LA UYBA AFFONDA NOVARA IN 3 SET

Scritto da on mar 11th, 2014 e archiviato sotto la categoria Notizie, Serie A1. Puoi seguire la discussione di questo post tramite RSS 2.0. Puoi lasciare una risposta o un trackback a questo post.

novbusLa Unendo Yamamay Busto Arsizio ritrova la vittoria nell’anticipo della 6^ Giornata di Ritorno. Buona prova corale per le ragazze allenate da Carlo Parisi che con un netto 3 a 0 riprendono quota e accorciano ad un pugno di punti le distanze dalle posizioni alte della classifica.

LA PARTITA -  Si respira aria di derby di fronte ai 3200 spettatori accorsi al Terdoppio eppure il primo coro che si intona è rivolto alle donne per la ricorrenza dell’8 marzo.

Lo starting six di Novara prevede Casillo e Milos centrali, Rosso e Lombardo in posto 4, Kim ial palleggio, a sorpresa Vanzurova opposto e Paris libero. La UYBA risponde con Arrighetti e Garzaro al centro, Marcon e Buijs bande, Wolosz in regia, Ortolani a chiudere la diagonale e Leonardi libero.

Il match si avvia con scambi intensi ed entrambe le formazioni forzano a partire dal servizio. La palleggiatrice bustocca innesca Ortolani che ripetutamente trova il campo avversario (4-4). Le azzurre replicano con un primo tempo di Milos e l’esperienza di capitan Rosso (9-9). Due errori novaresi consentono a Parisi di viaggiare sul +2 al tempo tecnico (10-12). Al rientro in campo Arrighetti si esalta in fast ed un pallonetto di misura del martello olandese costringe Pedullà alla pausa anticipata (12-16). Entra Murphy per Lombardo e la scelta risulta indovinata: un suo ace riporta a contatto le due formazioni (17-18). Busto fatica in ricezione e Rosso ne approfitta per siglare il 23-22. Vanzurova sbaglia al servizio e consente il cambio-giro alle lombarde. La trascinatrice “amazzone chiude il set (23-25).

Ancora una volta nella prima metà del parziale le squadre viaggiano a contatto. Kim fatica a trovare un terminale incisivo e Pedullà sostituisce Vanzurova e Casillo con Murphy e Tokarska (5-6). Leonardi si esalta in difesa ma non può nulla contro una scatenata Vally (14-14). La biellese trova prima un ace, poi in pipe apre la difesa e obbliga Parisi a due time-out ravvicinati (18-14). Entra Bianchini per Ortolani e le farfalle riagganciano le zanzare proprio con un suo pallonetto (21-20). La parte finale della frazione diventa l’Arrighetti‘s Show: due muri consecutivi a discapito di Murphy e Rosso ed un primo tempo nei tre metri cancellano ogni dubbio. Due a zero per Busto (22-25).

Bianchini rimane dentro ed è proprio lei ad aprire le danze con il primo punto biancorosso (1-1). Le attaccanti piemontesi sbagliano tanto e faticano soprattutto nel contrattacco. Il divario e le difficoltà si evidenziano con un errore di Lombardo ed un’infrazione al palleggio di Mi Na (7-9). Marcon d’esperienza cerca la parallela e Wolosz su palla sporca trova il punto del +3 (12-15). Entrano Manfredini e Mollers tuttavia le zanzare appaiono poco concentrate mandando consecutivamente a rete il servizio (15-19). Il parziale termina a senso unico e la solita Arrighetti (MPV Malizia a fine incontro) lascia la firma agli ultimi due punti (17-25).

La Igor ha giocato un buon primo set facendo male soprattutto in ricezione. Nel corso del match le attaccanti hanno perso la pazienza ed hanno sempre più cercato di chiudere il colpo di potenza molte volte non centrando il campo. Un peccato aver sprecato la palla del potenziale 24-22 con un servizio a rete e soprattutto aver subito la rimonta bustocca nel secondo set ha sicuramente aumentato il nervosismo in campo. Onore alla squadra che non ha cercato alibi nel turno infrasettimanale giocato a Frosinone (Busto era di riposo). Indubbiamente le zanzare faranno tesoro di questa sconfitta per il prossimo match a Castelletto Ticino contro Ornavasso.

Busto ha disputato una buona partita soprattutto ed ha dimostrato concentrazione soprattutto nel secondo parziale quando era arrivata a 5 lunghezze di distacco. La Yama è stata in tutti i fondamentali superiore rispetto alle avversarie: una menzione particolare ai 5 muri di Arrighetti giunti quasi tutti in momenti salienti del set. La miglior realizzatrice è stata proprio lei ed in doppia cifra sono arrivate anche Buijs (15 punti) ed Ortolani (11 punti). Un successo desiderato intensamente dopo le ultime sconfitte un po’ rocambolesche e che riapre nuovamente la classifica dalla seconda alla sesta posizione.

INTERVISTE POST-PARTITA:

Paris: «Non abbiamo avuto l’atteggiamento giusto, è la prima volta che succede dall’arrivo di Luciano (Pedullà, ndr) in panchina. C’è dispiacere, rabbia: senza nemmeno guardare i numeri, si può dire che stasera sia mancato davvero tutto, a partire dall’atteggiamento. Ora metabolizziamo la sconfitta e da domani guardiamo alla prossima partita,  dobbiamo rialzarci prontamente. Non dobbiamo trovare alibi perché andando avanti nel campionato si giocheranno partite sempre più concentrate, in fondo noi siamo pagate per questo.»

Marcon: «La vittoria con Novara per noi è molto importante, era quello che ci voleva per ritrovare morale e anche per fare un passo avanti deciso in classifica. Penso che abbiamo lavorato bene in tutti i fondamentali, abbiamo spinto dal servizio e poi il resto ha funzionato bene. Il segreto? Abbiamo giocato senza pressione, con grande tranquillità, senza la pressione dei risultai precedenti

Parisi: «Era importante per noi un cambio di ritmo soprattutto dopo le ultime prestazioni. Abbiamo lavorato nel muro-difesa ma continuiamo a predare ancora troppo nel terzo tocco. La squadra è entrata in campo determinata ed siamo rimasti lucidi anche quando siamo stati sotto. Indubbiamente gli errori di novara ci sono stati ma il secondo set ce lo siamo guadagnato. Mi piace vedere il bicchiere mezzo pieno e questo successo era quello che ci serviva.»

Pedullà: «Abbiamo commesso troppi errori, soprattutto nel primo set, in battuta e non solo. Siamo risultati inferiori in tutti i fondamentali, eravamo posizionati male in difesa. Credo che la rimonta subita nel secondo set ha influito molto soprattutto a livello mentale. Abbiamo sbagliato molto al servizio e purtroppo ci è mancata la pazienza, abbiamo avuto troppa fretta di chiudere i punti e per questo abbiamo commesso un numero elevato di errori

***

IGOR GORGONZOLA NOVARA – UNENDO YAMAMAY BUSTO ARSIZIO 0-3 (23-25, 22-25, 17-25)

IGOR GORGONZOLA NOVARA: Casillo, Paris (L), Rosso 18, Tokarska 2, Kim, Lombardo 4, Manfredini 1, Milos 5, Vanzurova 8, Alberti, Mollers 1, Murphy 8. All. Pedullà.

UNENDO YAMAMAY BUSTO ARSIZIO: Ortolani 11, Garzaro 2, Bianchini 2, Leonardi (L), Marcon 3, Buijs 15, Arrighetti 16, Wolosz 1. Non entrate Degradi, Michel, Spirito, Petrucci. All. Parisi.

ARBITRI: Zavater, Cesare.

NOTE – durata set: 29′, 31′, 24′; tot: 84′.

di Mara Giurgola – foto Fabio Cucchetti

Devi essere loggato per scrivere un commento Login

Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari.
I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori. Ogni abuso sarà perseguito ai termini di legge.
Sono vietate le COPIE anche parziali delle parti scritte, di ogni parte grafica comprese le foto e i filmati

Vivovolley è una testata giornalista, registrata presso il Tribunale di Milano (n. 331 del 22/10/2014)
Online dal 2006 © Vivovolley.net - Direttore: Avv. Rossana Foglia | Per Contattare VivoVolley Clicca Qui

© 2007-2017 Powered by Francesco Langiulli | Get Sport Media