelli.
NOTE – durata set: 23′, 24′, 26′; tot: 73′.

VOLKSBANK SUDTIROL BOLZANO – IL BISONTE SAN CASCIANO 1-3 (23-25, 18-25, 25-23, 18-25)
VOLKSBANK SUDTIROL BOLZANO: Giora 1, Gentili 3, Ceron, Cumino 5, Medaglioni (L), Papa 13, Bertolini 6, Menghi 17, Porzio 8, Waldthaler, Korobkova 12. All. Bonafede.
IL BISONTE SAN CASCIANO: Mastrodicasa 15, Lotti 4, Villani 3, Parrocchiale (L), Pietrelli 9, Koleva 16, Bertone 14, Vingaretti 1. Non entrate Focosi, Giovannelli, Savelli. All. Vannini.
ARBITRI: Licchelli, Bertolini.
NOTE – durata set: 28′, 23′, 26′, 26′; tot: 103′.

SAVINO DEL BENE SCANDICCI – CROVEGLI REGGIO EMILIA 3-0 (26-24, 25-22, 25-22)
SAVINO DEL BENE SCANDICCI: Strobbe 16, Rania 1, Mazzini, Lussana (L), Agresti, Chojnacka 9, Moneta 9, Taborelli 13, Lapi 13. Non entrate De Fonzo, Fanzini, Corna. All. Botti.
CROVEGLI REGGIO EMILIA: Belfiore 6, Giorgi (L), Vujko, Cirilli 5, Bussoli, Lancellotti 4, Catena 8, Assirelli 8, Polak 3, Soraia 16. Non entrate Gennari, Losi. All. Baraldi.
ARBITRI: Stancati, Del Vecchio.
NOTE – durata set: 31′, 30′, 28′; tot: 89′.

PUNTOTEL SALA CONSILINA – BENG ROVIGO 3-0 (25-16, 25-22, 27-25)
PUNTOTEL SALA CONSILINA: Colarusso 14, Martinelli 6, Kulikova 10, Brignole 1, Dekani 12, Salvi 9, Minervini (L), Di Iulio 3. Non entrate Neriotti, Devetag, Dall’ara. All. Guadalupi.
BENG ROVIGO: Agostini, Kotlar 5, Nardini 2, Brusegan 5, Rossini 3, Crepaldi 10, Peluso 2, Agostinetto 16, Giacomel (L), Aluigi 1. Non entrate Cheli, Cervella. All. Ferrari.
ARBITRI: Zingaro, Nicolazzo.
NOTE – durata set: 22′, 24′, 33′; tot: 79′.

CORPORA GRICIGNANO – OBIETTIVO RISARCIMENTO VICENZA 1-3 (25-21, 19-25, 20-25, 13-25)
CORPORA GRICIGNANO: Carrara (L), Drozina 5, Senkova 9, Gabbiadini 6, Giuliodori 14, Karalyus 2, Pascucci 10, Repice 9. Non entrate Russo, Faraone, Sannino. All. Della Volpe.
OBIETTIVO RISARCIMENTO VICENZA: Pastorello 19, Peretto 11, Lanzini (L), Milocco 17, Andreeva 1, Baggi 12, Ghisellini 3, Fiori, Fronza 12. Non entrate Sestini, Cialfi. All. Rossetto.
ARBITRI: Chimento, Valeriani.
NOTE – durata set: 24′, 27′, 25′, 20′; tot: 96′.

Master Group Sport Volley Cup A2: il prossimo turno (domenica 16 marzo, ore 18.00)
Il Bisonte San Casciano – Riso Scotti Pavia
Crovegli Reggio Emilia – Volley Soverato Differita mercoledì 19 marzo, ore 22.30 RAI SPORT 2
Metalleghe Sanitars Montichiari – Corpora Gricignano di Aversa
Puntotel Sala Consilina – Savino Del Bene Scandicci
Obiettivo Risarcimento Vicenza – Saugella Team Monza
Beng Rovigo – Volksbank Sudtirol Bolzano

LVF

ph. Maurizio Ferro

Devi essere loggato per scrivere un commento Login

Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari.
I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori. Ogni abuso sarà perseguito ai termini di legge.
Sono vietate le COPIE anche parziali delle parti scritte, di ogni parte grafica comprese le foto e i filmati

Vivovolley è una testata giornalista, registrata presso il Tribunale di Milano (n. 331 del 22/10/2014)
Online dal 2006 © Vivovolley.net - Direttore: Avv. Rossana Foglia | Per Contattare VivoVolley Clicca Qui

© 2007-2017 Powered by Francesco Langiulli | Get Sport Media