Rebecchi Nordmeccanica Piacenza: sconfitta al PalaVerde, ma conserva tre punti di vantaggio in classifica su Conegliano

Scritto da on mar 24th, 2014 e archiviato sotto la categoria Campionato, Serie A1. Puoi seguire la discussione di questo post tramite RSS 2.0. Puoi lasciare una risposta o un trackback a questo post.

1962660_10202835378426816_2068901878_nLa magia del PalaVerde si blocca. Per la prima volta la Rebecchi Nordmeccanica Piacenza cade sul campo dove ha vinto scudetto e Coppa Italia. Cade ma in piedi, di fronte a Conegliano, che s’impone al tie break. Ora in classifica Piacenza difende tre punti di margine sulle venete, un vantaggio importante, ma non decisivo, a tre giornate dalla fine della stagione regolare. Ottima Lucia Bosetti, ma i suoi 34 punti, col 49% in attacco, alla fine non basteranno. Parte meglio Conegliano, che conquista il primo set. Il vantaggio di Piacenza è illusorio: 7-5, poi 8-7. Alla distanza, l’Imoco sbaglierà di meno, aggancerà e sorpasserà la Rebecchi Nordmeccanica, fino a raggiungere prima il 18-16, poi il 23-17, per poi chiudere 25-21, nonostante i 10 punti di Bosetti. La squadra di Caprara si rifà immediatamente, conquistando il secondo parziale col punteggio di 25-17. L’allungo decisivo a metà del secondo set. Con i servizi di Bramborova e le schiacciate di Bosetti ecco il break: 17-11. La Rebecchi Nordmeccanica aumenta la qualità del suo gioco e chiude senza soffrire più di tanto, grazie alle schiacciate di Meijners e di Van Hecke. Piacenza accelera ancora e fa suo pure il terzo parziale, stavolta per 25-21. Rebecchi Nordmeccanica ora forte di un rendimento costante, attenta in difesa, pungente in attacco. E Conegliano, pur non demeritando, è costretto a cedere, anche perché Bosetti a tratti si conferma immarcabile. L’avvio del quarto set è di marca veneta: 12-9 al time out tecnico. Piacenza prova a recuperare, però l’illusione dura davvero poco. Così, la squadra di Gaspari si esalta e raggiunge il tie break. Nel set decisivo, punto a punto fino al 6 pari. Poi l’Imoco trova il guizzo vincente e, tra il tripudio del PalaVerde, conquista la vittoria. Ma Piacenza c’è. Ed è pronta a dimostrarlo già da sabato, quando nell’anticipo televisivo del PalaBanca ospiterà Gorgonzola Novara. DOPO PARTITA – Giorgio Varacca, direttore generale di Rebecchi Nordmeccanica, dichiara: “Perdere al PalaVerde ci può stare. Abbiamo giocato una partita di luci ed ombre. La prestazione mi dà comunque fiducia nei prossimi impegni. La nostra squadra ha dimostrato di essere viva. E sono convinto che lo dimostrerà già dalla prossima gara”.
IMOCO CONEGLIANO – REBECCHI NORDMECCANICA PIACENZA 3-2 (25-21; 17-25; 21-25; 25-19; 15-11) IMOCO CONEGLIANO: Daminato (L), De Gennaro (L), Fiorin 25, Donà 1, Nikolova 22, Barcellini 17, Tirozzi, Gibbemeyer 9, Kauffeldt, Barazza 8, Lloyd 1, Bechis. All. Gaspari. REBECCHI NORDMECCANICA PIACENZA: Poggi (L), Sansonna (L), Valeriano, Van Hecke 17, Meijners 20, Bramborova, Bosetti 34, Vindevoghel, Leggeri 5, De Kruijf 7, Manzano, Ferretti 1, Caracuta. All. Caprara. Arbitri: Goitre e Boris. Spettatori 5000.

 Ufficio stampa

ph. Maurizio Ferro

Devi essere loggato per scrivere un commento Login

Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari.
I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori. Ogni abuso sarà perseguito ai termini di legge.
Sono vietate le COPIE anche parziali delle parti scritte, di ogni parte grafica comprese le foto e i filmati

Vivovolley è una testata giornalista, registrata presso il Tribunale di Milano (n. 331 del 22/10/2014)
Online dal 2006 © Vivovolley.net - Direttore: Avv. Rossana Foglia | Per Contattare VivoVolley Clicca Qui

© 2007-2017 Powered by Francesco Langiulli | Get Sport Media