Obiettivo Risarcimento Vicenza: a secco contro Bolzano, poca determinazione per le biancoblù

Scritto da on mar 30th, 2014 e archiviato sotto la categoria Campionato, Serie A2. Puoi seguire la discussione di questo post tramite RSS 2.0. Puoi lasciare una risposta o un trackback a questo post.

1779236_10203470093541281_441894653_nObiettivo Risarcimento – Volksbank Sudtirol Bolzano 1-3 (14-25, 25-16, 20-25, 17-25) Obiettivo Risarcimento: Pastorello 4, Peretto 11, Sestini 10, Lanzini (L), Milocco 7, Andreeva 1, Baggi 18, Ghisellini 1, Fiori ne, Fronza ne, Cialfi. All. Rossetto Volksbank Sudtirol: Giora, Gentili 9, Ceron ne, Cumino 1, Medaglioni (L), Papa 17, Bertolini ne, Menghi 10, Porzio 7, Waldthaler, Korobkova 23. All. Bonafede Arbitri: Talento da Salerno e Del Vecchio da Treviso
Si interrompe la striscia di tie break tra Obiettivo Risarcimento e Neruda. Ad avere la meglio, però, sono state le bolzanine, migliori al servizio, a muro, in attacco e anche in difesa, come sempre termometro della volontà di vincere di una squadra. Un brutto stop per le biancoblu, che martedì torneranno in palestra per iniziare a preparare la sfida alla vice-capolista San Casciano.
Rossetto manda in campo Ghisellini in regia in diagonale con Peretto, Milocco e Baggi in banda, Pastorello e Sestini al centro, Lanzini libero. Bolzano conquista subito il doppio vantaggio, Pastorello pareggia per il 4-4, ma da lì in poi le biancoblu sono sempre state ad inseguire le avversarie. A fare la differenza specialmente il servizio: alla sosta tecnica 2 ace per Bolzano, 3 errori invece per l’Obiettivo Risarcimento ed ecco spiegati i cinque punti di distanza. La ricezione continua a faticare, arrivano anche gli errori in attacco e la Volksbak vola, con Rossetto che manda in campo Cialfi ed Andreeva senza ottenere però alcun risultato.
Al ritorno in campo c’è Cialfi al palleggio e fin da subito le biancoblu dimostrano di aver cambiato marcia, lottando punto a punto fino al 7-7, poi la difesa cresce, nelle matà campo dell’Obiettivo Risarcimento non cade più un pallone e Baggi e Peretto martellano per il break di 7-0 che vale il 14-7. Le biancoblu toccano quota +8, poi Bolzano recupera qualche lunghezze costringendo Rossetto al time out precauzionale, con le sue che reagiscono con il 20-11 con Peretto che chiude uno scambio prolungato. Bolzano ci riprova con un buon turno al servizio di Korobkoca, ma è troppo tardi: Sestini a muro toglie palla alle avversarie e alla seconda occasione il set si chiude sul 25-16.
Milocco inaugura il terzo parziale con un ace, Peretto firma il +2 prima del ritorno di Bolzano che compie il sorpasso sul 6-8. Ci pensano Baggi e Peretto a muro a impattare quota 11, ma sono nuovamente le ospiti a tornare avanti poco dopo con un ace (12-14) ed allungare. Rossetto stoppa il gioco sul 15-19, me le biancoblu faticano a mettere palla a terra, cosa che invece riesce a Bolzano: 15-23. L’Obiettivo Risarcimento lotta fino alla fine, annulla quattro palle set, poi Bolzano chiude 20-25 con un muro.
Le biancoblu tornano in campo con Ghisellini ed è subito Bolzano a mettere la testa avanti sul 3-5 con un errore delle vicentine, che ancora una volta si trova ad inseguire per tutto il set, con le avversarie che incremetano prima a muro e poi al servizio, con Andreeva che prende il posto di Peretto. Baggi prova ad accorciare a muro (14-18), ma il Neruda è più concreto, riprende il largo e chiude sul 17-25).
Rossetto usa poche parole per spiegare il ko: “Ha vinto chi lo voleva di più. Bolzano era una squadra motivata, noi siamo venuti a fare una passeggiata. Questo non smentisce il valore dell’avversario, che la scorsa settimana ha portato al tie break Montichiari, con Korobkova che ha dato stabilità in attacco e con Papa forma una coppia di spessore. E’ un brutto passo falso più per ragazze che per società: se dimostrano scarsa aggressività agonistica e fame di vittoria, non vedo un gran futuro per loro: qui rimane chi darà dimostrazione di volontà nel lottare sempre con il coltello tra i denti”.

 Ufficio stampa

ph. Riccardo Giuliani

Devi essere loggato per scrivere un commento Login

Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari.
I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori. Ogni abuso sarà perseguito ai termini di legge.
Sono vietate le COPIE anche parziali delle parti scritte, di ogni parte grafica comprese le foto e i filmati

Vivovolley è una testata giornalista, registrata presso il Tribunale di Milano (n. 331 del 22/10/2014)
Online dal 2006 © Vivovolley.net - Direttore: Avv. Rossana Foglia | Per Contattare VivoVolley Clicca Qui

© 2007-2017 Powered by Francesco Langiulli | Get Sport Media