Bud Spencer & Terence Hill – Slaps and Beans, primato a forma di pixel

Scritto da on mag 16th, 2018 e archiviato sotto la categoria News, Notizie, VivoCult. Puoi seguire la discussione di questo post tramite RSS 2.0. Puoi lasciare una risposta o un trackback a questo post.

slaps and beans-vivovolley-vivocult[di Noemi Mendola – foto fonte web] Deserto, sole cocente. Nessuno all’orizzonte, ovviamente, altrimenti che deserto sarebbe? A muoversi, nell’inquadratura, c’è solo il classico rotolacampo, simbolo di solitudine e desolazione. Un luogo, questo, non semplice da attraversare e pericoloso da vivere, in cui ogni incontro può tramutarsi in uno scontro all’ultimo sangue, come succede anche nel film western più mediocre. A condire questa splendida ambientazione mancano solo le pistole nelle fondine e tanta, tanta violenza. Ma non tutti la pensavano così, specialmente agli inizi degli anni ‘70. “La leggerezza e l’ironia di cui Enzo Barboni era geneticamente dotato l’hanno indotto a rompere con tutti i cliché del western sanguinario anni ‘60 e ad immaginare personaggi come Trinità e Bambino: semplici, spontanei, irriverenti, insofferenti a tutte le convenzioni.”

Nacque così, nel 1970, il film che mutò completamente lo scenario degli spaghetti western allora in voga, Lo chiamavano Trinità, con un Bud Spencer (all’anagrafe Carlo Pedersoli) e un Terence Hill (Mario Girotti) divenuti in pochissimo tempo celebri grazie a questi ruoli di eroi buoni, in grado di risolvere ogni contesa con un’esilarante scazzottata. Una coppia appena creata ma dal lungo e florido futuro nel mondo cinematografico italiano, e non solo nel western, anzi: di lì a poco le loro pellicole, di vario genere, divennero dei veri e propri successi, capisaldi del nostro cinema.

E sono proprio questi cult i protagonisti del primo videogioco prodotto su di loro, di recente uscita, Bud Spencer & Terence Hill - Slaps and Beans, che si apre proprio con la sigla di apertura di Lo chiamavano Trinità, con i nostri due eroi nel Far West. Un picchiaduro a scorrimento il cui perno centrale sono (come da titolo) da un lato i fagioli, utili per ricaricare la vita, e dall’altro gli immancabili schiaffi, marchio di fabbrica della coppia. Gli stessi effetti sonori usati nei film, nelle lunghe e comiche scene di corpo a corpo, corredano, infatti, ogni colpo assestato nel videogame, la cui trama è però completamente indipendente rispetto ai molti film citati.

slaps and beans-gameplay-vivovolley-vivocultDi citazioni, infatti, ce ne sono moltissime: dagli atteggiamenti alle battute, dalle musiche originali di I due superpiedi quasi piatti fino alla Dune Buggy di …altrimenti ci arrabbiamo!, tra mini-giochi di vario genere e una grafica composta di pixel in stile anni ‘80, il gioco targato Trinity Team amalgama abilmente pellicole e clima da sala giochi, per un risultato di impatto sia per i fan della coppia sia per i nostalgici dei cabinati a gettoni. Oltre alla modalità standard, in solitaria, è possibile, inoltre, giocare in cooperazione con un partner: come è comprensibile, poter giocare in compagnia aumenta esponenzialmente la soddisfazione prodotta dal gaming.

Un appagamento meglio comprensibile, però, nell’ottica del retrogaming, la passione, oggi sempre più in auge e sicuramente non avviata col videogame in questione, per i giochi del passato. Un fenomeno per molti marginale ma invece dirompente nel settore videoludico, tra gamer destinati a crescere e maturare e la loro nostalgia per ciò con cui si divertivano da piccoli: vecchi videogame, spesso ritenuti migliori dei nuovi sulla base dei propri, dolci, ricordi d’infanzia. Non è altro che la forza della nostalgia, un po’ ciò che caratterizza il duo Spencer e Hill secondo Marco Tullio Barboni, autore anche della citazione di apertura: “a distanza di anni il duo non smette di divertire generazioni sempre nuove e di alimentare il bambino entusiasta, spontaneo, sorridente, indisciplinato e libero che è dentro ciascun adulto”, dentro ciascuno di noi. Quale migliore videogioco, allora, se non questo?

Devi essere loggato per scrivere un commento Login

Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari.
I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori. Ogni abuso sarà perseguito ai termini di legge.
Sono vietate le COPIE anche parziali delle parti scritte, di ogni parte grafica comprese le foto e i filmati

Vivovolley è una testata giornalista, registrata presso il Tribunale di Milano (n. 331 del 22/10/2014)
Online dal 2006 © Vivovolley.net - Direttore: Avv. Rossana Foglia | Per Contattare VivoVolley Clicca Qui

© 2007-2017 Powered by Francesco Langiulli | Get Sport Media