Dopo un sabato di emozioni, saranno Modena e Conegliano a sfidarsi per la Coppa Italia

Scritto da on mar 5th, 2017 e archiviato sotto la categoria Coppe, Notizie, Serie A1. Puoi seguire la discussione di questo post tramite RSS 2.0. Puoi lasciare una risposta o un trackback a questo post.

Imoco Conegliano Get Sport media Giulini[di Emanuela Macrì - Foto Riccardo Giuliani] Pomeriggio grigio e vagamente piovoso, quello di Firenze. Tanto calore e colore, invece, all’interno del Mandela Foum, dove ad accogliere le atlete per la prima giornata della Final Four di Coppa Italia A1 Samsung Galaxy c’è un pubblico caldo e un biglietto per la finale, di sola andata e per un solo passeggero, da strappare.

Ad aprire le danze del pomeriggio di sabato, le formazioni di Imoco Volley Conegliano e Igor Gorgonzola Novara chiamate ad affrontarsi nella prima semifinale, con un primo parziale di sostanziale equilibrio, poi chiuso sul 23-25 dalla centrale novarese Cristina Chirichella seguito da un secondo set fotocopia, ma diverso nella fase finale quando le gialloblu provano a portarsi avanti con un 20-17 che è il risultato di un buon turno al servizio di Raphaela Folie (2 punti, i suoi, di cui uno al servizio) e un vantaggio mantenuto fino al 25-21 che porta la firma di Nicole Fawcett. E la musica non cambia nemmeno nel parziale successivo, il terzo, con le squadre in sostanziale parità fino all’ultimo scorcio quando le ragazze di Mazzanti provano ad accelerare, tentando una fuga (22-19) facendosi però riacciuffare dalle igorine. A chiudere sarà l’immagine del video check, con quel pallone IN per Conegliano, il tabellone a confermare il punteggio di 25-23 e quindi il vantaggio provvisorio per 2 set a 1 della formazione veneta. Un quarto set all’aroma di “tutto per tutto” con gialloblu che non si lasciano sfuggire l’occasione di portare a casa set e incontro (25-23). Finale, ovviamente, compresa.

La curiosità: il primo video check richiesto al secondo set e il punto, nel quarto parziale, di Monica De Gennaro, libero dell’Imoco, che ha commentato così la partita: “Un inizio contratto, il nostro, con il cambio palla funzionante mentre mancava qualcosa nella difesa. Un qualcosa che poi abbiamo trovato, riuscendo a conquistare la finale in una partita per nulla facile. Aggiungo i miei complimenti alla squadra e un arrivederci a domani. Ma ci penserò domani!”

Un velo di comprensibile amarezza, invece, nelle parole di Cristina Chirichella, centrale della Igor Gorgonzola Novara: “Ogni set è una storia a sè, soprattutto in partite come queste – analizza la centrale Cristina Chirichella – che non ammettono repliche. Abbiamo giocato comunque bene, anche se probabilmente dovevamo essere più ordinate nell’imporci con una squadra che non ammette distrazioni e sa fra viaggiare il pallone. Potevamo fare meglio, lo sappiamo fare.”

Liu Jo Modena Get Sport Media GiulianiPer una semifinale che si chiude ce n’è una pronta ad aprirsi. Giusto il tempo del riscaldamento e si riparte, con Savino del Bene Scandicci e Liu Jo Nordmeccanica Modena a dividersi il rettangolo di gioco in una partita con un primo set che sembra dire bene alla squadra toscana, con la formazione di casa avanti a registrare un +4 già nei primi 10 punti e un campo che si scalda, con qualche scambio lungo e qualche pausa di aggiustamento: al 20-20, entrambi gli allenatori hanno terminato i time out a disposizione. Il set poi si concluderà punto a punto con Modena a spuntarla, ma solo ai vantaggi (24-26). Diverso l’andamento nel secondo parziale che dopo un avvio in equilibrio vede Scandicci prendere il volo sul 19-17 e chiudere la pratica con Valentina Arrighetti a firmare il 25-19. Un punteggio che riesce a galvanizzare le toscane nel terzo parziale, pronte a prendere il largo fin dalle prime battute e avviarsi alla conquista del bottino quando sul punteggio di 21-17 Modena decide di inserire il turbo, recuperare i punti seminati e andare a prendersi un set che sembrava già chiuso, con un deciso 25-27. Il quarto parziale è una storia di fughe e ritorni nei ranghi, con lo 0-5 inziale capace di trasformarsi in un 18-18, quindi in un time out richiesto da Marco Gaspari e in una finale conquistata con un muro di Brakocevic a chiudere sul 22-25.

“Troppi momenti bui– commenta Alessandro Beltrami, allenatore della Savino del Bene Scandicci –  e poca concretezza nelle fasi più importanti della partita. Dobbiamo lavorare su questo, e sulla gestione del vantaggio.”

“Una partita che poteva essere migliore – commenta Francesca Ferretti, palleggiatrice della Liu Jo Nordmeccanica Modena – ma che ci ha condotto, comunque alla finale. Domani dovremo rimanere più concentrate ed evitare gli errori visti oggi. E sarà una battaglia.”

Saranno dunque l’Imoco Volley Conegliano e la Liu Jo Nordmeccanica Modena a contendersi la Coppa Italia, in una gara unica, in una domenica che promette spettacolo.

Devi essere loggato per scrivere un commento Login

Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari.
I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori. Ogni abuso sarà perseguito ai termini di legge.
Sono vietate le COPIE anche parziali delle parti scritte, di ogni parte grafica comprese le foto e i filmati

Vivovolley è una testata giornalista, registrata presso il Tribunale di Milano (n. 331 del 22/10/2014)
Online dal 2006 © Vivovolley.net - Direttore: Avv. Rossana Foglia | Per Contattare VivoVolley Clicca Qui

© 2007-2017 Powered by Francesco Langiulli | Get Sport Media