Con la Russia una prova di carattere per l’Italvolley già qualificata

Scritto da on set 23rd, 2018 e archiviato sotto la categoria News, Notizie. Puoi seguire la discussione di questo post tramite RSS 2.0. Puoi lasciare una risposta o un trackback a questo post.

42249332_1174368316021575_5560554782147477504_n[di Emanuela Macrì – foto Fabio Cucchetti] Settimo appuntamento mondiale per l’Italia di Ivan Zaytsev e Massimo Colaci, due capitani per una nazionale che stasera schiera un elemento in più: la certezza della qualificazione alla fase successive, quella che concluderà i Campionati del mondo di pallavolo maschile di Italia e Bulgaria 2018, ospitata a Torino. Poco importa, pero, per I ragazzi di Blengini che iniziano con il piede pesante sull’acceleratore passando da un mini break iniziale (3-0) per presentarsi al primo tempo tecnico in vantaggio di 5 lunghezze (8-3). Approfittando della carica dei primi punti e di qualche errore russo, gli azzurri costruiscono il set mattone su mattone un set sorprendente, passando dal +5 di metà set (16-11) ottenuto da Ivan Zaytsev, che spara il pallone a terra e incita il pubblico. Il tutto mentre i russi sembrano spaesati ma trovano il modo di accorciare le distanze (17-15). Gli azzurri, però, non si lasciano impressionare e riprendono quota, chiudendo con un primo tempo di Mazzone (25-19).

Al ritorno delle squadre in campo la musica cambia e l’atmosfera che aveva elettrizzato il forum in apertura di match sembra svanire sotto i colpi dei russi, che ritrovano ritmo e identità. E ottengono un vantaggio che difendono con le unghie e i denti (dal +3 del primo tecnico a quello del secondo), mentre gli azzurri non riescono a reagire e vedono Muserki e compagni chiudere il set 25-18. Complice la qualificazione da centrare, e la mira al servizio (decisamente e insolitamente impreciso) aggiustasta, la nazionale russa insiste sul muro anche nel terzo parziale di gara: al primo time out, avanti di 3 lunghezze, vanta un parziale nel fondamentale di 7 punti contro i 2 degli azzurri. E poi vola dal 16-10 al 25-21.

42394614_1174444659347274_3532633433006145536_nMa l’Italia, che in chiusura di terzo set avevano rialzato la tesa, arrivando a recuperare fino al 23-21,  continua la sua onda positiva, recuperando uno svantaggio di 4 lunghezze (dal 5-1 russo all’8-6 dell’Italia) per il primo tempo di Simone Anzani del 16-13. Che rivitalizza Giannelli e compagni, ma anche  iI pubblico, che dopo qualche momento di opacità ritrova la voce. Accompagnato dagli attacchi di Juantorena e Zaytsev e il punto al servizio di Maurotti. Mentre a chiudere è un servizio out dei russi (25- 19), di nuovo al tappeto dopo due set a tutto gas.

Via alle danze del quinto set di equilibrio, nei primi scambi, ma poi in accelerazione per i russi, in vantaggio al cambio di campo (8-6) e, infine, in decollo nel finale. Con l’ace di Muserski del 14-10 e l’attacco vincente di Mihailov del 15-11 che mettono in tasca una vittoria preziosa, costruita di 11 muri punto totali e 9 sigilli dalla linea di fondo campo. Importanti e, forse, vitali per il loro Mondiale. Se le prime nazionali qualificate dei 4 gironi (Brasile, USA e Serbia oltre all’Italia) vi è ancora incertezza sulle due migliori seconde classificate che accederanno alla fase torinese. E i loro nomi li scopriremo vivendo… la serata di domani sera.

La fotogallery di RUSSIA – ITALIA  3-2 (19-25; 25-18; 25-21; 19-25; 15-11) è online sulla pagina fb di Get Sport Media, qui https://www.facebook.com/getsportmedia/

Devi essere loggato per scrivere un commento Login

Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari.
I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori. Ogni abuso sarà perseguito ai termini di legge.
Sono vietate le COPIE anche parziali delle parti scritte, di ogni parte grafica comprese le foto e i filmati

Vivovolley è una testata giornalista, registrata presso il Tribunale di Milano (n. 331 del 22/10/2014)
Online dal 2006 © Vivovolley.net - Direttore: Avv. Rossana Foglia | Per Contattare VivoVolley Clicca Qui

© 2007-2017 Powered by Francesco Langiulli | Get Sport Media