“Il Trofeo delle Province quale occasione di confronto e crescita”. La preparazione all’evento raccontata da Massimo Piazzi, selezionatore della rappresentativa maschile 2018 CT FIPAV Cremona Lodi

Scritto da on mag 16th, 2018 e archiviato sotto la categoria Comunicati Stampa, Interviste, Notizie. Puoi seguire la discussione di questo post tramite RSS 2.0. Puoi lasciare una risposta o un trackback a questo post.

Masimo Piazzi - Selezione Maschile 2018 CTCreLoManca meno di un mese all’appuntamento con l’edizione 2018 del Trofeo delle Province che si svolgerà nel secondo fine settimana di giugno, sabato 9 e domenica 10 in Val Camonica, ma Massimo Piazzi, allenatore e selezionatore della squadra maschile che rappresenterà il Comitato Territoriale FIPAV Cremona Lodi, ha già le idee chiare. Tanto sugli obiettivi da raggiungere – racconta il coach – quanto sui protagonisti di questa avventura. Il proposito, infatti, è quello di ottenere il miglior risultato possibile e di riuscire a migliorare rispetto al quinto posto ottenuto lo scorso anno, pur sapendo che ad ogni edizione ci si presenta con una la squadra diversa e che le variabili sono tante. Per questo ho preferito concludere il processo delle selezioni con la convocazione dei tredici atleti che venerdì 8 giugno partiranno alla volta di Boario. Si tratta di giocatori, tutti di classe 2003, che avevo già avuto modo di conoscere durante il campionato provinciale di UNDER16 a cui ho partecipato in veste di allenatore e con i quali ora inizieremo il percorso che ci condurrà al Trofeo.”

Un processo di selezione che ha avuto una modalità differente rispetto a quanto fatto lo scorso anno “perché ho preferito visionare, anche insieme al vice Emanuele Borghesi, gli atleti durante gli allenamenti serali della stagione. Per cogliere altri aspetti, andare oltre le prestazioni della gara, raccogliere quelle idee e sensazioni della situazione generale che, sommate alle valutazioni fatte in sede dei raduni ufficiali di Lodi, Mulazzano e di Cingia dé Botti, hanno portato alla scelta e definizione del gruppo. Una scelta fatta in anticipo sui tempi, forse, ma dettata da due motivi. Il primo è quello di non voler illudere, e successivamente deludere, nessuno: arrivare a giugno per dover comunicare la scelta e, quindi, l’esclusione di una parte del gruppo non rientra nel mio sentire. Il secondo è iniziare da subito il lavoro con un gruppo definito e definitivo.”

Un lavoro, dunque, che inizia proprio ora. “Con un allenamento infrasettimanale e uno previsto per ogni fine settimana che ci separa dall’evento. Conoscendo tutte le difficoltà che questo può comportare: penso alle distanze chilometriche e ai viaggi che alcuni atleti dovranno affrontare per raggiungere la palestra. Per questo un ringraziamento speciale va ai genitori, sempre disponibili a dare una mano e mettersi in auto per accompagnare i figli. So cosa significa, avendo sperimentato la situazione in prima persona.

Un sacrificio anche per gli atleti ai quali, però, spetta una ricca ricompensa “quella di confrontarsi, in un torneo di alto livello, con realtà e modi di vivere e intendere il volley diversi da quelli del club da dove provengono, con atleti che militano nella medesima categoria ma che provengono da realtà più grandi rispetto alle nostre e per questo hanno la possibilità di allenarsi o di giocare anche in campionati di categorie superiori. Questo tipo di confronto sul campo e fuori è, quindi, una grande occasione di crescita, personale e sportiva. Il contatto con realtà diverse è il grande valore aggiunto di questa manifestazione.”

Sedute di allenamento settimanale, dunque, per le settimane che ci separano dal Trofeo delle Province e un appuntamento a metà del cammino: domenica 27 maggio, infatti, è prevista una sfida amichevole, su campo avversario, con la rappresentativa del Comitato FIPAV di Pavia. “Un’occasione per comprendere lo stato della preparazione e studiare eventuali modifiche da apportare – conclude Massimo Piazzi – ma anche un primo assaggio della manifestazione che già nel primo girone prevede uno scontro con i ragazzi di Pavia. Il primo passo dell’avventura che ci attende.”

UFFICIO STAMPA del COMITATO TERRITORIALE FIPAV CREMONA LODI

26100 Cremona – Via Fabio Filzi 35

Tel. 0372/30569,462478 – Fax 0372/457395

mail segreteria cremonalodi@federvolley.it

mail ufficio stampa stampa.cremonalodi@gmail.com

web: http://www.cremonalodi.federvolley.it

pagina fb https://www.facebook.com/fipavcremona

Devi essere loggato per scrivere un commento Login

Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari.
I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori. Ogni abuso sarà perseguito ai termini di legge.
Sono vietate le COPIE anche parziali delle parti scritte, di ogni parte grafica comprese le foto e i filmati

Vivovolley è una testata giornalista, registrata presso il Tribunale di Milano (n. 331 del 22/10/2014)
Online dal 2006 © Vivovolley.net - Direttore: Avv. Rossana Foglia | Per Contattare VivoVolley Clicca Qui

© 2007-2017 Powered by Francesco Langiulli | Get Sport Media