Isola dei Famosi. Il lato esotico della sopravvivenza

Scritto da on gen 31st, 2018 e archiviato sotto la categoria Nazionale, Notizie, VivoCult. Puoi seguire la discussione di questo post tramite RSS 2.0. Puoi lasciare una risposta o un trackback a questo post.

Isola dei Famosi vivocult[di Noemi Mendola – foto fonte web] Il pubblico ha sete di originalità, da sempre. Vuole entrare in contatto con avvenimenti fuori dall’ordinario quotidiano, e la televisione è, perciò, ben lieta di fornire programmi capaci di far evadere dalla routine. Programmi come l’Isola dei Famosi, in onda dal 22 gennaio sulle reti Mediaset: l’ormai notissimo reality show condotto da Alessia Marcuzzi, cominciato nel lontano 2003 sulla Rai, è già in vetta agli ascolti con un numero record di telespettatori. Ambientato anche quest’anno in Honduras, mette in scena l’epopea drammatica del naufragio, alla Robinson Crusoe, con una ventina di concorrenti sopravvissuti non ad un disastro navale, ma ad una selezione tra molti altri vip.

Le critiche alla trasmissione non si risparmiano neanche per la tredicesima edizione: molti, infatti, la liquidano come espressione del gusto trash della popolazione meno abbiente. C’è, poi, chi ancora si chiede se ciò che vede sullo schermo accada realmente o se sia solo finzione. Possibile che persone anche abbastanza conosciute e in vista, i Famosi appunto, siano davvero abbandonati su un’isola e vivano di stenti? Sebbene la troupe televisiva o i medici vengano inquadrati più volte nel corso delle riprese, il programma porta a pensare che siano, effettivamente, dei sopravvissuti, intenti ad affrontare tutte le difficoltà che potrebbero incontrare dei naufraghi su un’isola tropicale.

Eppure è sufficiente soffermarsi sull’etichetta dell’Isola dei Famosi: reality show. Mostra una situazione reale, è vero, ma è pur sempre uno show, uno spettacolo con una precisa sceneggiatura, con una trama e degli attori. È, quindi, una situazione potenzialmente veritiera ma anche tenuta sotto controllo per esigenze produttive. In poche parole, quindi, la situazione non dovrebbe essere così drammatica come ci inducono a credere. C’è, inoltre, una bella differenza tra questo programma ed altri quali Man vs. Wild di Bear Grylls, la nota serie televisiva in cui viene mostrato come cavarsela in situazioni di sopravvivenza estrema.

Sono circostanze pericolose in cui il protagonista, volontariamente si inserisce, sebbene come da lui stesso affermato, non corre alcun pericolo perché circondato da esperti. Ma si tratta di reality tv, una trasmissione, cioè, che intende documentare avvenimenti realmente accaduti. L’Isola dei famosi è, invece, puro intrattenimento, come lo sono altri reality show come Nudi e Crudi: in onda su Discovery Channel, mostra una coppia che, completamente priva di ogni risorsa, inclusi i vestiti, deve sopravvivere per qualche mese in una zona selvaggia del pianeta. In questo caso, però, i concorrenti sono esperti di sopravvivenza, preparati ad affrontare, come Bear Grylls, situazioni estreme.

I partecipanti dell’Isola dei Famosi non hanno, invece, alcuna esperienza nella sopravvivenza, ed è subito lampante. Sono naufraghi ma il loro obiettivo è nutrire quella voglia di esotico che, ancora oggi, caratterizza il pubblico: quel brumoso desiderio di toccare con mano posti lontani, forse anche dimenticati, molto diversi dalle nostre città, così misteriosi ed intriganti. Poco importa la globalizzazione: infatti, anche se posti del genere non esistessero più, essi sarebbero ancora reali, nella nostra immaginazione. Come si fa, quindi, a resistere ad acque cristalline, spiagge paradisiache e foreste umide e impenetrabili, popolate da personaggi capaci di tener alta l’attenzione e la curiosità su di loro?

Devi essere loggato per scrivere un commento Login

Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari.
I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori. Ogni abuso sarà perseguito ai termini di legge.
Sono vietate le COPIE anche parziali delle parti scritte, di ogni parte grafica comprese le foto e i filmati

Vivovolley è una testata giornalista, registrata presso il Tribunale di Milano (n. 331 del 22/10/2014)
Online dal 2006 © Vivovolley.net - Direttore: Avv. Rossana Foglia | Per Contattare VivoVolley Clicca Qui

© 2007-2017 Powered by Francesco Langiulli | Get Sport Media